Google+

Contrordine colleghi, l’open space nuoce alla salute e azzera la creativià

maggio 27, 2013 Elisabetta Longo

Maledetto Harrison Owen, antropologo americano ritenuto l’inventore dell’open space. Contattato da alcune multinazionali per un servizio di consulenza su luogo di lavoro e dinamiche sociali, il signor Owen ha rivoluzionato il concetto di scrivania e studi per singoli. Meglio un ampio spazio da condividere, in cui i dipendenti non si sentono isolati, ma possono condividere […]

Maledetto Harrison Owen, antropologo americano ritenuto l’inventore dell’open space. Contattato da alcune multinazionali per un servizio di consulenza su luogo di lavoro e dinamiche sociali, il signor Owen ha rivoluzionato il concetto di scrivania e studi per singoli. Meglio un ampio spazio da condividere, in cui i dipendenti non si sentono isolati, ma possono condividere eventuali problemi con i colleghi. Peccato che con il passare del tempo l’open space sia diventato l’incubo dell’impiegato medio. Nel quale i telefoni squillano in continuazione e se il vicino di scrivania sta mangiando cibo cinese sarete costretti a sentirne l’odore.

INSALUBRE. Una ricerca pubblicata dallo Scandinavian Journal of Work ha dimostrato che lavorare in open space nuoce alla salute. Letteralmente, visto che chi passa otto ore giornaliere in un ambiente di questo tipo prende statisticamente il 62 per cento di giorni di malattia in più ogni anno rispetto a un impiegato di qualunque altro ufficio. Uno studio condotto dalla Virginia State University controbatte invece la convinzione più importante di Owen, che sosteneva che in un luogo aperto e “sociale” vengono le idee migliori. Pare, al contrario, che si sia meno produttivi e meno motivati perché manca la privacy. Come se non bastasse, la temperatura di questi posti è quasi sempre poi sopra i 20 gradi, clima ideale per la proliferazione di germi e batteri. E guai a lasciare un panino sulla scrivania: non correte il rischio che il vostro vicino lo mangi mentre siete via, bensì che vi avveleni.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. gerardo says:

    Il povero Harrison Owen con Gli Open Space Architettonici Non C’entra Nulla. Lui Ha Inventato L’Open Space Technology Che è Una Tecnica Per Gestire Incontri E Convegni. Per Saperne Di Più http://Www.openspaceworld.org

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.