Google+

Da domani in Brunei la sharia sarà legge. Lo annuncia il sultano: «Adempiamo al nostro dovere verso Allah»

aprile 30, 2014 Redazione

La legge islamica sarà applicata in tre fasi: l’ultima prevederà la lapidazione per reati come adulterio e sodomia. Cristiani e Onu esprimono preoccupazione

Da domani la sharia sarà applicata nel sultanato del Brunei. È il risultato della decisione presa a ottobre 2013 dal sultano del piccolo Stato nell’isola del Borneo, Sudest asiatico, che ha voluto estendere al codice penale e civile la legge islamica, fino ad ora utilizzata solo per regolare le contese personali e il diritto familiare.

LAPIDAZIONE E AMPUTAZIONI. «Oggi – ha dichiarato il sultano Hassanal Bolkiah – ripongo la mia fede in Allah e sono grato all’onnipotente di poter annunciare che domani, primo maggio, vedrà la luce la prima fase dell’applicazione della sharia».
Il codice penale sarà cambiato in tre fasi nei prossimi tre anni: da domani saranno aggiornate le multe e le sanzioni che prevedono il carcere. La seconda fase introdurrà l’amputazione degli arti per i ladri e la fustigazione per chi consuma alcol e la terza la lapidazione per reati tra cui l’adulterio e la sodomia.

«DOVERE VERSO ALLAH». Il sultano, uno degli uomini più ricchi del mondo, aveva dichiarato nell’ottobre scorso: «Con l’entrata in vigore della presente legge, adempiamo al nostro dovere verso Allah». In teoria, la sharia dovrebbe riguardare solo i musulmani ma le comunità cristiane, che rappresentano il 15 per cento dei circa 400 mila abitanti del Brunei, sono molto turbate.

ONU PREOCCUPATO. Anche le Nazioni Unite hanno espresso preoccupazione: «La legge internazionale considera la lapidazione a morte come una tortura e la proibisce così come altri trattamenti o punizioni crudeli, disumani e degradanti. Il nuovo codice penale inoltre potrebbe incoraggiare la violenza e la discriminazione contro le donne», ha dichiarato a inizio mese Rupert Colville, portavoce dell’Alto commissario dell’Onu per i diritti umani.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

6 Commenti

  1. Chris scrive:

    tutta invidia per i cattolici

  2. Ale scrive:

    Dimostrazione che gli Stati dovrebbero essere Laici lasciando le religioni al culto e niente di più

  3. francesco taddei scrive:

    basterebbe che chi professa una religione ne segua gli insegnamenti, ma se se ne allontana il richiamo deve venire dai sacesdoti, non dallo stato.

  4. Laura scrive:

    Ma poiché nella religione musulmana stato e fede (cioè osservanza) si identificano, la sharīʿa, a mio avviso, non può che essere inevitabile.

  5. Ale scrive:

    Ma quale Giovanna sei? E’ una provocazione?!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana