Google+

Coraggio colleghi, provate a raccontare cosa c’è veramente dietro quelle sbarre

luglio 19, 2012 Luigi Amicone

Dov’è la stampa? Davanti alla «prepotente urgenza» umana evocata da Napolitano qualche pensiero dovrebbero farlo pure gli animalisti alla Brambilla

Marco Pannella e i radicali hanno iniziato lo sciopero della fame e del silenzio per sostenere il documento dei 108 giuristi e costituzionalisti che chidedono al capo dello Stato di sollecitare il Parlamento a varare «amnistia e indulto» per porre fine alla spaventosa situazione di degrado e incostituzionalità in cui si trovano le carceri italiane.

Ma i giornali dove sono? E le televisioni? Possibile che siano così poco sensibili alla «prepotente urgenza» umana evocata da Napolitano? Eppure un minimo esercizio del pensiero dovrebbe suscitare qualche riflessione anche tra gli animalisti alla Michela Brambilla.

D’accordo, le notizie di così tante persone (quasi 70 mila) che vivono ammassate in celle fuori norma Ue anche per i maiali possono infastidire le retoriche un po’ fanatiche di certi giornali e di certi pm combattenti. Però, un po’ di vera laicità, legalità e Costituzione in democrazia non guasta. E allora coraggio colleghi, provate a raccontare anche questa Italia da record di detenuti in attesa di giudizio (sono il 42 per cento della popolazione carceraria totale contro il poco più di 20 della media europea). Dei termini spropositatamente lunghi (fino a diciotto mesi!) della carcerazione preventiva. E della falsità di luoghi comuni come quello che attribuisce alla “certezza della pena” in carcere la “garanzia” di una maggiore sicurezza per i cittadini; quando è piuttosto vero il contrario, dicono i dati della stessa amministrazione penitenziaria, giacché «trascorsi sette anni dalla conclusione della pena, la recidiva si colloca intorno al 19 per cento in caso di pena alternativa, mentre raggiunge il 68,4 quando la stessa viene eseguita in carcere».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

Commenti Facebook

L’Osservatore Romano

L'Osservatore Romano

Tempi Motori – a cura di Red Live

Una moto, tante moto; un motore tanti motori. La Ducati Multistrada diventa ancora più Multi grazie al nuovo bicilindrico Testastretta a fasatura variabile. Dolcissimo ai bassi, scatenato agli alti ha tante anime che ben convivono con quelle della moto. Tanta elettronica a bordo già nella versione base, ma se provi la S…

Hai mai sognato di sfrecciare sull’asfalto di un circuito in sella ad una moto e piegare come il più bravo dei piloti? Adrenalina a mille, rombi di motori, gas a tutto spiano: da oggi questo sogno può diventare realtà grazie alla scuola di guida Ducati Riding Experience, che ha aperto le iscrizioni per l’edizione 2015 […]

Tre anni dopo la Multiuso 230, la moto più compatta, essenziale e anticonformista di Borile, ecco la versione 125 cc. Motore semplice e potenza limitata ma, grazie a telaio e altri raffinati componenti in alluminio, la moto pesa soltanto 78 kg. Costa 3.750 euro oltre immatricolazione. In arrivo anche una versione “R” della 230

Confortevole e appagante su asfalto, sebbene rinneghi il passato da 4x4 nuda e pura è tra le SUV più efficaci fuoristrada grazie al sistema 4WD derivato dalla crossover S-Cross. A dotazioni ricche si accompagnano finiture sensibilmente più curate che in passato.

Stile vintage e qualità dei materiali: sono queste le principali qualità della nuova collezione Oscar

Speciale Nuovo San Gerardo