Google+

L’Hollandiere della Sera insiste nel vedere pericolosi terroristi tra le mamme coi passeggini della Manif pour tous

febbraio 6, 2014 Leone Grotti

Il Corriere ospita un articolo di Colombani, ex direttore del quotidiano di sinistra Le Monde, secondo cui le manifestazioni a favore della famiglia sono un «vero arretramento di civiltà»

Leggere oggi l’articolo del Corriere della Sera firmato da Jean-Marie Colombani sulla manifestazione della Manif pour tous a Parigi e Lione aiuta a capire perché c’era davvero bisogno che 500 mila persone scendessero in piazza. Il giornalista francese, ex direttore del quotidiano Le Monde, grande sostenitore del governo Hollande e di ogni progressismo, descrive quello che secondo lui è un «vero arretramento di civiltà».

«MIGLIORAMENTO LEGGE SULL’ABORTO». Colombani non si capacita neanche di come «migliaia di manifestanti» (ma avrebbe dovuto scrivere almeno “decine” o “centinaia” di migliaia) possano avere da ridire sul «miglioramento della legge sull’aborto». Dove per miglioramento, Colombani intende le modifiche appena approvate dall’Assemblea nazionale, per cui non c’è più bisogno per interrompere la gravidanza di essere «in uno stato di sofferenza», è sufficiente «non volere una gravidanza».
L’aborto, insomma, non è più «un’eccezione» ma «un diritto», un «atto come un altro». Chi si oppone, per il Corriere, non può che essere «spinto da una tentazione ultra-conservatrice». Arretrata, appunto.

manif-roma-manifestoNATURALMENTE. Difendere la vita dei bambini non ancora nati è diventato un atto così inconcepibile e spregevole per Colombani, il quale ben rappresenta tanto i vertici intellettuali e politici della Francia quanto quelli dell’Unione Europea e dell’Onu, che i manifestanti vengono definiti «pericolosi». Sono un «segnale d’allarme».
L’ex direttore del Le Monde non capisce perché i genitori si preoccupino che ai figli a scuola venga insegnata la «teoria di genere». Ecco perché definisce la protesta di tante famiglie con i passeggini come «un sollevamento contro tutto quello che va nel senso dell’uguaglianza uomo/donna, con il rifiuto, naturalmente, dell’omosessualità». Perché, “naturalmente”, basta non essere d’accordo con il matrimonio e l’adozione gay per diventare un pericoloso «estremista».

francia-colombani-le-monde«COLPA DELLA CHIESA». Se infatti non ci si accoda al pensiero unico si è automaticamente o un «estremista cattolico» o un «radicale musulmano» (stesso termine con cui il Le Monde definisce i gruppi terroristi che combattono in Siria). Ed ecco che nell’articolo di Colombani (foto a fianco, ndr) l’armonia tra le religioni, solitamente considerata qualcosa di positivo, diventa un motivo di preoccupazione: «Così, a Lione, hanno sfilato uno accanto all’altro, fra i manifestanti, l’arcivescovo e l’imam». Figure che diventano quasi losche volendo «riabilitare un’idea della famiglia strettamente limitata al legame biologico». E chi può essere il vero responsabile di questo «arretramento di civiltà» così ben descritto? “Naturalmente” è «l’influenza della Chiesa cattolica».

GRAZIE CORRIERE. Bisogna ringraziare il Corriere della Sera per aver pubblicato, dopo l’articolo di Montefiori, il testo di Colombani perché fa capire anche al di qua delle Alpi qual è il linguaggio della nuova “Summa ideologiae” e quanto si stia allontanando dalla banale realtà dei fatti. Che 500 mila persone in Francia sono scesi in piazza a difendere.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

11 Commenti

  1. Antonio says:

    per questa robaccia se non ci si conforma al mefitico progressismo, relativismo, ai lati peggiori della modernità si è pericolosi terroristi.

  2. luca says:

    ma basta con questi articoli, ma pensate a ripulire la chiesa dai pedofili invece di pensare a compromettere la felicità altrui!

  3. Toni says:

    La felicità altrui…. Se la Chiesa fosse favorevole all’aborto, alla sterilizzazione, ai matrimoni gay, alle adozioni (gay) al poliamore ( in tutte le varianti possibili ed immaginabili) e pronta a recepire tutte le -filie presenti e future per garantire la felicità altrui … gli si perdonerebbe tutto.. anche i preti pedofili.

    • luca says:

      no, certo che non si perdonano i preti pedofili… cmq mi scoccia che accomuni matrimoni gay con gli aborti, non è che uccidiamo qualcuno se ci sposiamo!

      • toni says:

        Li perdonano, ….sicurissimo! La pedofilia non è un gran problema se non ha per protagonisti dei preti..

        • luca says:

          a me non pare proprio, cmq da cristiano dovresti odiarli molto di più tu i preti pedofili che gli altri

          • Toni says:

            A te non pare forse perché sei un ottimista… ma con la pedofilia, ed i suoi tanti estimatori, lo trovo ingenuo.
            Da cristiano mi è impedito farmi guidare dall’odio (ma con la pedo spesso fallisco miseramente). Vorrei che cambiassero e che realizzassero nella loro vita tanto bene per quanto male hanno fatto (anzi di più). Avvolte qualcuno ci riesce…. anche in carcere.

          • Toni says:

            A te non pare perché sei un ottimista… ma lo trovo ingenuo a fronte della pedofilia.
            Poi dagli tempo, ci stanno lavorando e tra un paio di anni diventerà un diritto come glia altri.
            Non è la prima volta che succede.
            Mi chiedo come si come si chiamerà il nuovo retrogrado? Pedofobico?

            La pedofilia è da odiare sempre. il prete pedofilo ha per me solo aggravanti.

            Devo aggiungere che l’odio espresso da tanti…non mi pare sincero. E’ più una ripicca.

            x moderatore/i – Mi avete cancellato un procedente post. Non comprendo il motivo. L’email l’avete. Se in merito alla cosa mi scrivete due parole ne sono grato. Non è urgente… fate voi.

  4. Franceschiello says:

    Che la Chiesa fosse la centrale elettrica del conservatorismo, questo lo dicevano già i comunisti cento anni fa; e poi vedi che fine hanno fatto.
    I genderisti faranno la loro stessa fine.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download