Google+

Cronaca giudiziaria, ovvero il megafono dell’accusa. Uno studio inquietante

dicembre 8, 2016 Maurizio Tortorella

Quasi 7 articoli su 10 nei giornali italiani danno notizie sulle indagini, ma appena l’11 per cento informa i lettori sullo sviluppo del caso fino alla sentenza

giustizia-giornalismo-telecamere-ansa

Pubblichiamo la rubrica di Maurizio Tortorella contenuta nel numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

Credo sia la prima volta che un tribunale penale aggredisce la “gogna giudiziaria” via internet. Il primato spetta a Genova, dove sono state appena depositate le motivazioni di una sentenza del 20 giugno scorso (per i cultori del genere, è la numero 3582). È una condanna per diffamazione. Stabilisce che «chi inserisce notizie a mezzo internet relative a indagini penali è tenuto a seguirne lo sviluppo e, una volta appreso l’esito positivo per l’indagato o l’imputato, deve darne conto con le stesse modalità di pubblicità. In caso contrario è configurabile il reato di diffamazione a mezzo stampa».

Il processo di primo grado ha chiuso così la vicenda della pubblicazione sul sito di un’associazione di consumatori della notizia relativa al rinvio a giudizio per concussione del presidente e vicepresidente di un’associazione, alla fine di un’inchiesta su presunti appalti irregolari. I due indagati sono stati prosciolti, ma la notizia online non è stata aggiornata.

Per il tribunale di Genova il reato sussiste in quanto non c’è dubbio che «l’omesso aggiornamento mediante inserimento dell’esito del procedimento penale» configura un comportamento diffamatorio. Per il giudice, infatti, la qualifica di un soggetto quale indagato o imputato «è certamente idonea a qualificare negativamente l’immagine, il decoro e la reputazione di una persona, soprattutto quando si tratta di soggetto noto al pubblico».

Alcuni numeri rivelatori
Quindi la notizia, che pure era vera al momento della sua pubblicazione online, avrebbe dovuto essere aggiornata perché smentita dall’evolversi del procedimento penale. «La verità della notizia – sostiene testualmente la condanna – deve essere riferita agli sviluppi d’indagine quali risultano al momento della pubblicazione dell’articolo, mentre la verifica di fondatezza della notizia, effettuata all’epoca dell’acquisizione di essa, deve essere aggiornata nel momento diffusivo, in ragione del naturale e non affatto prevedibile percorso processuale della vicenda».

La sentenza, ignorata dai siti internet come dalla stragrande maggioranza dei giornali, arriva nel momento in cui l’Osservatorio sull’informazione giudiziaria dell’Unione delle camere penali (l’associazione degli avvocati penalisti) dà alle stampe un saggio rivelatore. Per sei mesi, dal giugno al dicembre 2015, gli avvocati hanno analizzato la cronaca giudiziaria di 27 quotidiani. È una massa imponente: 7.373 articoli. Quasi 7 su 10 danno notizie sulle indagini preliminari, e in particolare il 27,5 per cento tratta dell’arresto di un indagato. Ma quando il processo arriva al dibattimento, l’attenzione si dissolve: solo il 13 per cento degli articoli segue le udienze. Va ancora peggio alla sentenza: appena l’11 per cento degli articoli informa i lettori su come è andata a finire la vicenda giudiziaria che nelle fasi iniziali, invece, veniva squadernata su pagine e pagine.

Beniamino Migliucci, che dell’Ucpi è presidente, scrive che «le informazioni sulle indagini preliminari vengono sapientemente divulgate per creare consenso preventivo». Il risultato è negativo anche sulla correttezza del processo, perché si viola «la verginità cognitiva del giudice, che viene bombardato da informazioni riguardanti le indagini». Secondo lo studio, gli articoli sono colpevolisti quasi nel 33 per cento dei casi; un altro 33 per cento riporta le tesi dell’accusa senza esprimere giudizi; il 24 per cento ha toni neutri. E soltanto il 3 per cento prende una posizione garantista, se non direttamente innocentista. Soltanto il 7 per cento degli articoli riporta notizie di natura difensiva, fornite dall’avvocato dell’indagato o dell’imputato.

Foto: Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova Multistrada 1260 cambia radicalmente con le novità che riguardano circa il 30% del progetto; smussa gli spigoli vivi del motore precedente motore e guadagna nella guida ora più fluida e rotonda meno reattiva.

L'articolo Prova Ducati Multistrada 1260 proviene da RED Live.

Per le piccole inglesi supersportive è già tempo di pista. Al freddo dell'autodromo di Cremona partono i primi test della stagione. Il nuovo calendario prevede anche una trasferta al Paul Ricard. C'eravamo anche noi

L'articolo MINI Challenge, è già 2018 proviene da RED Live.

La 5 porte giapponese saluta da lontano le quattro generazioni che l’hanno preceduta, mostrando linee più slanciate e tante possibilità di personalizzazione. Si dota inoltre di dispositivi di controllo appannaggio di auto di segmento superiore. Prezzi a partire da 16.700 euro

L'articolo Prova Nissan Micra N-Connecta IG-T proviene da RED Live.

In Spagna lo conoscono tutti, da noi fa sussultare chi negli Anni 70 e 80 sognava il Lobito oppure aveva negli occhi l’inconfondibile colore blu di Pursang e Sherpa… La stella del marchio spagnolo brillò fino al 1983 per poi spegnersi definitivamente. Nel 2014 il pollice di Bultaco torna però ad alzarsi, grazie a uno […]

L'articolo Prova Bultaco Albero 4.5 proviene da RED Live.

Era dai tempi della Tribeca, uscita di produzione nel 2014, che la Subaru non si cimentava nel tema delle grandi SUV. Un’assenza che, dopo anni di successi negli States, ha penalizzato la Casa nipponica. Ora, però, i jap corrono ai ripari presentando, in occasione del Salone di Los Angeles, la nuova Ascent. Una sport utility […]

L'articolo Subaru Ascent: mai così grande proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download