Google+

Dal pugno di Delio Rossi alla prima tripletta, un anno con Ljajic

maggio 20, 2013 Emmanuele Michela

Doveva andarsene quest’estate, poi Montella lo fece tenere: da superfluo, il serbo è diventato chiave fondamentale della corsa viola all’Europa. Scalzando pure Jovetic

Dal pugno di Delio Rossi ai tre schiaffi di Pescara c’è in mezzo molto più di 12 mesi. E non solo perché un anno fa ad Adem Ljajic toccava incassare il colpo dell’allenatore romagnolo, mentre ieri è stato lui a rifilare, simbolicamente, la tripla sberla agli abruzzesi, nell’azzardo di sorpassare il Milan all’ultima giornata e riportare la Fiorentina in Champions. C’è stato un cambio totale in queste quattro stagioni, che ha fatto sì che il serbo passasse da giocatore fastidioso e superfluo a utile chiave offensiva dell’attacco viola, vera rivelazione, insieme a Cuadrado, dell’annata stratosferica della banda Montella.

DA PARTENTE A TITOLARE. E gran parte del merito va riconosciuto proprio all’Aeroplanino, che in un anno ha fatto volare la squadra a 70 punti, 24 in più rispetto al 2011-12. E che ha saputo prendere dal lato giusto Ljajic, bloccando il suo prestito al Torino dopo pochi giorni di ritiro estivo, favorendo lo sviluppo di uno spogliatoio unito e sereno che ha permesso al carattere fumantino del serbo di maturare, e dando al ragazzo sempre più spazio in campo. Il serbo è diventato seconda punta piena, terminale perfetto di uno schema di gioco costruito su un centrocampo di piedi precisi e polmoni costanti, fasce veloci e inserimenti continui. All’inizio pareva poco incisivo, poi pian piano è diventato sempre più risolutivo: Ljajic ha scalzato la concorrenza di tutti i compagni di reparto, Toni e El Hamdaoui in testa, poi di fatto anche Jovetic, specie nella seconda metà dell’anno. Più di una volta ha sostituito il montenegrino quando questi soffriva tra acciacchi e gare incolore, e nel girone di ritorno ha garantito una media realizzativa ben più alta rispetto a Jo-Jo (10 reti contro 4 nel girone di ritorno). La provvidenza ha aiutato i viola: se a lungo andare il numero 8 ha suonato sotto le aspettative risicando una stagione al pelo sopra la sufficienza, ecco che con l’arrivo della primavera è stato Adem a diventare il simbolo della rincorsa all’Europa.

FUTURO? Jovetic-Ljajic. L’estate sembra garantire una vicinanza tra questi due nomi ancora a lungo, per lo meno sui titoli di giornale. Perché il montenegrino è destinato a partire: da tempo è visto lontano da Firenze, c’è già pronto Pepito Rossi per sostituirlo. Che problema è la sua partenza, con un Ljajic così? Tutto vero, ammettono a Firenze. E incrociano le dita, affinché il rinnovo contrattuale del serbo riesca a sbloccarsi in fretta. «Ho già la penna pronta a casa per firmare», diceva ieri lo stesso calciatore, col plauso della società che nelle ultime settimane ha temuto un nuovo “caso Montolivo”, il rischio cioè di perdere a 0 tra un anno il suo campione, quando il contratto scadrà. Ma gli scenari estivi potrebbero garantire sorprese: se le firme dovessero tardare ancora, la Fiorentina preferirebbe far partire subito Adem, per monetizzare al meglio la crescita avuta quest’anno. Di club interessati ce ne sarebbero, a partire dalla Juve, che così virerebbe dal costoso Jovetic ad un Ljajic più a buon mercato. E così, anche in sede di trattative e contratti, il serbo scalzerebbe il montenegrino.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Monovolume, SUV e crossover, ma anche multispazio, sportive, ibride ed elettriche: “l’affollamento” in abitacolo è un must e proliferano le auto a sette posti. Ecco i migliori modelli sul mercato.

L'articolo Quando cinque non bastano, le migliori auto a 7 posti proviene da RED Live.

Nel mondo delle supercar c’è grande fermento per l’imminente debutto della Aston Martin Valkyrie e della Mercedes-AMG Project One, “parenti strette” delle vetture da Formula 1. Auto che, però, vuoi per il frazionamento dei propulsori, vuoi per alcune soluzioni telaistiche, non attingono tanto profondamente quanto affermato nei proclami alla tecnologia delle monoposto. Diversamente da quanto […]

L'articolo Ferrari F50: la Formula 1 sono io proviene da RED Live.

Ha riconquistato ciò che un tempo era già suo. La Honda Civic Type R di nuova generazione è tornata al Nürburgring, riprendendosi il record per le vetture a trazione anteriore. Del resto, quello che altri chiamano “l’Inferno verde”, vale a dire la mitica Nordschleife – in tedesco l’anello nord – pista di 20,8 km entrata […]

L'articolo Honda Civic Type R MY17: Regina del Ring proviene da RED Live.

Cittadino, fuoristradista, “agonista”, pratico o “alieno”. Cinque modi d’essere automobilista. Cinque modi d’interpretare SUV e crossover. Ecco 20 modelli che soddisfano ogni gusto e desiderio.

L'articolo SUV e crossover compatte: ecco le migliori 25 proviene da RED Live.

Ebbene sì, è accaduto. Anche il Giaguaro si è spuntato le unghie ed è sceso a compromessi con il downsizing. La rinnovata sportiva F-Type, disponibile in configurazione sia Coupé sia Convertible, verrà dotata di un “piccolo” 4 cilindri 2.0 turbo da 300 cv, destinato ad affiancare i confermati V6 e V8 Supercharged. Turbina twin-scroll Pietra […]

L'articolo Jaguar F-Type 2.0T: la prima volta del 4 cilindri proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana