Google+

Dammi i tuoi ovuli e ti regalo la fecondazione. Il business miliardario (illegale) della fertilità

maggio 4, 2017 Redazione

Cicli di fecondazione assistita gratis o scontati in cambio di ovuli. È l’offerta illegale che molte cliniche inglesi fanno alle pazienti secondo il Daily Mail

fecondazione-ansa

Cicli di fecondazione assistita gratis o fortemente scontati in cambio di ovuli. È l’offerta illegale, pericolosa per la salute e gravida di conseguenze per le donne che molti centri che praticano la fecondazione assistita propongono alle coppie che non possono permettersi l’alto costo del trattamento. Lo scandalo del business della fertilità è stato denunciato da una lunga inchiesta del giornale britannico Daily Mail uscita l’1 maggio. Due giornalisti sotto copertura, fingendosi una coppia interessata alla fecondazione, hanno filmato le proposte indecenti. Lo scoop ha già portato l’autorità nazionale (Human Embryology and Fertility Authority) ad aprire un’indagine ufficiale.

IL VIDEO. In uno dei filmati, la finta coppia si rivolge all’Herts & Essex Fertility Centre (in altri sono coinvolte le cliniche di Londra, Hertfordshire e County Durham), una delle più famose cliniche specializzate nella fertilità in Inghilterra. Il medico rassicura gli aspiranti genitori: anche loro potranno diventare genitori e senza sborsare un soldo. Potranno infatti ricorrere alla fecondazione assistita con trattamenti gratuiti all’unica condizione di aderire al “Programma di donazione degli ovuli”. La donna, in cambio del servizio gratuito o di importanti sconti, dovrà “solo” donare alla clinica metà degli ovuli sani prodotti.

OVULI E AFFARI. La pratica in Gran Bretagna è illegale. Per legge infatti la donazione di ovuli deve essere «altruistica», e quindi gratuita. È permesso al massimo un rimborso spese di 750 dollari. In questo caso, invece, in cambio degli ovuli vengono offerti di fatto migliaia di dollari. Il business è clamoroso visto che, spiega il Mail, gli ovuli scarseggiano e permettono alle cliniche di fornire costosissimi cicli di fecondazione (fino a 7.500 dollari l’uno) a coppie facoltose.

“DONAZIONI”. In uno dei filmati, davanti alla perplessità della reporter sulla “donazione” di ovuli, un’infermiera le suggerisce: «Pensa ai tuoi ovuli come a delle semplici cellule. È quasi come donare il sangue, non ti pare?». Non conta il fatto che quella cellula si evolverà in un bambino, tanto «non è ancora inseminato, crescerà nell’utero di un’altra donna». Anzi, la questione è proprio a monte: «Un ovulo non è un bambino». I medici delle cliniche sono perfettamente a conoscenza del fatto che la pratica è illegale e infatti consigliano alla coppia di non scrivere «necessità economiche» nel modulo che indaga sui motivi che spingono alla “donazione” di ovuli: «Altrimenti non potremo accettare la vostra richiesta». Un altro dichiara esplicitamente: «Non lo sapete che gli ovuli ci frutteranno più di 6 mila dollari da un’altra persona?».

I RISCHI. Come evidenzia l’inchiesta, non solo i dottori non spiegano che la pratica è illegale, non solo non spiegano alle donne i rischi a cui vanno incontro donando gli ovuli (la stimolazione ovarica può portare a conseguenze gravi come cancro, ictus e infarti), ma non dicono neanche che in base alla legge inglese, il bambino che nascerà da quell’ovulo, e avrà quindi il patrimonio genetico della donatrice, potrà a 18 anni rintracciare legalmente la sua mamma genetica e chiederle di pagare le conseguenze (dal punto di vista affettivo ed economico) di quella decisione.

UN NUOVO BUSINESS. In passato la Gran Bretagna, in base al riconoscimento di un inedito diritto ad avere figli, aveva deciso di finanziare i trattamenti di fecondazione assistita per tutte le coppie che non riuscivano a concepire. Da quando però il Sistema sanitario è entrato in crisi, solo il 16 per cento delle cliniche offre tre cicli gratuiti. L’inchiesta del Mail dimostra che il taglio non ha messo in difficoltà le cliniche, che hanno trovato un nuovo modo per proseguire un business miliardario.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

In questo momento storico, l’immagine che identifica maggiormente la californiana Tesla è quella della dea Shiva che, facendo roteare le otto braccia di cui è dotata, elargisce schiaffi a destra e a manca a tutti i brand concorrenti. Il costruttore americano, parallelamente all’unveiling della straordinaria supercar elettrica Roadster, accreditata di 10.000 Nm di coppia e […]

L'articolo Tesla Semi Truck: il camion elettrico è una belva proviene da RED Live.

L’alternativa alle note Lotus 3-Eleven, KTM X-Bow e Radical SR8 è italiana. E costa (almeno) 200.000 euro. Forte di una lunghissima esperienza nelle competizioni, la parmense Dallara Automobili, specializzata in telai e vetture da pista, ha presentato il primo modello targato della propria storia. Una vettura, non a caso denominata “Stradale”, nata quale barchetta estrema, […]

L'articolo Dallara Stradale: la prima volta proviene da RED Live.

Gestito da appassionati motociclisti, lo Spidi Store milanese di via Telemaco Signorini 12, mette a disposizione le ultime novità del marchio oltre a un servizio di tute su misura e di installazione di interfoni su caschi. Per festeggiare il suo primo anno di vita il negozio ha organizzato, in occasione di EICMA 2017, una serata all’insegna […]

L'articolo Spidi Store Milano spegne la prima candelina proviene da RED Live.

Tesla la tocca piano… presentando a sorpresa, in occasione dell’unveiling dell’atteso camion a batteria, l’erede dell’ormai storica Tesla Roadster. Una vettura che la Casa americana, con grande morigeratezza, non esita a definire “l’auto più veloce del Pianeta”. Una supercar elettrica che, ancora una volta, spiazza la concorrenza promettendo di ridefinire il concetto di performance a zero […]

L'articolo Tesla Roadster: zitti tutti proviene da RED Live.

Dopo la nuova generazione di Trafic SpaceClass, presentata lo scorso ottobre, Renault torna sull’argomento “business” con il lancio della nuova gamma Executive, studiata per rendere sempre più confortevole e ricca di tecnologia la vita a bordo di chi si sposta per lavoro. La Casa della Losanga dota quindi di contenuti premium tre vetture della sua scuderia, […]

L'articolo Gamma Executive, l’allestimento premium di Renault proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download