Google+

«Da fondi e assicurazioni un tesoro di 8 miliardi di euro per bypassare il sistema bancario»

aprile 19, 2013 Matteo Rigamonti

Come trovare una valida alternativa al credito bancario bloccato da Basilea 3? Intervista a Morya Longo (Sole 24 Ore)

Le banche «non erogheranno più tanto credito come facevano una volta per via dei vincoli stringenti imposti dalla nuova normativa di Basilea 3». E le imprese italiane, da tempo, non si trovano soltanto di fronte a un’«emergenza del credito, ma a un vero e proprio deterioramento del capitale». Ed è per questo motivo che, secondo Morya Longo, giornalista del Sole 24 Ore, le imprese italiane dovranno abituarsi a cercare finanziamenti altrove, a «diversificare», come usa dire in questi casi, «ricorrendo a molteplici e distinte forme di finanziamento». Anche perché, così facendo, i nostri imprenditori non saranno più costretti a «bere sempre e soltanto dalla stessa fonte». Abitudine che, se dovesse venire a mancare l’acqua, potrebbe rivelarsi un bel problema. È in questo senso che va letta la proposta del quotidiano finanziario di via Monte Rosa di ricorrere a quel «patrimonio gigantesco, estraneo al circuito bancario, che potrebbe almeno in parte essere spiegato per finanziare o ricapitalizzare le imprese italiane» e per gettare acqua sull’incendio della crisi economica italiana.

OLTRE 800 MILIARDI. Per essere precisi, 828,8 miliardi di euro. A tanto ammonterebbe, secondo il Sole 24 Ore, il patrimonio liquido gestito da fondazioni bancarie (52,8 miliardi di euro), fondi di private equity (6,3 miliardi), assicurazioni (494), fondi pensione (47), fondi pensione preesistenti (44), casse previdenziali (45,7) e anche da Cassa depositi e prestiti (139).
Ovviamente non si tratta di 800 miliardi da investire direttamente nelle imprese, ma, come spiega Longo a tempi.it, «basterebbe che l’1, il 2, il 3, o anche il 5 per cento venisse veicolato verso imprese italiane», per portare una bella boccata d’ossigeno a un’economia sempre più asfittica. Anche fosse solo l’1 per cento, sarebbero comunque più di 8 miliardi di euro. Ed è questa una prassi che all’estero è più consolidata che in Italia: fuori dallo Stivale, infatti, assicurazioni e fondi sono spesso muniti di apposite squadre di professionisti che si occupano di investire in imprese locali che così, in alcuni casi, «riescono addirittura a bypassare il sistema bancario».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download