Google+

Cos’è il circo mediatico giudiziario? Ve lo spiega Marina Berlusconi

luglio 26, 2012 Redazione

Il presidente di Fininvest e Mondadori parla a Il Giornale della sua convocazione a Palermo come persona informata sui fatti nel processo Dell’Utri. Se dici di non sapere cose che non sai diventi un teste “vago”.

Quello imbastito dai media è «un processo dal quale è impossibile difendersi». È quanto scrive Marina Berlusconi in una lettera pubblicata oggi su Il Giornale. Il presidente di Fininvest e Mondadori il 9 luglio è stato convocato come persona informata sui fatti dalla Procura di Palermo nell’inchiesta su una presunta estorsione a Silvio Berlusconi da parte del suo collaboratore Marcello Dell’Utri. «Peccato che i presunti fatti su cui dovrei essere informata li apprendo solo, qualche giorno dopo e con grande abbondanza di dettagli, dai giornali». «Ma parlare di “fatti” è totalmente fuori luogo»: si tratta, dice, di «paginate e paginate di falsità e insinuazioni».

La procura avrebbe convocato Marina Berlusconi per ottenere informazioni sul conto cointestato con il padre, Silvio Berlusconi, dal quale, sette anni fa, sarebbero partite delle somme versate alla famiglia Dell’Utri. Marina Berlusconi si chiede che cosa dovesse dire di tanto importante da costringerla a un viaggio in aereo da Milano a Palermo per una conversazione durata venti minuti. C’è forse qualcosa di strano in quei versamenti fatti da Silvio Berlusconi a un suo storico e «prezioso» collaboratore, «il quale è improvvisamente precipitato in un incubo che da quasi vent’anni lo costringe a trascinarsi da un tribunale a una procura, un incubo che è guarda caso comparso in contemporanea con la discesa in campo di mio padre?». E per raccogliere questa testimonianza, non sarebbe bastato incaricare un funzionario della Guardia di Finanza a Milano?

Il risultato di questa convocazione non è stato quella di tutelare una «presunta vittima», ma la «gogna mediatica» che ne è seguita e l’ha investita: «Nel giro di poche ore mi vedo precipitata nell’inferno mediatico». «Nei tg della sera la mia foto si mescola con quelli dei boss e di orribili stragi». Peggio avviene con i giornali: «Ben forniti dai soliti “ambienti giudiziari” di mezze verità e bugie intere, mi descrivono come una teste “evasiva”». Falsità, afferma: «Basta leggere il verbale della mia deposizione (a quando le fotocopie da parte degli “ambienti giudiziari”?)». «Ovviamente», prosegue, «non puoi dire di sapere cose che non sai, ma se dici di non saperle ecco che diventi sulla stampa una teste “vaga”, con tutti i peggiori sottintesi possibili». Alla fine: «eccola qui l’alternativa folle, assurda, inaccettabile: o menti, raccontando quello che da te si vorrebbe sentire anche se non è vero, o dici la verità e allora cominciano a circondarti il sospetto e le insinuazioni». «L’unico processo che interessa è quello che viene fatto ogni giorno sulla stampa, convocando testimoni buoni a ingolosire i telegiornali della sera, trasformando pentiti veri e falsi in icone, facendo filtrare quello che fa comodo, e poco importa se è totalmente falso».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. viccrep scrive:

    certo se Marina Berlusconi mette in luce un sistema di notizie corrotte e piene di fango, va insultata e presa in giro, va forse lodato Ingroia che usa la sua funzione come una clava per abbattere chi vuole, santificando veri mafiosi, cercando di adeguare la storia alla sua ideologia, vuol dire che le bucce di patata non sono solo sugli occhi ma anche dentro la testa

    • mario scrive:

      Scusi viccrep, dato lei sembra molto informato, come fa a sapere che la Sign.a Marina è indegnamente coinvolta da magistrati di parte? Ha per caso informazioni che noi non abbiamo?

      Non le sembra strano che il Magistrato Ingroia sia così tanto inattendibile da essere stato richiesto la un organismo del’ ONU : la Commissione investigativa contro l’impunità in Guatemala, impegnato nella lotta al narcotraffico?

      Che dice, ci si è messa anche l’ ONU a dare addosso alla famiglia berlusca, fulgido esempio di tipica famiglia Italiana : padre viveur, figli che dopo le elementari vanno direttamente a fare i Presidenti di importanti Società.
      Per caso è l’ idea di Italia che lei sogna?

  2. GIESSE scrive:

    Bisogna farsi lupi, siamo in guerra.
    Con i mezzi che hai a disposizione li puoi combattere efficacemente.
    Oppure farteli amici, pecunia non olet, loro apprezzano.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana