Google+

Di Pietro alle prese col “Batman” dell’Idv. E De Magistris non aspetta

ottobre 11, 2012 Chiara Sirianni

Intervista ad Alberico Giostra: «Non si può parlare della solita mela marcia, anche perché le mele iniziano ad essere numerose»

Il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, ha annunciato che «la scelta o meno di partecipare alle elezioni con una lista arancione la stiamo valutando. E ci sono anche delle possibilità concrete che questo accada». Inoltre  l’ex pm ha lanciato un appello a Beppe Grillo (i rapporti si erano raffreddati nel novembre 2011), spiegando che potrebbe essere «un interlocutore assolutamente importante». Come sta cambiando l’identità politica dell’Idv? Lo abbiamo chiesto al giornalista Alberico Giostra.

De Magistris ha detto che i suoi rapporti col leader dell’Idv, Antonio Di Pietro, sono buoni. E anche che «il nostro rapporto si evolverà quando lui si renderà conto che io non sono un pericolo, ma una risorsa».
Lui guarda con interesse all’area del movimentismo, del movimento operaio e studentesco, alla parte del Pd che critica Monti, al mondo ecologista e all’Idv. In sostanza affronta quella che ha tutta l’aria di essere una campagna elettorale con delle enormi contraddizioni. Deve regolare il suo rapporto con Di Pietro, visto che 15 dei suoi consiglieri sono dell’Idv, e visto che molti militanti si aspettavano da lui una battaglia congressuale, che andasse al di là delle sue ambizioni personali. Il cosiddetto movimento arancione parte con delle ambiguità programmatiche che riflettono la crisi di una sinistra che non ha ancora deciso cosa fare con l’agenda Monti, se tenerla come priorità o se stracciarla.

Il coordinatore e capogruppo dell’Idv nel Lazio, Vincenzo Maruccio, è accusato di aver sottratto al partito almeno 780.000 euro. Un danno d’immagine per il partito della legalità?
Molto, anche perché non si tratta di uno sconosciuto, ma dell’avvocato di Di Pietro, fa parte dello studio Scicchitano, anche lui indagato per false fatturazioni. E il leader dell’Idv non potrà parlare della solita mela marcia, anche perché le mele iniziano ad essere numerose. Alla retorica della presunta azione moralizzatrice, dei volti nuovi, ornai non crede più nessuno. È l’ennesima figuraccia di un partito che si rivela esattamente l’opposto di come vuole apparire.

In che senso?
Se si intende la politica come mera applicazione del codice penale, questi sono i risultati: che cacci il “ladro” dalla porta, ma poi rientra dalla finestra. E stando così le cose, la parte sana del partito, quella che si proclama giustizialista, non è adatta a svolgere un’azione di pulizia interna. C’è troppo verticismo. È inutile illudersi che l’Idv possa ripartire con delle candidature on-line.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download