Google+

Cosa Bellocchio ha deciso di non vedere. Le Suore Misericordine, ad esempio

settembre 10, 2012 Redazione

Ripubblichiamo la risposta del direttore di Avvenire, Marco Tarquinio, a una lettera di un lettore pubblicato sul quotidiano sabato 8 settembre.

Ripubblichiamo la risposta del direttore di Avvenire, Marco Tarquinio, a una lettera di un lettore pubblicato sul quotidiano sabato 8 settembre. 

Caro direttore, chissà se Bellocchio nel suo film avrà dato il giusto rilievo alle eroiche suorine che curarono amorevolmente Eluana. Quanto a me, non lo saprò mai, perché sono brutto e cattivo e non ho nessuna intenzione di vedere il film. Buon lavoro.
Giovanni De Marchi, Milano

Risposta Tarquinio: No, caro dottor De Marchi, nel film di Marco Bellocchio non c’è il giusto rilievo per le Suore Misericordine. Ci sono alcune delle loro parole (sullo sfondo di una scena, dentro una tv accesa) e nessuno, proprio nessuno dei loro gesti fedeli e gratuiti di cura e di amore per Eluana Englaro. Niente, neppure un accenno. D’altra parte quei gesti – nel giorno per giorno di una persona che era disabile e non malata terminale – non sono stati ignorati per caso: sono la prova della menzogna che aleggia su tutto il film come era aleggiata su tutta la campagna sviluppata per portare a morte la giovane donna in stato vegetativo persistente, e cioè che Eluana fosse tenuta in vita da macchine. Non c’era alcuna macchina che tenesse in vita Eluana. Non c’erano spine da staccare. C’erano le suore, le stesse che anni prima l’avevano vista nascere in quello stessa casa di cura lecchese. C’erano i fisioterapisti che la accudivano. C’era la carrozzella con cui usciva dalla sua stanza quando il tempo era buono. C’erano il cibo e l’acqua che le venivano somministrati. Eluana è morta perché le sono stati tolti: cibo, acqua e gesti di cura e d’amore. Un film non poteva restituirli a Eluana, ma poteva restituirli a chi non sa o è stato male informato. Per aiutare a vedere e a capire. A volte i film riescono a farlo. Non era questo il programma di Bellocchio. E si vede. Anche in quel che ha deciso di non far vedere.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. sasà scrive:

    Delle suore misecordine che si nutrono della sofferenza di una famiglia per far vedere che son tanto, tanto buone non mi frega assolutamente niente!!!!!! E’ giunto il momento di dire basta all’arroganza vaticana di pretendere che la vita degli individui sia una proprietà privata della cricca catto-fascista.! Basta con questo schifo, BASTAAAAAAA!!!!!!!!!!!

  2. Sergio scrive:

    Fratelli, Dio ci parla. Il giorno della morte di Eluana la parola di Dio della liturgia ambrosiana era: UCCIDE IL PROSSIMO CHI LO PRIVA DEL NUTRIMENTO (SIRACIDE 34,26). Sentendola, quel giorno, durante la S.Messa sono rimasto profondamente colpito. La vita non ci appartiene. Ecco, tutte le vite sono mie: la vita del padre e quella del figlio è mia; chi pecca morirà. (Ezechiele 18,4) e nel Levitico è scritto: NON COOPERERAI ALLA MORTE DEL TUO PROSSIMO, perchè, come ci avverte in Genesi: domanderò conto della vita dell’uomo all’uomo, a ognuno di suo fratello (Genesi 9,5). Io ti ho posto davanti la vita e la morte, la benedizione e la maledizione; scegli dunque la vita, perché viva tu e la tua discendenza (Deuteronomio 30,19).

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana