Google+

Crisi. Anche la Germania della Merkel ha i suoi grattacapi economici

ottobre 15, 2014 Matteo Rigamonti

Persino la più ricca nazione europea si è accorta che non può più stare ferma se vuole mantenere la sua competitività attuale

Anche Berlino ha scoperto la crisi. Dopo che la cancelliera tedesca Angela Merkel ha predicato austerità in lungo e in largo per anni in Europa, ora persino la ricca Germania si è accorta che non può più stare ferma se non vuole soccombere alle dinamiche della globalizzazione. La spia rossa si è accesa quando, settimana scorsa, quattro autorevoli think tank come Ifo, Diw, Rwi e l’Istituto di ricerca economica di Halle, hanno tagliato le stime di crescita del Pil nel 2014 dall’1,9 all’1,3 per cento. A preoccupare i tedeschi sono soprattutto i cali delle esportazioni causati dalla crisi dell’Ucraina e il conseguente embargo russo: se, infatti, la Germania ha una quota di export verso Mosca pari “solo” al 3,5 per cento del totale; il 40 per cento delle sue aziende hanno, comunque, relazioni con l’Est Europa.

«BERLINO FACCIA LE RIFORME». È quello che hanno chiesto ad Angela Merkel 50 giovani del suo stesso partito, la Cdu, che si sono riuniti nella capitale, dove hanno sottolineato l’esigenza di un’«agenda 2020», come riportato dal Wall Street Journal. Una richiesta condivisa persino da un falco come il presidente della Bundesbank Jens Weidmann, che è solito bacchettare i Paesi più in difficoltà nell’euro; come, peraltro, ha appena fatto descrivendo l’Italia e la Francia quali «bambini problematici» d’Europa perché in ritardo sulle riforme. Ebbene, Weidmann trova che la preoccupazione dei giovani cristiano-democratici «non sia assurda», semmai «un po’ esagerata». «La globalizzazione – ha detto Weidmann –, i rinvii sulla politica energetica, l’alto indebitamento statale e l’invecchiamento della società metteranno fortemente alla prova anche la Germania nei prossimi anni. Sono le grandi sfide che si deve porre la politica tedesca».
L’importanza di fare le riforme, poi, è stata ribadita anche dal ministro delle finanze olandese, nonché presidente dell’Eurogruppo, Jeroem Dijsselbloem,  secondo cui «le riforme non si possono fare ogni 20 anni». Perlomeno non se la Germania «intende mantenere la sua competitività».

UN DECENNIO DI CRISI. A conferma che qualche preoccupazione deve pur agitare i sonni tedeschi, c’è un’osservazione fatta da Hans-Werner Sinn, presidente dell’Ifo Institute for Economic Research, una delle più autorevoli voci economiche prese in considerazione dai governi della Germania secondo il Financial Times. L’Europa va verso un «decennio di crisi», ha dichiarato Sinn al Telegraph, come è avvenuto, «in Giappone». Tanto che è reale il «rischio di una terza fase di recessione, se non addirittura di depressione economica». È vero, ha precisato, per la Germania ancora «non stiamo parlando di una vera e propria recessione, ma di rallentamento della crescita sì». E la sostanza non cambia.

LE COLPE DELL’EUROPA. A voler individuare le responsabilità dell’attuale situazione di crisi e difficoltà economica, fa notare Sinn, non si può non notare come i politici europei «siano ancora riluttanti a operare quei cambiamenti radicali di cui pure i loro Paesi hanno urgente bisogno» per stare nell’euro. Motivo per cui verosimilmente andremo incontro, ha spiegato Sinn, a «un periodo di stagnazione in cui le risorse finanziarie saranno malamente impiegate per mantenere gli standard di vita acquisiti da economie ormai divenute improduttive, piuttosto che investirle produttivamente affinché l’Europa possa tornare a crescere». Una situazione che è destinata ad aumentare il malessere sociale della gente, prosegue Sinn, «come è possibile constatare già, con una certa dose di evidenza, nell’Europa del Sud, dove le popolazioni stanno fronteggiando una disoccupazione di massa, come in Francia e in Grecia».

COME USCIRNE? Non sarà semplice superare la crisi senza un prezzo da pagare. Se è vero, infatti, che l’«euro ha contribuito alla stagnazione e al malcontento», abbandonare la moneta unica «non è la soluzione», chiosa Sinn. Sono le «riforme strutturali ciò che può riportare la competitività in Europa». Solo che ormai «la Grecia», e «anche tanti altri Paesi, avrebbero bisogno di più austerità di quanto la società non possa reggere». E la Francia ha un «settore pubblico» che deve essere ridimensionato a tutti i costi se non vuole che gli investitori scappino; anche se non è detto che Parigi «abbia i muscoli per reggere». Stiamo parlando, infatti, di economie che sono paragonabili a «malati che devono essere operati e non possono più essere curati con le medicine». Una situazione che, oltretutto, è stata aggravata dall’ingresso nell’Unione europea dell’«Europa dell’Est, dove, in Polonia, il costo del lavoro è di 7 euro l’ora, mentre in Spagna è pari a 23 euro». Problemi che, forse, cominciano a preoccupare persino la ricca Germania.

NOI SALVAMMO LA GERMANIA. Duro è, infine, il giudizio contenuto nell’ultimo libro del verde Joschka Fischer, che è stato ministro degli Esteri del governo Schröder dal 1998 al 2005. Secondo Fischer, come riporta la Stampa, «l’austerità alla tedesca ha imposto ai Paesi del Sud Europa una deflazione interna dei salari e dei prezzi che avrebbe ora bisogno di essere mitigata da una soluzione comune per tutti i debiti pregressi». Mentre Berlino, bloccando di fatto quest’opzione, «sta condannando il Sud Europa alla trappola della spirale dei debiti, cioè a non uscire mai dalla crisi». E, come se non bastasse, accusa Fischer, il suo Paese sembrerebbe «avere la memoria troppo corta, in questo accanimento pedagogico contro i partner meridionali; è sorprendente, scrive, che la Germania abbia dimenticato la storica Conferenza di Londra in cui l’Europa nel 1952 le abbonò tutti i debiti. Senza quel regalo, non avremmo riconquistato la credibilità e l’accesso ai mercati, la Germania non si sarebbe ripresa e non avremmo avuto il miracolo economico».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Saverio scrive:

    Forse fra 10, forse fra 20 anni conosceremo meglio la storia economica occulta (e non solo quella economica) dei nostri tempi.
    Il centrodestra del periodo 2010/2011 aveva ammonito – timidamente essendo parte in causa – che la Germania ha enormi grane, occultate dai media italiani ed europei, avendo un sistema bancario, fra l’altro, gonfio di titoli tossici.
    Fatto sta che dopo la cura Monti e Letta, che avrebbe ucciso un cavallo, l’Italia ha avuto necessità di ottenere dalla BCE un’iniezione di liquidità, a livello bancario, di 75 miliardi di Euro.
    La “sanissima” Germania ha ottenuto 95 miliardi.
    Come dire: il re era in mutandoni di lana ma (quasi) nessuno lo diceva.
    La Francia, in una fase precedente (2011/2, se ben ricordo), aveva a sua volta ottenuto cifre da capogiro.
    Ma i giornali, mentre svergognavano i greci, colpevoli di “mungere” a dismisura l’Europa, nulla dicevano dei francesi (che con tutto il rispetto sono grandi come fanfaroni, in primo luogo) che nelle stesse circostanze avevano ottenuto liquidità in misura impressionante.
    Liquidità superiore non tanto alla Grecia (che è comunque una piccola entità nazionale), quanto a qualunque altro Paese europeo, Germania ed Italia comprese e per giunta messe assieme.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana