Google+

Di Maria e quei gol per la figlia Mia che rischiò di morire appena nata: «Mi ha insegnato che tutto è possibile»

luglio 4, 2014 Redazione

Il calciatore argentino e la storia della piccola cui dedica le sue vittorie unendo le mani a forma di cuore. I medici le davano solo pochissime speranza di vita. E invece…

Siamo ormai abituati ai calciatori che, dopo un gol, si rivolgono agli spalti congiungendo le mani a forma di cuore. È un segno d’affetto un po’ patetico mostrato a mogli e fidanzate (e fotografi). Ma c’è un calciatore a questo Mondiale in Brasile che quel gesto lo fa pensando alla figlia, Mia.
«Mi ha insegnato che tutto è possibile», ha dichiarato il giocatore argentino, 26 anni, autore del gol vittoria agli ottavi contro la Svizzera. Mia è nata il 22 aprile 2013, prematura, aveva solo sei mesi. Parto d’urgenza, complicato, difficile.  Per i medici aveva solo il 30 per cento di possibilità di rimanere in vita. Invece Mia ce l’ha fatta e il 24 maggio il papà l’ha portata sul campo al termine della finale di Champions League, vinta dal Real Madrid di cui Di Maria è uno dei campioni maggiormente celebrati.

DA 26 PALLONI A 26 MILIONI. D’altronde Di Maria è un calciatore abituato alle sfide. Nato a Rosario, si dice che la madre lo mandasse a giocare a pallone per evitare che in casa sfasciasse tutto con la corsa e il pallone. Il bambino, già a sei anni, fu al centro di un piccolo caso di “mercato”. Pare, infatti, che il club Rosario Central avesse offerto 26 palloni da calcio alla squadra del campetto di periferia pur di averlo nelle sue fila. La leggenda narra che Di Maria accettò e lì iniziò la sua carriera, anche se, quei 26 palloni, non furono mai consegnati. Marcelo Trivisonno, all’epoca tecnico delle giovanili del Central, ricorda che «nessuno avrebbe immaginato un futuro tanto luminoso per quel ragazzino che spesso si presentava agli allenamenti con le mani sporche di carbone e qualche ferita sparsa qua e là, perché aiutava il padre a distribuire legna e carbone».
Nel 2010 è passato dal Benfica al Real per 26 milioni di dollari (altro che 26 palloni). Ma oggi, nei pensieri di Angel c’è posto solo per la figlia Mia.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Siria scrive:

    Angelo di Maria nato a Rosario!!!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana