Google+

Cosa vuol dire che è «inaccettabile» opporsi al regime politically correct?

giugno 28, 2015 Luigi Amicone

«Inaccettabile» è chiunque si opponga all’utopia in cui l’indifferenza sessuale viene presentata come il più puro archetipo dell’amore

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

Se volete sapere cosa c’è nel catalogo di Ivan Scalfarotto, militante Lgbt e sottosegretario Pd nel governo Renzi, che dichiara «inaccettabile» la piazza delle famiglie, prendete fiato e correte a leggere l’intervista della nostra Benedetta Frigerio a Geoffrey Alderman su tempi.it. Ebreo britannico e professore di storia alla University of London al Touro College di New York, ci ha fatto un elenco impressionante di persone perseguitate, arrestate, licenziate, messe all’indice in Gran Bretagna, grazie alle leggi conseguenti al riconoscimento del “same-sex marriage”.

Infatti, cosa c’è nel “mondo nuovo” dei “diritti” e delle leggi secondo l’agenda gay? Per esperienza – nei fatti, solo fatti – evidenziati dallo stesso Alderman, c’è solo prepotenza ideologica e Stato di polizia. Come governano? «Con la paura: per silenziare i dibattiti basta accusare gli altri di omofobia. È l’imposizione del “politically correct”. Il fascismo serve a controllare le persone». Vi è più chiaro adesso a cosa servono piazze come quelle viste a Roma sabato 20 giugno?

«Inaccettabile» è dunque chiunque si opponga al fascismo del politicamente corretto. Ma perché l’Italia non si è ancora adeguata alla linea Usa e Ue in materia? È un grave imbarazzo per il complesso di posizioni dominanti in Occidente che Roma non sia ancora capitolata davanti al rimpiazzo della ragione con l’eccitazione emotiva e allo svalvolamento dell’educazione del popolo per lasciar posto all’istruzione di una folla solitaria di Peter Pan che hanno imposto leggi e impregnato il marketing delle aziende multinazionali.

Marxismo e fascismo si sono presi per mano trascolorando le loro bandiere nei vessilli arcobaleno di una utopia non meno mortifera delle “idee assassine” del secolo scorso. Utopia in cui l’indifferenza sessuale viene presentata come il più puro archetipo dell’amore e perciò come “diritto dell’amore ad avere figli”. Sventrare nella testa dei bambini e della società non il dato “tradizionale” e lo “stereotipo”, ma il fatto evidente e reale che “famiglia” è un uomo e una donna e che solo da un uomo e una donna scaturisce l’avvenimento della natalità, è il supremo tentativo del potere di strappare l’umano al mistero e il mistero dalla vita umana. È seminare vento per raccogliere tempesta. Menzogna che genera violenza.

Nessuno però potrà dire che siamo stati in silenzio. E che non ci sia stato in Italia un popolo che aveva capito tutto. Ma dove sono i sapienti? Dove i giornalisti, gli intellettuali, la gente perbene e famosa, di cultura e di giustizia, di intrattenimento tv e di politica, cinica omologazione, per “sondaggio” e per paura? Dove sono tutti costoro quando il nuovo fascismo comunica per bocca di un sottosegretario di governo – e del governo presieduto da un cattolico, un boy scout, un gentile e simpatico gran comunicatore – che «è inaccettabile» che il popolo scenda in piazza per dire democraticamente e pacificamente la verità, nient’altro che la verità?

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. SUSANNA ROLLI scrive:

    Requiescant in pace. Amen.

  2. angelo scrive:

    PIERO OSTELLINO ad esempio. e diamogli questo riconoscimento.

  3. giuliano scrive:

    quando un partito come il PD è sempre all’avanguardia nella distruzione sistematica nell’ambito della economia, della politica, della morale, della antropologia umana, e tale distruzione avviene sempre alla luce del sole tale che non è possibile negare che il PD sia l’autore di queste porcherie, e quando il popolo sulla cui testa vengono fatte tali porcherie, vota in massa per il PD, allora si può affermare con sicurezza che la mente e la psiche del popolo sono andate in pappa, o meglio al cesso

  4. Ellas scrive:

    Marxismo e fascismo si sono presi per mano trascolorando le loro bandiere nei vessilli arcobaleno di una utopia non meno mortifera delle “idee assassine” del secolo scorso

    Questa frase…mai fu più vera! L’ideologia del politically correct è un cancro che speriamo di estirpare un giorno.

    Riguardo all’ideologia gender penso di esserci dentro come asex convinta, però già da alcuni mesi non mi pongo più la domanda se mi sento maschio o femmina, e vado da Dio. Sono io e basta, ma dentro di me senza classificarmi.

    Ci vuole proprio l’intervento di Dio per salvare i bambini, che sono il futuro di quest’umanità così disordinata.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana