Google+

Dan Jansen e un oro inseguito per tre Olimpiadi. In memoria di Jane

febbraio 6, 2014 Emmanuele Michela

Verso Sochi 2014 – Il pattinatore americano perse la sorella poche ore prima della finale di Calgary 1988 e per 6 anni dovette rincorrere una medaglia che arrivò solo in quella gara dove partiva sfavorito

dan_JansenDan non aveva paura del ghiaccio. Ci schizzava sopra come un forsennato: il corpo che si muove sinuoso sui pattini, braccia e gambe che danzano a ritmo per spingere la sua figura elegante il più veloce possibile, là dove le leggi di equilibrio ordinario non reggono, e chi pensa di farcela solo con l’istinto dei movimenti crolla. Dan si chiama in realtà Daniel e di cognome fa Jansen, del pattinaggio è stato l’eroe americano degli anni Ottanta e Novanta: rapido e scattante, il sorriso da buono e la faccia da playboy. Otto record mondiali sbriciolati in varie occasioni. La sua storia sportiva, però, si è corsa sul filo di un dolore indicibile, un lutto che rischiava di trasformare la carriera di un campione olimpico nel flop di una eterna promessa incompiuta.

LA SORELLA JANE. A Dan, ultimo di 9 figli nati da padre poliziotto e madre infermiera, la passione per i pattini era stata trasmessa da una delle sorelle, Jane, pure lei ottima pattinatrice. Sul filo di quelle lame si era intessuto un rapporto unico tra i due: quando l’ultimogenito arrivò a 16 anni aveva già superato per bravura la sorella, e due anni dopo andò pure alle Olimpiadi di Sarajevo. Ma i giochi a cinque cerchi dove Dan avrebbe dovuto fare il leone erano quelli dell’88, a Calgary. La mattina della gara dei 500 metri Jansen fu tirato giù dal letto da una telefonata: era sua madre, le diceva che Jane, la sorella, stava per morire. La leucemia che l’aveva messa a letto si era aggravata, non sarebbe arrivata a sera: Dan se la fece passare al telefono, ma Jane non riusciva a parlare. Lui le promise la vittoria, ma quando calzò i pattini ai piedi fu informato che intanto la ragazza era morta. E lo shock tradì il suo equilibrio: alla prima curva cadde. Addio oro.

Dan-Jansen-Lillehammer-1994LE CADUTE. Difficile sarebbe stato riprendersi da una tale delusione. Ci stava per riuscire quattro giorni dopo, nella gara dei 1000 metri. Partì e infranse il record di velocità, il ghiaccio stavolta pareva essergli amico. Ma ad un giro dal traguardo, il suo primato scivolò via, sgambettato ancora da quel lutto: e un’altra volta Dan fu fuori dal podio. A nulla servirono le onorificenze che il Comitato Olimpico americano gli offrì: a Jansen pesava aver perso la sorella, e il dramma era che lui non era potuto stare con lei. Quattro anni dopo ad Albertville i giochi lo tradirono un’altra volta: solo quarto nei 500 metri, addirittura 26esimo nei 1000. Questo sebbene nel frattempo continuasse a vincere nelle gare abituali, e i record di velocità lo proponessero ogni volta come il grande favorito.

1994, FINALMENTE L’ORO. Come tale ci arrivò anche alle Olimpiadi del 1994, anche qui candidato per le gare su 500 e 1000 metri. La prima delle due sembrava confermare il triste trend che aveva segnato le altre prove olimpiche di Jansen: in finale fu soltanto ottavo. E lo sconforto salì, tanto che Dan non avrebbe voluto gareggiare nell’altra gara: stanco e deluso, perché cimentarsi in quella prova che non era neanche la distanza che più esaltava il suo scatto? Il suo allenatore lo spinse. Lui prese coraggio e si buttò in pista: sfidò, nella quarta accoppiata, il giapponese Inoue. A 800 metri era in ritardo, nell’ultimo giro tirò fuori la lingua e spinse più forte che mai. Vinse, con un tempo che nessuno avrebbe superato. E fu oro, finalmente. Lacrime agli occhi, Dan girò il palazzetto trionfante: nel cuore il pensiero e la dedica alla sorella finalmente onorata, in braccio la figlia di un anno. Di nome Jane, ovviamente.

VERSO SOCHI. Gli altri articoli:
– Giamaica, la nazionale di bob torna alle Olimpiadi. Tutto come in Cool Runnings (pure meglio)
– Il più bel salto di Birger Ruud fu l’ultimo, quello dopo la prigionia nazista
– Squaw Valley, le Olimpiadi nel villaggio fantasma dove avvenne il “miracolo dimenticato”
– La storia di Eugenio Monti e di un bullone arrugginito che valeva più dell’oro
– Steven Bradbury, il pattinatore che vinceva perché gli altri cadevano. Un personaggio da Gialappa’s (ma non solo)

Anders Haugen, che vinse il bronzo per il salto dal trampolino all’età di 86 anni

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download