Google+

Coraggio colleghi, provate a raccontare cosa c’è veramente dietro quelle sbarre

luglio 19, 2012 Luigi Amicone

Dov’è la stampa? Davanti alla «prepotente urgenza» umana evocata da Napolitano qualche pensiero dovrebbero farlo pure gli animalisti alla Brambilla

Marco Pannella e i radicali hanno iniziato lo sciopero della fame e del silenzio per sostenere il documento dei 108 giuristi e costituzionalisti che chidedono al capo dello Stato di sollecitare il Parlamento a varare «amnistia e indulto» per porre fine alla spaventosa situazione di degrado e incostituzionalità in cui si trovano le carceri italiane.

Ma i giornali dove sono? E le televisioni? Possibile che siano così poco sensibili alla «prepotente urgenza» umana evocata da Napolitano? Eppure un minimo esercizio del pensiero dovrebbe suscitare qualche riflessione anche tra gli animalisti alla Michela Brambilla.

D’accordo, le notizie di così tante persone (quasi 70 mila) che vivono ammassate in celle fuori norma Ue anche per i maiali possono infastidire le retoriche un po’ fanatiche di certi giornali e di certi pm combattenti. Però, un po’ di vera laicità, legalità e Costituzione in democrazia non guasta. E allora coraggio colleghi, provate a raccontare anche questa Italia da record di detenuti in attesa di giudizio (sono il 42 per cento della popolazione carceraria totale contro il poco più di 20 della media europea). Dei termini spropositatamente lunghi (fino a diciotto mesi!) della carcerazione preventiva. E della falsità di luoghi comuni come quello che attribuisce alla “certezza della pena” in carcere la “garanzia” di una maggiore sicurezza per i cittadini; quando è piuttosto vero il contrario, dicono i dati della stessa amministrazione penitenziaria, giacché «trascorsi sette anni dalla conclusione della pena, la recidiva si colloca intorno al 19 per cento in caso di pena alternativa, mentre raggiunge il 68,4 quando la stessa viene eseguita in carcere».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

Creata in collaborazione con le lettrici del magazine, la city car di casa Seat debutta sulla passerella del FashFest di Londra. Arriverà all'inizio 2017 nelle versioni a tre o cinque porte con tre motorizzazioni.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana