Google+

Dalla merenda bionaturale alla famiglia geneticamente modificata

maggio 23, 2014 Marcella Manghi

Insomma, ci sono questioni da piccoli e questioni da grandi. E bisogna stare attenti a non mischiarle

Una volta sdoganate, alle parate gay ora si scorgono sfilare anche bambini, i figli – se così li possiamo chiamare – della ‘famiglia’ più moderna che ci sia. In Norvegia si tiene pure un Children gay festival, dove i bimbi manifestanti intonano canzoni su come sia bello vivere con due mamme o due papà. Come adocchio la notizia, aguzzo la vista verso le foto sullo schermo e individuo proprio dei bimbetti da scuola elementare. L’immagine del corteo-under-14 mi ricorda tanto una foto appesa in casa di mia madre: anche io a quell’età – otto, dieci anni – sfilavo nella via più importante del paese, in un occasione speciale: la parata di Carnevale. Certo, quella era una parata allestita per puro divertimento, anche se bisogna ammettere che una bandiera arcobaleno in pugno a un settenne è molto più ridicola di una dei pirati. La parata in maschera si svolgeva di domenica, giorno in cui ero costretta di precetto a indossare quei famigerati collant-da-messa, un accessorio squisitamente femminile a cui sono stata sempre allergica; in compenso, una volta inforcati i comodi jeans, scavalcavo staccionate meglio dell’avatar di una NintendoDS al trentaduesimo livello di difficoltà. In quei tempi non sospetti mi avrebbero potuto scambiare per una mascotte LGBT senza tanto starci a pensare. Invece sono cresciuta, mi son sposata, moltiplicata, e ora scrivo al computer mentre mio figlio decenne si sta lamentando che la maestra non lo ascolta: da tre giorni vuole cambiar banco, perché odia stare vicino alle femmine…. 

Insomma, ci sono questioni da piccoli e questioni da grandi. E bisogna stare attenti a non mischiarle. Ora: pretendere che un bambino abbia una percezione così chiara e netta della sessualità tanto da militare per qualcosa che è molto più grande di lui, ha qualcosa di grottesco. Tanto più che, quanto ne potrà mai sapere un fanciullo di com’è vivere in una famiglia normale?
Pertanto: se mi mostrano – in foto o in tv – un crocchio di bimbi norvegesi intorno al tavolo a pubblicizzare dei bastoncini di merluzzo, li trovo convincenti. Se usano gli stessi marmocchi per sponsorizzare il prossimo campo estivo alla scoperta dei fiordi, riesco a credergli. Ma per dare i ‘propri figli’ in pasto ai giornalisti al solo scopo di promuovere la famigliola lesbo, bisogna proprio essere alla frutta; anche perché se c’è una cosa che centra come i cavoli a merenda con la coppia gay… sono proprio i figli.
C’è comunque da dire che al giorno d’oggi una siffatta manipolazione risulta a modo suo molto originale: in un mondo-
natural-oriented – ossia dove i piccoli vengono usati per pubblicizzare omogeneizzati bio o biscotti realizzati con gli ingredienti più naturali – la propaganda della famiglia geneticamente modificata ha sicuramente un chè di bizzarro.

Attendiamo al varco la prossima strumentalizzazione dei bambini.
Di questo passo, chissà, ce li metteranno anche a promuovere l’aborto?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. diamante says:

    Intanto alle manifestazioni antiaborto in Francia i bambini c’erano; anche li strumentalizzati per una causa di cui non possono capire molto.

    • filomena says:

      I bambini a 10 anni non capiranno cos’è la famiglia arcobaleno ma non capiscono neanche cos’è la famiglia tradizionale o cosa significa la prima comunione. Semplicemente appartengono a una cultura diversa da quella cattolica ma che ha pari dignità. Inoltre come si vive nella famiglia tradizionale lo vedono tutti i giorni a scuola mentre gli altri bambini non conoscono questa realtà quindi queste manifestazioni hanno un senso.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.