Google+

I “democratici” anti-Trump mettono a ferro e fuoco l’Università di Berkeley

febbraio 2, 2017 Redazione

Un centinaio di studenti hanno assaltato i locali dell’università per impedire un incontro con un giornalista di Breitbart

berkeley

Tafferugli, lancio di molotov, vetrate e porte sfondate. È lo scenario da guerriglia urbana verificatosi nel campus dell’Università di Berkeley in California. Il motivo della sommossa? L’intervento di Milo Yiannopoulos, blogger, omosessuale, convinto sostenitore del presidente Donald Trump, giornalista di Breitbart, il sito del consigliere strategico di Trump, Steve Bannon. In seguito agli scontri che hanno messo a ferro e fuoco il campus, l’evento è stato annullato.

berkeley-02

Un centinaio di manifestanti a volto coperto hanno tentato l’assalto alle aule dell’ateneo dove doveva svolgersi l’incontro con Yiannopoulos, una tappa del suo “Dangerous Faggot tour” (tour del “frocio pericoloso”). La polizia, in tenuta antisommossa, ha cercato di mantenere l’ordine tra i manifestanti (circa 1.500) che urlavano slogan anti-Trump, ma ha dovuto sparare gas lacrimogeni per arginare i più facinorosi che hanno rotto finestre, appiccato fuochi, lanciato fumogeni. Secondo il sito SFGate.com, i manifestanti hanno lanciato mattoni e petardi contro la polizia che ha risposto con proiettili di gomma. Al momento non ci sono notizie di arresti o feriti gravi.

berkeley-01

Yiannopoulos era stato invitato dagli studenti repubblicani. Il loro portavoce Pieter Sittler ha dichiarato di non essere d’accordo con tutto quello che dice, ma che egli «dà voce al pensiero conservatore represso nei campus universitari americani». I responsabili dell’ateneo hanno reso noto di non c’entrare nulla con l’invito, ma di aver respinto tutte le precedenti richieste di cancellare l’evento.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Opel torna nel segmento delle SUV medie. E lo fa sbattendo la porta con tanta forza da far tremare i vetri. La nuova Grandland X, terzo atto della saga X dopo Mokka X e Crossland X, è una vettura concreta, spaziosa, confortevole e ben rifinita. Oltretutto forte di un design piacevole. Caratteristiche che, di per […]

L'articolo Prova Opel Grandland X proviene da RED Live.

L’ingresso di Fiat nel segmento dei Pick-up avviene grazie a una importante e strategica collaborazione con Mitsubishi di cui il Fullback è “figlio legittimo”. Stringendo una intelligente partnership con chi è stato ritenuto il miglior interprete di questa filosofia, Fiat ha infatti potuto entrare sul mercato dalla porta principale con un mezzo che, già in […]

L'articolo Prova Fiat Fullback LX 180 CV, buona la prima proviene da RED Live.

Pirelli ci riprova. Dopo il lancio degli pneumatici da bici P Zero Velo riparte dal ciclismo il progetto Pirelli Design, avviato dall’azienda per valorizzare il suo bacino di conoscenze in fatto di tecnologia. Procede dunque in questa direzione la nuova capsule collection con la collaborazione di Castelli, azienda italiana con più di quarant’anni di storia vissuta […]

L'articolo Pirelli Design e Castelli insieme per una collezione speciale proviene da RED Live.

Le due rappresentanti heritage della Casa di Iwata si tingono di nuovi colori e richiamano ancora di più il passato: sono le Yamaha XSR700 e XSR900 2018

L'articolo Yamaha XSR700 e XSR900 2018 proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. La prova della nuova gamma Softail comincia così, all’insegna di un motto indiscutibilmente americano. Oltre alle suggestioni culturali, però, c’è altro: otto modelli del tutto inediti, progettati ex novo per essere attuali oggi e soprattutto domani. Nel futuro di Harley-Davidson, infatti, ci saranno 100 nuovi modelli in 10 anni. […]

L'articolo Prova Harley-Davidson gamma Softail 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana