Google+

Dalla natività fatta con la pasta a quella di corallo. Tornano i Cento presepi: «Opere d’arte, mica alberi di Natale»

dicembre 14, 2014 Elisabetta Longo

La mostra “Cento presepi” sarà aperta a Roma fino al 6 gennaio. Intervista alla direttrice Mariacarla Menaglia: «Per tenere vivo il simbolo del Natale bisogna passare dai bambini»

presepe Lazio - calzascarpe, calzanti,stringhe e suole
La mostra si chiama Cento presepi, ma ormai quelli esposti sono molti di più: addirittura il doppio, 212. E nel corso dei mesi ne erano arrivati più di 450 da artigiani di tutto il mondo, possibili candidati all’esposizione. La mostra si tiene a Roma, nelle sale del Bramante, attigue alla Basilica di Santa Maria del Popolo, fino al 6 gennaio 2015. Spiega la direttrice della mostra Mariacarla Menaglia a tempi.it: «Abbiamo tante onorificenze e riconoscimenti, ma non ci aiuta nessuno. Contiamo solo su noi stessi e sull’affetto della gente che viene ogni anno a visitare l’esposizione. Le file sono lunghe e perfino i quotidiani stranieri suggeriscono di venire a vedere quanto sono belli i presepi esposti. L’anno prossimo festeggeremo il 40esimo anno di attività».

presepe BielorussiaMATERIALI UMILI. Si lavora tutto l’anno per organizzare la mostra. Molte opere arrivano direttamente a Roma, altre si scelgono attraverso le foto: «Per quanto riguarda il territorio italiano, andiamo di persona dagli artigiani, perché accontentarsi di una fotografia è un peccato. Uno scatto non rende giustizia alla bellezza e alla complessità di certe opere, come il presepe pugliese realizzato con 25 formati di pasta alimentare differenti». La pasta, essenza della cucina italiana, facilissima da reperire è qui stata trasformata in un capolavoro da mani esperte, così come la natività realizzata con stringhe e calzascarpe, elementi umili.

«OPERE D’ARTE». C’è anche l’eccesso opposto, come il presepe realizzato in corallo bianco e rosso dagli artigiani di Torre del Greco, prezioso e fragile al tempo stesso. O veri e propri capolavori che riproducono lo squero di San Trovaso a Venezia o un acquerello di Ettore Roesler Franz. «Più che artigiani – continua Menaglia – alcuni li definirei artisti. Altri presepi esposti invece hanno una valenza sociale: ce n’è uno realizzato da una comunità di recupero, che vede tra i personaggi del presepe dei ragazzi con problemi di tossicodipendenza, rappresentati come personaggi grigi, ai margini della società. Un altro invece è stato fatto da una casa di cura per anziani e ci hanno raccontato che è stata un’occasione di socializzazione per loro, per sentirsi utili e fare qualcosa di bello tutti insieme».

Puglia - pasta alimentare e risoCI VUOLE TEMPO. Il presepe è ancora il simbolo del Natale ma ultimamente sembra essere un po’ meno amato. «La mostra dei Cento presepi è stata ideata negli anni Settanta, in un momento storico in cui i simboli religiosi venivano osteggiati. Ma il presepe è stato più forte e l’interesse nei confronti della mostra è cresciuto di anno in anno. Sembra che attualmente si preferisca l’albero di Natale, ma è solo per una questione di tempo. Andiamo tutti di fretta, l’albero non richiede molto tempo, basta tirarlo fuori dalla scatola e porre qua e là qualche pallina. Il presepe invece richiede cura, studio dei personaggi, di quello che si ha a disposizione o ancora si vuole acquistare per rendere la scena più viva. E spesso ci si dimentica di quel tempo necessario».

IL RUOLO DEI BAMBINI. Insieme alla mostra c’è anche un laboratorio per i più piccoli, che quest’anno potranno imparare l’arte degli origami, le composizioni in carta orientali: «Gli ambasciatori di Cina e Taiwan apprezzano da sempre il nostro lavoro e per l’occasione hanno invitato una esperta di origami dall’Oriente per insegnare quest’arte ai ragazzi dell’Accademia di Belle Arti di Roma. Io penso che quando un bambino arriva a casa con un personaggio della Natività, fatto in origami, e con il desiderio di fare il presepe, i genitori non possano dirgli di no. Perché i genitori vogliono sempre fare felici i propri figli. Per questo credo che per tenere vivo il simbolo del Natale si debba passare dai bambini».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Botte piena e moglie ubriaca? I moderni pneumatici Sport Touring puntano a darvi di tutto un po’. Durata, comportamento sul bagnato, e guida “spigliata” sono i punti chiavi su cui Michelin ha lavorato per il nuovo Road 5. Saranno riusciti nell’intento? Siamo andati in Spagna per verificarlo

L'articolo Prova Michelin Road 5 Sport Touring per vocazione proviene da RED Live.

Tutta nuova, la berlina del Leone graffia molto di più rispetto al passato. Perché è più corta e bassa, ha un design dinamico e la solita attenzione al look by Peugeot. La toccheremo con mano al prossimo Salone di Ginevra

L'articolo Nuova Peugeot 508, la berlina si fa bella proviene da RED Live.

Basata sulla piattaforma EMP2, ha due lunghezze, un bagagliaio smisurato e interni da berlina di lusso. Per elevare verso nuovi orizzonti il concetto di veicolo Multispazio

L'articolo Peugeot Rifter, la nuova multispazio a Ginevra proviene da RED Live.

Una storia, quella delle Sportster, nata nel 1957 e destinata a continuare senza sosta e senza eclatanti sorprese. Anche quest’anno infatti la famiglia si allarga e lo fa grazie a due nuove interpretazioni che combinano lo stile rétro ispirato ai canoni classici del mondo custom e le prestazioni pungenti del motore V-Twin 1200 Evolution.  IRON […]

L'articolo Nuove H-D Sportster Forty-Eight Special e Iron 1200 proviene da RED Live.

In attesa di vederla sulle strade a fine anno, la city car approda a Milano in occasione Fashion Week, con livrea e interni a cura del direttore creativo della Maison Moschino

L'articolo Renault Clio in salsa pop proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi