Google+

Se la Corte costituzionale si trova in “vacanza” proprio quando ne abbiamo bisogno

dicembre 5, 2015 Maurizio Tortorella

Se il terrorismo jihadista ci colpisse, la nostra classe politica saprebbe rispondere senza abbandonarsi a dubbie leggi speciali? Per questo la Consulta deve essere nel pieno della sua funzionalità

corte-costituzionale-mattarella-boldrini-ansa

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Tre giudici su quindici: se su un tema assai serio è concessa una metafora automobilistica, da lunghi mesi la Corte costituzionale viaggia “a tre cilindri”. Ed è una vergogna, e insieme un rischio. Con una battuta di spirito Giovanni Maria Flick, che della Consulta è stato presidente, dice che a questo punto «bastano due raffreddori per paralizzare la Corte». A essere sotto-rappresentata, oggi, è soprattutto la componente parlamentare, ma Camera e Senato sembrano incapaci di fare fronte al problema, quasi indifferenti. La composizione della Corte (cinque membri nominati dal Quirinale, cinque eletti dalle magistrature e cinque dal Parlamento) è fortemente sbilanciata, ma il balletto delle candidature proposte e ritirate, il gioco delle intese annunciate e fallite continua come se nulla fosse: al punto che l’inconsistenza istituzionale degli eletti è evidente e quasi deprimente.

È già capitato, in passato. Ma oggi la situazione è decisamente più grave. Perché la “vacanza” dei giudici coincide con un momento che per due motivi serissimi richiederebbe, al contrario, che la Consulta funzioni a pieno regime. Il primo motivo sono le riforme costituzionali di cui si sta discutendo in Parlamento. La controversa riforma del Senato da sola richiede a gran voce che l’organo di massimo controllo costituzionale sia nel pieno delle sue facoltà e della sua legittimazione.

Il secondo motivo, se vogliamo, è ancora più delicato. La Francia, dopo il terribile attacco jihadista del 13 novembre, sta velocemente modificando la sua Carta fondamentale. Ha già introdotto il diritto per il governo di proclamare l’emergenza nazionale per un periodo di tre mesi e ipotizza la sospensione di alcune garanzie dello Stato di diritto. Nell’Assemblée nationale c’è addirittura chi chiede la reintroduzione della pena di morte, che la Francia aveva abbandonato nel 1981, per chi usa bombe o kalashnikov. Contro i terroristi Parigi aveva usato la ghigliottina per le ultime volte nel 1957, durante la violenta “battaglia d’Algeri”; l’ultima esecuzione invece risale al 1977 e riguardò un rapinatore omicida.

In Italia non siamo a questo punto, per fortuna. Eppure va ricordato che negli anni del terrorismo delle Br anche un politico dalla fama di sincero democratico, Ugo La Malfa, chiese l’introduzione della pena capitale. Sarò forse un pessimista. Ma se dopo la Francia – Dio ne scampi – il terrorismo jihadista dovesse colpire anche il nostro Paese, non sono convinto che la nostra classe politica (oggi non nella sua forma migliore) sarebbe in grado di rispondere all’emergenza senza abbandonarsi a misure straordinarie o a dubbie leggi speciali. È per tutto ciò che in tempi burrascosi come questi serve assolutamente che il nostro organo supremo di garanzia costituzionale sia nel pieno della funzionalità.

Strano paese, l’Italia. Sulla questione dei giudici della Consulta mancanti gli unici che sembrano preoccupati di quel che (non) sta accadendo sono, al solito, i radicali. Tutti sembrano infischiarsene. Al momento, lo stesso presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, non si è ancora pronunciato sul tema. Il suo predecessore Cossiga, di fronte a uno dei tanti ritardi nella nomina di alcuni giudici costituzionali, raccomandò al Parlamento di accelerare le sedute: ricordò che era uno dei suoi compiti fondamentali e annunciò che, in caso contrario, avrebbe velocemente provveduto a sciogliere le Camere.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Sebastiano scrive:

    Epperò non è giusto, raccontateci come andò a finire con Cossiga…

  2. Alvise scrive:

    Ma a cosa ce ne servono 15? Ne bastano 9 negli Stati Uniti che sono molto più popoli di noi, non ne basterebbero 9 anche da noi? 3 eletti dalla magistratura, 3 dal presidente della repubblica e 3 dal parlamento.

    • geppo scrive:

      Scusi Alvise ma non ha notato qualche piccola diffrenza tra gli usa e l’Italia ? …

    • Castigamatti scrive:

      Negli Stati Uniti è diverso il sistema di nomina e i giudici costituzionali durano a vita… inoltre c’è un sistema di controllo di costituzionalità diffuso (ossia tutti i giudici, anche quello “di provincia” possono controllare la costituzionalità della legge) e non accentrato come da noi (ovvero un unico giudice che controlla la costituzionalità).
      Il nostro sistema, insomma, è diverso e non per questo è peggiore, anche se è migliorabile (penso alla possibilità di riconoscere anche alle Regioni e agli Enti Locali il potere di nominare o eleggere giudici costituzionali, alla possibilità di riconoscere un ricorso diretto alla Corte costituzionale per violazione dei diritti fondamentali come in Germania…).
      Credo, comunque, che il problema sollevato dall’articolo sia serio, e anch’io ritengo che il nostro Presidente della Repubblica debba prendere in mano la situazione.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

No, decisamente la Volkswagen non poteva restare a guardare. Il segmento delle B-Suv, vale a dire delle sport utility compatte, vive un momento di grande fermento e successo. La Casa tedesca, che sinora aveva nella Tiguan la proposta più “piccola”, doveva correre ai ripari. Ecco dunque avvicinarsi la presentazione ufficiale, prevista in occasione del Salone […]

L'articolo Volkswagen T-Roc: pronta alla battaglia proviene da RED Live.

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana