Google+

Decreto vaccini. Una lettera aperta e una risposta

luglio 15, 2017 Chiara Mussi - Rachele Schirle

Le ragioni di un medico amareggiato nel vedere i cittadini «assimilati a interdetti mentali». E quelle a favore dell’obbligatorietà, spiacevole ma «sostenuta dalla verità dei dati»

decreto-vaccini-protesta-pesaro-ansa

Quando ho iniziato a lavorare in ospedale, come studente, la maggior parte dei miei mentori mi insegnarono una regola molto importante: ascoltare i pazienti. Su questa base, vorrei invitare ad una riflessione i medici e tutti i cittadini sul decreto legge Lorenzin, che impone come obbligatorie 12 (±X) vaccinazioni in età pediatrica, pena, per le famiglie che non aderiscono a tutti i 12 (±X) obblighi vaccinali inaccessibilità ad asili e scuole, sanzioni pecuniarie di notevole entità, perdita della patria potestà.

Tra le premesse alla riflessione vorrei ricordare alcuni punti.

Nella pratica clinica, i trattamenti sanitari obbligatori (Tso), vengono raramente utilizzati e riservati a situazioni di emergenza e soggetti incapaci di intendere e volere. Caratteristiche che non vedo applicabili ai genitori di neonati sani.

La medicina moderna è andata sempre più verso la condivisione tra medico e paziente delle scelte terapeutiche. L’alleanza terapeutica che si crea tra chi cura e chi è curato aumenta la compliance del paziente e porta a migliori risultati.

Il consenso informato è nato a garanzia del paziente e rappresenta una tutela importantissima per il cittadino, alla quale una società civile non dovrebbe rinunciare.

La nostra Costituzione e numerosi altre leggi e convenzioni nazionali e internazionali riconoscono l’inalienabilità del corpo umano, tutelano la salute del singolo cittadino, anche nei confronti degli obiettivi di salute pubblica, e limitano fortemente l’utilizzo di trattamenti sanitari obbligatori.

A fronte di queste premesse mi chiedo se sia invece lecito che la classe medica si ponga così al di sopra del cittadino. Con questo approccio, gli “esperti” decidono che cosa rappresenta il meglio per i singoli e per la collettività, ma non sono tenuti a convincerli, possono imporre multipli trattamenti, anche in assenza di malattia, di emergenza, di incapacità di intendere e di volere.

Con questo approccio, i genitori, ma direi in generale i pazienti, non contano più nulla. Sono assimilati ad interdetti mentali, poiché evidentemente ritenuti tali.

Ho ascoltato in questi giorni i racconti di molti genitori. Non mi sono per nulla infastidita nel vedere mamme che hanno fatto ricerche bibliografiche su internet, degne di uno studente universitario. Anzi mi sono commossa. Mi sono ricordata di quello che diceva sant’Agostino: «Solo chi ama conosce». Mi sono ricordata dei miei grandi professori che mi hanno più volte suggerito, quando non capivo le complicazioni e la patologia di un paziente, di ascoltarlo, di vistarlo ancora, di sedermi al suo fianco a pensare e ripensare.

Tra le migliaia di persone che hanno manifestato in questi giorni contro il decreto, nel silenzio assordante dei media e nell’indifferenza generale, ci sono moltissime famiglie che hanno figli con qualche disabilità in casa, che loro ritengono essere il risultato di un danno da vaccino. Far finta che queste persone non esistano, censurarne la voce, multarle, deriderle, non ha nulla né di etico né di scientifico.

Queste malattie richiedono un focus da parte della comunità scientifica, che analizzi nel dettaglio cosa è capitato nel singolo soggetto e nella collettività. Questo focus può essere solo positivo, poiché darà chiarezza e conoscenza. Non è sufficiente laconicamente affermare che non sappiamo cosa è successo.

Queste famiglie necessitano inoltre di un’attenzione umana e sociale, da parte dei medici, delle istituzioni e della comunità. L’indifferenza non fa che aumentare la rabbia.

A questo proposito ho sempre avuto grande ammirazione e rispetto per le associazioni di pazienti e per i patient advocacy groups. Credo che diano un contributo fondamentale alla medicina e siano da incoraggiare, non scoraggiare.

Ascoltare i pazienti è uno dei compiti del medico. I medici sono gli esperti della salute, ma i pazienti sono coloro che ricevono i trattamenti che i medici somministrano, per tanto hanno tutto il diritto di chiedere, mettere in discussione e soprattutto scegliere.

Il dibattito scientifico sui vaccini è complesso, così come lo sono il nostro sistema immunitario e il corpo umano. Il dottor Berrino ha paragonato questo decreto a una tortura di un sistema totalitario, in cui si ripetono slogan che rappresentano un’enorme semplificazione della realtà e si minacciano coloro ancora non del tutto persuasi del lavaggio del cervello a cui vengono sottoposti.

Spero che in questa confusione, che ha creato una vera frattura sociale, si possa riprendere un vero dibattito scientifico, che è quello che appassiona e libera la mente. Poiché la medicina deve andare avanti e non si deve mai accontentare dei risultati raggiunti.

Spero soprattutto che si possa ridare serenità alle famiglie, che si sentono private del diritto all’informazione e alla scelta.

Per quanto riguarda il diritto alla scelta, continuo a riflettere sul fatto che ogni nostra decisione influenza gli altri, da quando prendiamo la macchina al mattino per andare al lavoro, inquinando l’aria che è di tutti, a quando saliamo in metropolitana col mal di gola, esponendo altri al contagio. Per quanto riguarda i vaccini, questa riflessione dovrebbe tener conto di tutta la popolazione, non solo di quella pediatrica. Dal punto di vista tecnico, va invece ricordato che questo tema riguarda solo quelle malattie per le quali il vaccino dovrebbe produrre un effetto gregge (no tetano, pertosse, improbabile per meningite, ecetera) e questo effetto gregge dovrebbe essere scientificamente dimostrato e non solo desiderato.

Dal punto di vista giuridico, il diritto dei pazienti che vorrebbero vaccinarsi ma non possono e la cui salute in qualche modo potrebbe dipendere dalla vaccinazioni di altri, si contrappone a quello di chi non vuole essere vaccinato perché teme complicazioni da vaccino o per altre ragioni. Dal mio punto di vista, questi diritti hanno pari dignità e credo che debba essere lasciata libertà di scelta, come per tutti i trattamenti che riguardano il nostro corpo e la nostra salute. In ogni caso, questo è sicuramente un complesso tema di riflessione, che necessita di approfondimenti giuridici e non di frettolosi provvedimenti.

In generale penso che sia questa la differenza tra una tirannia e la democrazia. Nella democrazia i singoli hanno diritto a contribuire liberamente al raggiungimento del proprio bene e del bene pubblico. Nei regimi totalitari il bene pubblico è conosciuto da pochi, che lo impongono ai cittadini, che non sono più visti come protagonisti, ma come sudditi, da comandare, poiché incapaci di riconoscere la giusta strada da percorrere.

Con tutti i limiti della democrazia e pur conscia che la verità non è democratica, continuo a ritenere il sistema democratico il men peggiore che l’uomo possa produrre.

Infine, vorrei invitare tutti, anche coloro che non hanno figli, ad immedesimarsi nella situazione. Provate ad immaginare se foste voi a ricevere una lettera in cui gli esperti comunicano che hanno deciso che dovete sottoporvi, per garantire la vostra salute e quella pubblica, a 12 (±X) vaccinazioni (decise ad hoc dai tecnici, adeguate ai vostri rischi e alla vostra fascia d’età). Pena non poter andare più al lavoro. Per quest’anno. L’anno prossimo potrebbero essere di più, a seconda dei nuovi preparati a disposizione. Il numero verrà deciso da una commissioni di esperti e vi verrà comunicato. Ma dovete farle tutte e 12 (±X), altrimenti in ufficio non si entra. E si paga anche una multa. Così e basta.

È questo il modo con cui vorreste che venga trattato il tema della vostra salute e del benessere della comunità? Questa lettera non è fantasia. È la realtà che stanno vivendo in questi giorni migliaia di famiglie. È così che i medici vogliono far valere le loro buone ragioni? È questo il futuro del rapporto medico-paziente?

Chiara Mussi medico chirurgo

* * *

decreto-vaccini-ansa

Tempi ha deciso di pubblicare la lettera della dottoressa Chiara Mussi perché crede che tutte le posizioni sulla vicenda della legge sull’obbligo vaccinale per l’accesso a scuola debbano essere rispettate.

Lo credo anch’io, ma non posso fare a meno di rilevare che le considerazioni espresse appaiono parziali e tutte informate dal concetto (e sospetto) di fondo che le vaccinazioni siano intrinsecamente pericolose (mentre si tratta di prodotti farmaceutici ad elevato livello di sicurezza), e dimenticando l’enorme impatto positivo che esse hanno avuto e hanno oggi più che mai sulla salute degli individui e della collettività. I 5 milioni di morti nel mondo ogni anno per vaiolo sono un ricordo lontano grazie alla vaccinazione; le centinaia di migliaia di paralisi permanenti da poliomielite (per molti con il resto della vita nel polmone d’acciaio) oggi evitate grazie alla prossima eradicazione dell’infezione, sono esempi eclatanti dei rischi per la nostra salute senza i vaccini.

Penso che a nessuno, incluse le autorità sanitarie che hanno deciso di introdurre questa legge, faccia piacere l’idea di dover imporre l’adesione a una pratica che dovrebbe essere accettata per intima convinzione. Ma siamo nell’epoca in cui ogni opinione espressa su basi scientifiche o fondata su dati inconsistenti ha, agli occhi del profano, uguale valore, anche per la crisi del principio di autorevolezza, che coinvolge pure gli esperti medici del settore…

È in tale contesto (speriamo contingente) che l’obbligatorietà va posta, perché quando alla verità scientifica sul beneficio di salute delle vaccinazioni si affianca il sospetto indimostrato della loro responsabilità nel causare rare sindromi, sempre caratterizzate da non conoscenza sulle reali cause, l’obbligatorietà rappresenta, prima ancora che una coercizione, un chiaro segnale di cosa sia veramente sostenuto dalla verità dei dati.

Mussi teme che al consenso informato venga sostituita una sorta di “catena di montaggio” della vaccinazione, fatta senza spiegare e ottenere un’adesione consapevole. Credo che oggi sia impossible anche pensare a un obbligatorietà senza una completa informazione e un tentativo di costruire un’alleanza con i genitori, se così non fosse sarebbe un errore imperdonabile. Ma bisogna anche dire chiaramente che la Costituzione dichiara di tutelare la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività. La libertà individuale si deve fermare nel momento in cui la mancata vaccinazione mette a rischio i soggetti più deboli della società, che non possono essere veramente immunizzati per ragioni mediche.

Le famiglie con bambini disabili meritano tutto il nostro appoggio e l’aiuto sociale di cui hanno bisogno. Ma nessuno studio condotto con metodi corretti ha mai dimostrato un rapporto di causa-effetto tra vaccinazioni oggi utilizzate ed eventi avversi di gravità tale da causare disabilità. Purtroppo i vaccini sono il “capro espiatorio” perfetto di molte malattie ad incerta causa, proprio perché vengono somministrati alla quasi totalità della popolazione in età infantile. E anche un semplice rapporto di coincidenza temporale (purtroppo i problemi e le disabilità si verificano con una certa numerosità indipendentemente dall’intervento vaccinale) viene ritenuto sufficiente per sospettare o costruirsi una convinzione che il vaccino ne sia responsabile.

La legge sull’obbligo è attualmente ancora in discussione, per cui non conosciamo ancora il testo finale. Pare comunque che molte delle più temute misure coercitive (perdita della patria potestà, multe insostenibili) siano già state eliminate dagli emendamenti che si susseguono, per cui con ogni probabilità l’obbligatorietà assumerà sempre più, nel rispetto delle vere controindicazioni mediche alle vaccinazioni, una indicazione chiara per le famiglie di cosa dica la scienza medica sul profilo di beneficio (grandissimo) e dei rischi (molto modesti) di questa pratica. Gli oppositori “ideologici” delle vaccinazioni, sempre molto agguerriti, troveranno forse un modo per evitare comunque le vaccinazioni ai propri figli, con ciò esponendoli a rischi personali e rendendoli potenzialmente delle fonti di contagio per i soggetti più deboli e indifesi. Ma, almeno, si darà una chiara indicazione operativa a tutti quei genitori sempre più esitanti e confusi sulla decisione giusta per la schizofrenia informativa a cui, su questo tema, siamo continuamente esposti.

Rachele Schirle

* * *

Sul tema dell’obbligo vaccinale leggi anche l’editoriale di Alessandro Giuli su “La gaia scienza e il vaccino dell’anima” e il nostro dibattuto sul vaccino anti Papilloma virus: Giojelli con Perno e Grandolfo | Garattini | Cesana | Bellavite | Bonanni

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana