Google+

Danze memorabili raccontate da uno che ha ballato l’ultima volta nel 1967

maggio 13, 2017 Walter Veltroni

Mi sembra che, nelle varie discipline, si possa decifrare l’origine del mondo, la sua storia, le sue meravigliose differenze

L’ultima volta che ho ballato credo sia stato nel maggio del 1967. Da allora, stupidamente, mi sono sempre vergognato di farlo. Timidezza, poi riflessi di austerità politico-ideologica, infine la sensazione che fosse più bello vederlo che farlo. Ma il ballo mi piace enormemente. Mi sembra che, nelle varie discipline, si possa decifrare l’origine del mondo, la sua storia, le sue meravigliose differenze. Che il ballo, più ancora delle lingue che tendono ormai all’inglese come moderno esperanto, sia, in fondo, la cosa più simile all’arcobaleno che si possa conoscere.

Tutte le popolazioni del mondo hanno la “loro” danza. Figlia di generazioni che l’hanno tramandata fino a renderla eterna. In Ruanda una volta vidi una donna, in un villaggio sperduto, che stava da sola nella parte esterna della sua casa fatta di niente e danzava, sorridendo, con una radio a transistor incollata all’orecchio. Quella danza era la sua compagnia, il suo modo di esprimersi, la libertà del suo corpo e forse della sua mente.

Da ragazzo impazzivo per Fred Astaire e Gene Kelly, ho perso la testa per un film muto di Ettore Scola, Ballando Ballando, in cui in un solo locale scorreva la storia, raccontata dai balli. Mi ha commosso l’idea dei sorrisi delle danze del Front Populaire e, da sindaco, appena potevo, organizzavo dei balli in piazza, come facemmo per celebrare l’anniversario della liberazione di Roma dall’occupazione tedesca. Il ballo come dimostrazione che le catene sono rotte, il ballo come gioia, il ballo come energia.

O, ancora, la malinconia passionale di un tango di Carlos Gardel o la elegante frenesia di uno swing. Il ballo con il quale inizia La La Land, quello di Novecento o quello de Il gattopardo. Quello seducente di Nicole Kidman in Eyes Wide Shut o quello triste di Giulietta Masina e di Marcello Mastroianni in Ginger e Fred. Vorrei che alle migliaia di persone che, ovunque nel mondo, cercano di imparare a ballare o hanno già imparato fosse riconosciuta la patente di “giusto”. Quella che Borges concedeva ai giocatori di scacchi.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Si infiamma il segmento delle hatchback sportive. La Renault non resta a guardare e risponde alle rivali più agguerrite del momento, vale a dire Ford Focus RS e Volkswagen Golf R, con la nuova generazione della Mégane RS. Attesa al debutto in occasione dell’imminente Gran Premio di F1 di Montecarlo, la media ad alte prestazioni […]

L'articolo Renault Mégane RS 2017: debutta a Montecarlo proviene da RED Live.

Con la nuova Micra, Nissan ha voltato pagina. La più recente generazione dell’utilitaria giapponese, presentata nel 2016, è infatti cresciuta nelle dimensioni – è più lunga di 17 cm e larga di 7 cm rispetto al vecchio modello – si è ispirata esteticamente alle SUV Qashqai e X-Trail, ha beneficiato di una linea aggressiva e […]

L'articolo Nissan Micra, si amplia la gamma proviene da RED Live.

Come uno scultore affina le proprie opere, così MINI dedica una serie di aggiornamenti ai modelli in gamma, concentrati principalmente sull’ampliamento delle dotazioni, delle combinazioni di colori e dell’offerta di motori. Protagonista principale è la crossover Countryman, ma beneficiano di una ventata di novità anche la hatchback e la Clubman. Le vetture in configurazione 2017 […]

L'articolo MINI model year 2017: una ventata di novità proviene da RED Live.

Ti guarda attraverso il finestrino semi abbassato, sorridendo sornione. Stringe tra le mani il volante di una Classe E (serie W211) del 2007 e, con malcelato orgoglio, ti dice che lui, con quell’auto, ha percorso 500.000 km limitandosi alla manutenzione ordinaria. Poi, quando scatta il verde, saluta con la manina e ti lascia lì, impietrito. […]

L'articolo Long run Mercedes-Benz E220d proviene da RED Live.

Continua l’offensiva Skoda nel segmento delle SUV. Dopo la Kodiaq, ecco debuttare in veste definitiva la Karoq, erede della conosciuta Yeti. Quest’ultima, sul mercato dal 2009, esce definitivamente di scena, cedendo il passo a una moderna, ma esteticamente più convenzionale, crossover dalle dimensioni compatte. 32 cm più corta della Kodiaq La nuova Karoq, “gemella diversa” […]

L'articolo Skoda Karoq: profumo di Tiguan proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana