Google+

Con il decreto del fare la politica fa meglio della finanza, alle prese con un altro pasticcio

agosto 19, 2013 Massimo Giardina

Il varo della nuova Sabatini e del rafforzamento del Fondo stabilità sono giuste mosse. Non lo si può dire degli intermediari alle prese con una nuova bolla.

Tra i vari provvedimenti approvati nel decreto del fare la scorsa settimana ve ne sono due in particolare che mettono in buona luce l’operato del governo e del Parlamento. Purtroppo non si può dire la stessa cosa delle istituzioni finanziarie impegnate in questi tempi estivi a preparare strumenti da mettere sul mercato nel prossimo autunno e che potrebbero rivelarsi un’ennesima bolla.

ANCORA DEBITI. Sono settimane che si leggono notizie su banche ed affini nella preparazione di fondi per la gestione di una serie di strumenti finanziari di debito che saranno emessi dalle imprese nei prossimi mesi. Nel dettaglio, in discussione ci sono i minibond: obbligazioni commisurate alla necessità di liquidità delle pmi. Il sistema italiano, eccessivamente bancocentrico, ha negli ultimi trent’anni soddisfatto le esigenze di liquidità nell’accesso al credito bancario, ma per gli effetti dei vincoli stringenti di patrimonializzazione richiesti dalla vigilanza (le regole di Basilea) e per far fronte alle sofferenze che nell’immediato futuro le banche dovranno sopportare, i rischi del credito verranno distribuiti al mercato e in parte non verranno più mantenuti dagli intermediari.

A CHI RIMANE IL CERINO IN MANO? In sostanza le aziende che necessitano liquidità, emetteranno minibond che verranno a loro volta distribuiti nel mercato. Il vero punto è sulla capacità di rimborso delle nuove obbligazioni. Per gli intermediari – le banche e affini di cui sopra – sarà un’ottima possibilità di business con rischi molto più ridotti rispetto al credito prestato direttamente ad un’impresa. Chi potrebbe rimanere con il cerino in mano? Il risparmiatore ovviamente.
La pericolosità di tali strumenti risiede nel solito problema italiano: le aziende soddisfano la necessità di finanziarsi a debito anziché con il capitale proprio, ovvero con i capitali dei soci o con altre operazioni straordinarie di rafforzamento patrimoniale.

LA SABATINI RILANCIA GLI INVESTIMENTI, E QUINDI L’ECONOMIA. Di altro tenore invece è il ripristino della ex legge Sabatini contenuta nel decreto del fare, che reintroduce la possibilità di finanziare con credito agevolato le imprese che vorranno acquisire macchinari, impianti, beni strumentali e attrezzature ad uso produttivo è un aiuto concreto perché va ad incentivare la vera molla dell’economia: gli investimenti. In questo modo si dà un aiuto concreto, attraverso lo stanziamento di 2,5 miliardi anticipati dalla Cassa depositi e prestiti, alle imprese che fanno utilizzo dei debiti non per rifinanziare i debiti pregressi – dai debiti bancari scaduti a fornitori e salari -, ma per incentivare la crescita. Un’azienda che si indebita per ripagare il proprio debito è cotta e i finanziamenti in questo caso non fanno che rendere la situazione peggiore.

UN RESPIRO PER LE IMPRESE. Sul lato dell’esigenza di liquidità, problema di non poco conto, l’altro provvedimento che prevede il rafforzamento del fondo di garanzia per lo sblocco dei debito della Pubblica amministrazione è un altro segnale positivo perché rendono resi liquidi i crediti maturati dai privati: la manifestazione finanziaria evita il passaggio al finanziamento bancario e rende più fluide le imprese.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana