Google+

Dal presidente fantasma al trust di tifosi. La crisi dei Pompeys vede la fine?

novembre 17, 2012 Emmanuele Michela

C’è un declino che va avanti da 4 anni. Dal 2008, più o meno, anno in cui il Portsmouth vinceva la FA Cup, si godeva qualche bel match in Premier e giocava pure contro il Milan in Coppa Uefa. Quanto sono lontani quei fasti per i Pompeys? Certo più dei quattro anni che si leggono […]

C’è un declino che va avanti da 4 anni. Dal 2008, più o meno, anno in cui il Portsmouth vinceva la FA Cup, si godeva qualche bel match in Premier e giocava pure contro il Milan in Coppa Uefa. Quanto sono lontani quei fasti per i Pompeys? Certo più dei quattro anni che si leggono nel conto delle stagioni, specie se si guarda dove gioca ora la squadra. League One, terza serie inglese, divisione in cui sono scivolati dopo una crisi societaria mastodontica, con cinque presidenti in tre anni, amministrazione controllata e penalizzazioni frequenti in termini di punti. Ma forse la crisi del club è vicina ad una soluzione.

SQUADRA VERSO IL TRUST DI TIFOSI. Non mancherebbe molto infatti alla firma di un accordo tra Trevor Birch, amministratore del club, e il Portsmouth Supporters Trust, gruppo di tifosi costituitosi proprio con lo scopo di rilevare il titolo sportivo dei Pompeys e diventarne proprietari. Il gruppo di tifosi avrebbe superato nelle preferenze degli amministratori le quotazioni della Portpin e di Balram Chainrai, businessman di Hong Kong ed ex-presidente della squadra (l’ultimo dei 5 visti in questi 3 anni). L’accordo sembra che si riesca a chiudere entro Natale, chiudendo il buco di 61 milioni di sterline gestito ora dall’amministrazione controllata, e mettendo così fine (forse) ad un periodo nero per la vita centenaria di questo club. Quest’estate era sul punto di sparire, poi i due giocatori in rosa con l’ingaggio più alto, Ben Haim e Lawrence, se ne andarono, salvando effettivamente il club che ha potuto iniziare con una squadra un po’ rappezzata in League One, dove ora è 18esimo.

DALL’EUROPA LEAGUE ALLA LEAGUE ONE. Intristisce ripercorrere la storia di questi anni del Portsmouth, e fa strano pensare come le dirigenze cui si è trovato in mano siano tutte passate attraverso il “‪Fit and proper person test”, selezione con cui i santoni della Premier stabiliscono quanto sia affidabile un possibile acquirente di un club. Il nome di Gaydamak, francese d’origini russe, è quello legato ai successi di 4-5 anni fa, seppur il costo di quelle imprese abbia infiacchito enormemente le casse del club. Il presidente se ne andò nel 2008, lasciandosi alle spalle un bel debito, che il suo successore, l’arabo Al-Fahim, provò a colmare vendendo giocatori come Crouch, Kranjcar e Distin.

PRESIDENTI FANTASMA E DIRIGENTI IN CARCERE. Fu qui che entrò in gioco Chainrai: un prestito danaroso della sua società avrebbe finanziato l’ingresso in società di tale Ali al-Faraj, un altro arabo. A Portsmouth c’è chi giura di non aver mai visto questo individuo: per qualcuno addirittura potrebbe non esistere. Ciò che accadde in sostanza fu che questa figura non aveva soldi, e così ad ottenere la proprietà del pacchetto di maggioranza del club fu proprio il suo finanziatore Chainrai. Intanto però il club accumulava debiti, non pagava stipendi, licenziava dipendenti e peggiorava il suo rendimento. Nel 2011 passò nelle mani di Vladimir Antonov, banchiere russo arrestato nel novembre di quell’anno, solo 5 mesi dopo il suo ingresso nel club. E così continuò il suo declino, scivolando sempre più giù. Che i giorni di sofferenza stiano finendo?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana