Google+

Da lavapiatti che ero

agosto 25, 1999 Tempi

Qualche informazione sull’autore, scritta da lui medesimo

Sono entrato in Italia nella primavera del 1991, dopo “l’esodo biblico” di marzo, dopo un lungo viaggio prima attraverso la Grecia e poi attraverso tutta la Jugoslavia, con una tappa a Pristina, entrando poi in Italia da Trieste. Avrei avuto la possibilità di andare in Austria, dove mi avrebbero riconosciuto lo status di rifugiato politico, ma ho scelto l’Italia perché conoscevo la lingua e perché culturalmente noi albanesi ci sentiamo più vicini a voi che la popolo tedesco. Per cinque anni sono rimasto in Italia senza permesso di soggiorno, in possesso di un foglio di via, perché ero entrato via terra e non via mare, come facevano i miei connazionali. Per cinque anni ho conosciuto la vita amara del clandestino, arricchendo il mio curriculum vitae con i mestieri più vari: lavapiatti, aiutocuoco, manovale, imbianchino, addetto alle pulizie di uffici, fattorino, factotum. In questo modo ho arricchito la mia vita di tanti volti amici: ricordo per tutti don Sandro della parrocchia di S. Carlo a Sesto San Giovanni, dove mi avevano adottato e le nostre discussioni su religione, filosofia, letteratura, la prima volta che ho letto il Vangelo e le lacrime di commozione per quell’uomo perseguitato ingiustamente. Da noi ogni religione era stata proibita; il mio paese era l’unica ateocrazia al mondo; noi albanesi vagavamo senza la bussola di una fede. Leggere il Vangelo a 25 anni non è come sentirne la storia da bambini: si scatena una rivoluzione nel tuo cuore che ti sconvolge la vita. Poi ho incontrato persone di Comunione e Liberazione che mi hanno aiutato nel mondo del lavoro, ma anche facendomi compagnia quando mi sentivo solo. Tre anni fa ho conosciuto Tempi ed è subito cominciata la mia collaborazione prima con qualche poesia, poi con articoli sull’Albania e gli albanesi e sulla situazione in Kosovo. È stata un’esperienza interessante e bella. Almeno per me.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Delle monoposto a emissioni zero (245 cv in configurazione gara, per 225 km/h di velocità massima) che si sono sfidate il sabato 14 aprile lungo un tracciato cittadino di circa 2,8 km ricavato nel quartiere Eur, non si è parlato più di tanto, ancorché all’incontro capitolino del venerdì precedente abbia partecipato anche il Direttore del […]

L'articolo Renault: elettriche avanti tutta proviene da RED Live.

La Swift Sport punta a farsi largo tra le hot hatch puntando su un invidiabile bilanciamento tra telaio e meccanica. Anche il rapporto prezzo/dotazione è vincente

L'articolo Prova Suzuki Swift Sport <br> fame di curve proviene da RED Live.

Moto dotate di radar? Presto saranno realtà. Ducati ha in cantiere un ambizioso programma chiamato “Safety Road Map 2025” che prevede lo sviluppo di molti progetti a tema sicurezza, uno dei quali si chiama Ducati ARAS. Primi arrivi nel 2020

L'articolo Ducati ARAS, presto le moto con il radar proviene da RED Live.

Voglia di avventura, di scoprire nuove strade (bianche) in località toscane ricche di fascino. Senza fretta. La prima di tre tappe andrà in scena a Buonconvento il 29 aprile, in occasione della Nova Eroica

L'articolo Gravel Road Series, da aprile a ottobre. Info e iscrizioni proviene da RED Live.

Mini elettrizza la sua Countryman e si getta nel panorama delle ibride plug-in in modo speciale e a tratti unico. Pensate che le auto Ibride non siano ancora mature o non facciano per voi? Leggete la nostra prova su strada, ma siete avvisati: il rischio di ricredersi qui è alto

L'articolo Prova MINI Cooper S E Countryman ALL4 proviene da RED Live.