Google+

Def. «Renzi ha detto il falso? Certamente no. Ha citato solo una parte della verità? Certamente sì»

aprile 8, 2015 Redazione

Presentando il Documento di economia e finanza, il presidente del Consiglio ha assicurato che non ci saranno «né tasse né tagli». Ma tutto è rimandato

Def: Renzi, in 2015 riduzione tasse per 21 mld«Nemmeno un euro di tasse in più», ha detto ieri in conferenza stampa il presidente del Consiglio Matteo Renzi. Come valutare il Def, il Documento di economia e finanza, le cui linee guida sono state presentate ieri dal premier accanto al ministro dell’Economia Giancarlo Padoan? A leggere i commenti di molti analisti apparsi oggi sui principali quotidiani, una cosa risulta chiara: molto dipenderà da cosa poi, realmente, aldilà delle parole e delle promesse, il Governo farà. Come scrive Avvenire, si tratta di un «testo interlocutorio» che «segna una sorta di tregua con l’Europa: l’Italia si accontenta della flessibilità già elargita a gennaio da Bruxelles e non alza l’asticella».

AUMENTO DELLE TASSE. Sul Sole 24 Ore, ad esempio, Fabrizio Forquet scrive che un giudizio su quanto dichiarato ieri da Renzi dipende dall’angolatura con cui si guardano i problemi: «Ha detto il falso il presidente del Consiglio? Certamente no. Ha citato solo una parte della verità? Certamente sì». Spingere sulla fiducia fa certamente parte del suo “mestiere”, ma poi, bisogna fare anche i conti con la realtà. Per cui, se è buona cosa che il governo prometta di non voler aumentare le tasse, d’altro canto, ciò «dalle linee guida del Documento di economia e finanza, presentate ieri, non emerge». Si vedrà in autunno con la legge di stabilità, ma non bisogna scordare che «il quadro delle entrate e delle uscite pubbliche, per il prossimo anno, parte con la zavorra di un drammatico meno 16 miliardi, che sono i 16 miliardi di tasse in più pronte a scattare a legislazione vigente con le cosiddette clausole di salvaguardia».

CLAUSOLE DI SALVAGUARDIA. Clausole che non sono un’eredità del passato ma «in gran parte (per 12,8 miliardi) della legge di stabilità varata dal Governo lo scorso autunno. Un aumento di tasse a tutti gli effetti, aumento dell’Iva per la precisione. Anche se mascherato dalla dizione furba di “clausola di salvaguardia”. E anche se post-datato al 2016». E al 2016, non manca mica tanto tempo. Nel Def, nota Forquet, si trova nero su bianco, che quei soldi arriveranno grazie a «interventi di riduzione delle spese e delle agevolazioni fiscali per almeno 10 miliardi nel 2016 e 5 miliardi nel 2017». “Speriamo”, verrebbe da sospirare. Ma si tenga presente che «un taglio di almeno 10 miliardi di spesa in un anno finora non è mai stato fatto».

FRANCIA O SPAGNA? Anche Il Foglio scrive che «da qui a settembre, il momento della legge di stabilità», si capiranno meglio le scelte di Renzi. Anche se, nota il quotidiano, sarebbe interessante scoprire quale strategia il presidente del Consiglio intenda adottare. Ne esistono, diciamo così, di due tipi: o quella della Spagna o quella della Francia («i due paesi dell’eurozona con disavanzi elevati, rispettivamente il 5,5 ed il 4 per cento»»). «Ma Madrid – scrive Il Foglio – facendo molte riforme (e con un po’ di aiuti europei alle banche) torna in rotta prima del previsto, e mette a segno una crescita stimata vicina al 3 per cento nel 2015. Parigi con la sua inazione, cresce a livello italiano. La Spagna ha adottato una riforma del lavoro che non distingue tra pubblico e privato, tra vecchi e nuovi assunti, a differenza del Jobs Act (…). La Francia discute ancora delle 35 ore».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Giuliano Moneta scrive:

    Sorprende come qs. testata sia intervenuta a spada tratta nella difesa di Lupi per quisquiglie e abbia taciuto e taccia sulla coop CPL Concordia. Questione personale?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana