Google+

Sconfitti alla Corte suprema da Hobby Lobby, i democratici Usa rispondono con «la legge sull’aborto più radicale mai discussa al Congresso»

luglio 16, 2014 Benedetta Frigerio

La norma proposta dal senatore Blumenthal cancellerebbe in un colpo solo tutte le restrizioni a tutela della vita introdotte dai singoli stati negli ultimi anni

Dopo che il 30 giugno una sentenza della Corte suprema americana ha sollevato l’azienda Hobby Lobby dall’obbligo di fornire ai propri dipendenti piani assicurativi sanitari comprensivi di copertura per aborto e contraccezione, al Congresso di Washington si è scatenata l’offensiva liberal. Alla lettura del verdetto, che riguarda solo le imprese for profit a conduzione familiare (mentre per le aziende no profit la disputa è ancora aperta nei tribunali), il portavoce della Casa Bianca, Josh Earnest, ha reagito denunciando che la decisione dei giudici «mette a repentaglio la salute delle donne», e ha invitato il parlamento a ribaltare la sentenza.

CONTRO LA CORTE SUPREMA. Così il 9 luglio i senatori democratici Patty Murray e Mark Udall hanno annunciato in una conferenza stampa l’introduzione al Congresso del “Protect Women’s Health From Corporate Interference Act”, un disegno di legge per “proteggere la salute delle donne dalle interferenze delle aziende” intesa proprio a ribaltare la sentenza della Corte suprema sul caso Hobby Lobby e a far valere per tutte le aziende il contraceptive mandate previsto dalla riforma sanitaria di Obama, senza alcun riguardo per l’eventuale obiezione di coscienza dei datori di lavoro.

ABORTO SENZA LIMITI. In questi giorni, poi, alla commissione Giustizia del Senato si discute un’altra norma proposta dal senatore democratico Richard Blumenthal con lo scopo di dichiarare nulle tutte le leggi votate dai parlamenti nazionali per proteggere la vita e limitare l’aborto. Il bill, naturalmente intitolato sempre alla “difesa della salute delle donne”, ricalca l’abbandonato “Freedom of Choice Act”, sostenuto a suo tempo (2007) dallo stesso Barack Obama, all’epoca senatore dell’Illinois: se il “Women’s Health Protection Act” passasse sarebbe vanificato in un colpo solo tutto l’enorme sforzo compiuto negli ultimi anni dal movimento pro life, grazie al quale in molti stati della federazione sono state approvate norme a difesa della vita.

MAI COSI’RADICALE. Addio dunque all’obbligo per le madri, previsto in 32 stati, di ricevere informazioni sul bambino in grembo, addio ai divieti di praticare aborti per il personale non medico, addio al divieto introdotto in 20 stati di abortire a stadio gestazionale avanzato. In 29 stati decadrebbero le norme sugli standard di sicurezza necessari per aprire cliniche abortive o per operare in esse, così come tutti i regolamenti sull’aborto chimico o i limiti all’uso dei fondi pubblici. Verrebbe meno anche la legge sull’obiezione di coscienza ora vigente ovunque. La proposta era già stata presentata lo scorso novembre ma era rimasta ignorata. Ora, però, a quattro mesi dalle elezioni di metà mandato, i liberal sono tornati alla carica con «la legge sull’aborto più radicale che il Congresso abbia mai discusso», ha commentato Carol Tobias, il presidente del National Right to Life Committee, chiamato a testimoniare di fronte alla commissione Giustizia del Senato.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Ambrogio scrive:

    E’ sempre così: se i giudici danno ragione alla giustizia e al bene comune la lobby gay risponde con una legge uguale e contraria e così i giudici imparano. Se le Corti danno ragione alle lobby dell’immoralità e dell’ingiustizia, allora si osannano i giudici che hanno riparato gli errori dei legislatori pirla.

    • Ambrogio scrive:

      Volevo scrivere “la lobby dell’immoralità” anche nella prima frase. Errata corrige.

  2. Valeria scrive:

    Che mostri, speriamo e preghiamo che queste leggi non passino!
    Comunque, sulla sentenza Hobby Lobby bisogna dire: in che modo il fatto che il tuo datore di lavoro non ti paghi l’aborto e la pillola del giorno dopo è una minaccia alla tua salute? Se li vuoi pagali tu.

  3. filomena scrive:

    In che modo è una minaccia per la tua salute? Semplicemente perché non vengono forniti gli strumenti cioè il denaro per salvaguardarla.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana