Google+

Coraggio colleghi, provate a raccontare cosa c’è veramente dietro quelle sbarre

luglio 19, 2012 Luigi Amicone

Dov’è la stampa? Davanti alla «prepotente urgenza» umana evocata da Napolitano qualche pensiero dovrebbero farlo pure gli animalisti alla Brambilla

Marco Pannella e i radicali hanno iniziato lo sciopero della fame e del silenzio per sostenere il documento dei 108 giuristi e costituzionalisti che chidedono al capo dello Stato di sollecitare il Parlamento a varare «amnistia e indulto» per porre fine alla spaventosa situazione di degrado e incostituzionalità in cui si trovano le carceri italiane.

Ma i giornali dove sono? E le televisioni? Possibile che siano così poco sensibili alla «prepotente urgenza» umana evocata da Napolitano? Eppure un minimo esercizio del pensiero dovrebbe suscitare qualche riflessione anche tra gli animalisti alla Michela Brambilla.

D’accordo, le notizie di così tante persone (quasi 70 mila) che vivono ammassate in celle fuori norma Ue anche per i maiali possono infastidire le retoriche un po’ fanatiche di certi giornali e di certi pm combattenti. Però, un po’ di vera laicità, legalità e Costituzione in democrazia non guasta. E allora coraggio colleghi, provate a raccontare anche questa Italia da record di detenuti in attesa di giudizio (sono il 42 per cento della popolazione carceraria totale contro il poco più di 20 della media europea). Dei termini spropositatamente lunghi (fino a diciotto mesi!) della carcerazione preventiva. E della falsità di luoghi comuni come quello che attribuisce alla “certezza della pena” in carcere la “garanzia” di una maggiore sicurezza per i cittadini; quando è piuttosto vero il contrario, dicono i dati della stessa amministrazione penitenziaria, giacché «trascorsi sette anni dalla conclusione della pena, la recidiva si colloca intorno al 19 per cento in caso di pena alternativa, mentre raggiunge il 68,4 quando la stessa viene eseguita in carcere».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Commenti Facebook

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

Vintage ma con qualcosa in più, BMW R nineT e Honda CB1100 offrono due punti di vista differenti sul tema delle moto classiche. Più sportiva la BMW, più comoda la Honda

Viene realizzata ai giorni nostri, ma è quanto di più simile a una Granturismo degli Anni ’50. Adotta un 2.0 Alfa Romeo a carburatori da 170 cv e raffinate sospensioni push-rod. Telaio tubolare e carrozzeria in alluminio aiutano a contenere il peso in 820 kg

La nuova vettura da competizione della Casa della Régie mutua dalla sportiva Nissan GT-R il V6 3.8 da oltre 500 cv, collocato centralmente. La monoscocca in carbonio è made in Dallara. Cambio sequenziale a 7 marce e sospensioni regolabili. Per aspiranti professionisti

Speciale Nuovo San Gerardo