Google+

Così il mercato immobiliare ha ripreso a crescere

maggio 19, 2017 Francesco Megna

Decisivo il contributo dei capitali esteri che raggiungono il nostro mercato con un’onda lunga che si protrarrà anche nel 2017

annuncio-immobiliare-vendesi-ansa

Due anni positivi per gli investimenti immobiliari. Negli ultimi 12 mesi il volume degli investimenti immobiliari in Italia ha superato i 9 miliardi di euro, con una crescita del 12 per cento rispetto all’anno prima. Di investimenti immobiliari a crescere ulteriormente. Il sentore della ripresa era già stato confermato nell’ultima parte dello scorso anno: con 3,8 miliardi di valore, gli investimenti immobiliari hanno registrato il miglior risultato trimestrale degli ultimi 10 anni, superando dell’80 per cento la media calcolata sull’ultimo quarto del periodo 2007-2016.

I capitali esteri hanno sicuramente dato una mano al settore: nel quarto trimestre 2016, infatti, il capitale straniero in Italia ha rappresentato il 56 per cento degli investimenti totali con una variazione positiva del 6 per cento. Il capitale domestico è comunque in crescita e ha rappresentato nel trimestre il 40 per cento circa del totale degli investimenti, contro un 25 del 2015. Anche le prospettive per l’anno in corso sono abbastanza rosee: il 42 per cento degli investitori immobiliari nazionali e internazionali è pronto infatti ad aumentare la quota di investimenti immobiliari in Italia.

Ad attrarre maggiore interesse sono i settori appartenenti all’high street (18 per ceto di preferenze), quello degli uffici (16 per cento contro un 40 del 2016) e dei centri commerciali (14 per cento, dato stabile nelle propensioni degli investitori). Nel quarto trimestre del 2016 il settore office ha registrato la quota maggiore di investimenti (43 per cento del totale), in crescita del 26 per cento sullo stesso periodo del 2015. Anche il settore retail continua la sua crescita ma è l’high street a raggiungere il risultato record. Tuttavia, i rendimenti prime e secondary di questo settore e di quello relativo agli uffici hanno registrato un’ulteriore contrazione con un divario più accentuato tra prime e non prime. Il 2016 è stato anche l’anno della logistica, grazie al sempre maggiore sviluppo dell’e-commerce.

Il mattone ha un suo peso nei portafogli delle famiglie italiane. Per l’esattezza il valore di questo asset è compreso tra il 40 e il 60 per cento ed è così da molti anni. D’altronde il settore immobiliare ha sempre avuto un forte ascendente nel paniere degli investimenti e quasi la metà dei risparmiatori vanta nel suo portafoglio almeno un asset immobiliare. Tuttavia qualcosa sta cambiando, perché se il mattone sino a ieri era considerato bene rifugio e investimento sicuro, oggi è invece percepito come asset rischioso, incapace di offrire una reale diversificazione. Il contesto economico-finanziario non aiuta: il sentiment negativo si è infatti riversato anche sul real estate, non immune dai rendimenti finanziari in calo e dai tassi zero. Nonostante si continui a credere che il valore di un immobile sia ancora redditizio nel lungo periodo, i clienti hanno scoperto che anche l’immobiliare può essere soggetto a variazioni di segno negativo e, a causa della tassazione, è diminuita la percentuale di chi è disposto a investire in immobili con scopo reddituale.

Ciò non toglie che le società di gestione continuino a puntare sui fondi immobiliari dove l’incidenza degli immobili prevale rispetto agli strumenti finanziari. Nel dettaglio l’incidenza degli asset immobiliari aumenta nei portafogli dei fondi misti (+18 per cento), maggiormente focalizzati verso le attività core, e dei fondi con scadenza a lungo termine (+9 per cento). Ma la quota di immobili è in crescita anche nei portafogli di fondi non quotati, di fondi riservati e di fondi a raccolta. All’aumentare degli asset immobiliari diminuisce la quota di investimenti in strumenti finanziari (-3,6 per cento) in particolar modo all’interno dei fondi in cui l’immobiliare cresce maggiormente. L’esposizione complessiva verso titoli di debito risulta invece in aumento del 4 per cento; un altro elemento da sottolineare è l’aumento nei portafogli dei fondi immobiliari della liquidità e dei depositi bancari. Il terziario direzionale è la destinazione d’uso prevalente degli asset immobiliari presenti nei portafogli dei fondi. Seguono i centri e parchi commerciali, le residenze sanitarie-assistenziali e gli hotel.

Francesco Megna, autore di questo articolo, è funzionario di banca, area Corporate

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

KTM rivoluziona il mondo dei motori a 2 tempi con l'introduzione dell'iniezione sui modelli Enduro competition per il 2018. Le abbiamo provate scoprendo che il 2T ha ancora davvero molto da dire.

L'articolo Prova KTM EXC TPI 2018 proviene da RED Live.

PRONTI A PARTIRE Arriva l’estate e per molti viene il momento di fare finalmente qualche viaggio con la moto del cuore, spesso usata durante l’anno solo per il tragitto casa-ufficio o poco più. Un fine settimana, magari, o anche una vera e propria vacanza, che ha tutti i presupposti per restare memorabile. Spostarsi su due […]

L'articolo 10 consigli per i viaggi in moto proviene da RED Live.

Dopo aver debuttato sulle sorelle/gemelle arancio, il motore 2 tempi sbarca anche sulla gamma enduro Husqvarna 2018

L'articolo Gamma enduro Husqvarna 2018 proviene da RED Live.

Dopo aver visto lo stupendo Cento10Air Ramato guidato da Pippo Pozzato al Giro del centenario, mi sono ancor più convinto che non occorre guardare oltre l’Oceano per ritrovarsi a sbavare su una bicicletta. Wilier è uno di quei marchi che sta lavorando bene, assai, e il grande successo che riscuote anche oltre i nostri confini, a parte […]

L'articolo Prova Wilier Triestina Cento10Air proviene da RED Live.

Basata sul medesimo pianale della Ibiza, la nuova SUV compatta spagnola può contare su di una generosa capacità di carico oltre che su ricche dotazioni multimediali e di sicurezza. Prezzi da circa 16.000 euro e trazione esclusivamente anteriore.

L'articolo Seat Arona: fatemi spazio proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana