Google+

Contro la povertà arriva la legge del pasto buono

ottobre 4, 2011 Andrea Camaiora

Secondo Coldiretti finiscono in discarica ogni anno dieci milioni di tonnellate di alimenti. La cosiddetta legge “del pasto buono”, ad esempio, permette a un padre di famiglia di recarsi presso la rosticceria vicino a casa ottenendo gratuitamente un pollo invenduto e portandolo a casa per sfamare sé e la sua famiglia

«Non posso che raccogliere positivamente questa iniziativa del senatore Luigi Grillo che risponde ad un’effettiva esigenza del mondo del volontariato. Nel recente passato come Caritas siamo stati accusati di “pigrizia” da alcuni organi di informazione, quando invece ci trovavamo impediti dalla legislazione vigente. È per questo che ringrazio sentitamente a nome dei poveri di Roma i presentatori di questo disegno di legge». Non ha dubbi monsignor Enrico Feroci, direttore della Caritas di Roma, quando parla dell’iniziativa legislativa trasversale che ha come primo firmatario il senatore pidiellino Luigi Grillo.

Nel giorno dedicato a San Francesco d’Assisi al Senato è stato presentato il disegno di legge che punta a completare la cosiddetta legge “del buon Samaritano” che dal 2003 ha consentito, per finalità di tipo sociale e solidaristico, il recupero degli alimenti da supermercati e mense. A distanza di anni dall’approvazione della legge “del buon Samaritano”, infatti, sono stati riscontrati alcuni difetti all’impianto normativo che finivano con l’ostacolare l’opera meritoria delle Onlus. In particolare ci si è potuti rendere conto di come quell’importante legge risulti inapplicabile alle micro realtà come trattorie, bar e rosticcerie. L’obiettivo, che vede concordi tra gli altri i senatori presentatori del ddl, Caritas e Confcommercio, è comunque sempre lo stesso: evitare lo spreco di cibo. E lo spreco, a quanto pare, ha assunto dimensioni sconcertanti: secondo Coldiretti finiscono in discarica ogni anno dieci milioni di tonnellate di alimenti, per un valore di 37 miliardi di euro, sufficienti per nutrire ben 44 milioni di persone, grosso modo l’equivalente della popolazione della Spagna. Oltre agli sperperi dei consumatori, occorre tener conto di un 25% di sprechi costituito da prodotti scaduti o da cibo invenduto e andato a male e che una gastronomia/bar/self service si ritrova ogni giorno con un invenduto del 10-15%.

La cosiddetta legge “del pasto buono” dispone l’emanazione di un DPCM (decreto del presidente del consiglio dei ministri) finalizzato alla semplificazione degli adempimenti burocratici e fiscali a carico dei soggetti donatori. Volendo fare un esempio, un padre di famiglia potrà a fine giornata recarsi presso la rosticceria vicino a casa ottenendo gratuitamente un pollo invenduto e portandolo a casa per sfamare sé e la sua famiglia, senza scontrarsi con alcuna disposizione legislativa o amministrativa. Inoltre, poiché la legge 155/03, detta appunto “del buon Samaritano”, aveva previsto l’equiparazione delle Onlus – come Caritas – ai «consumatori finali» relativamente al servizio di distribuzione dei prodotti alimentari agli indigenti, ma poi nella pratica la norma si è scontrata con adempimenti amministrativi, la “legge del pasto buono” rende esplicito il principio di non responsabilità in capo alle Onlus per le attività di distribuzione di alimenti, fatto salvo ovviamente i casi di dolo e colpa grave.

Il senatore Grillo spiega: «Caritas e fondazione Zancan nel loro ultimo rapporto hanno evidenziato come il 5% della popolazione versi in uno stato di “assoluta povertà”, il 13% in uno stato di “povertà relativa” e secondo i dati Eurostat la percentuale della popolazione nazionale a rischio di povertà assoluta è di circa il 20%. Emergono quindi nuove forme di povertà che colpiscono in primo luogo la famiglia, soprattutto nei grandi centri urbani dove il costo degli affitti  e dei servizi è generalmente più alto. La legge del pasto buono è una risposta immediata ed efficace a queste forme di disagio e una mano tesa al volontariato cattolico».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana