Google+

Contro i giornalisti. Quando i fatti sono slegati dalla realtà

marzo 1, 2015 Emanuele Boffi

Dai tempi di Mani pulite non hanno mai fatto i conti con le proprie responsabilità, nascondendosi dietro la libertà di stampa e il diritto di cronaca

fotografo-shDa vent’anni a questa parte chi l’ha sempre scampata sono stati i giornalisti. Ai tempi di Mani pulite non c’era solo il pool di magistrati, ma anche quello dei cronisti e caporedattori che la sera si telefonavano per concordare titoli e informazioni e fare la pelle a chi aveva ricevuto un qualche avviso di garanzia. Dal ’93 a oggi, l’ultracasta dei magistrati – come la definì in un fortunato libro Stefano Livadiotti dell’Espresso – è entrata nell’agone, dandone (tante) e prendendone (poche). Alla casta dei giornalisti è andata ancora meglio: le ha sempre date, senza mai prenderle. Una seria autocritica, un decente dibattito interno alla categoria non è mai stato affrontato. A parte una sparuta minoranza di ipergarantisti (il Foglio come quotidiano, qualche mosca bianca come Piero Sansonetti, Filippo Facci, Pierluigi Battista e Piero Ostellino) non s’è visto sulla carta stampata e, in generale, nel mondo dell’informazione nessuno che si facesse una qualche domanda sull’andazzo e sulle responsabilità dei media nella comunicazione delle tematiche giudiziarie.

Alla fine, soprattutto a sinistra, ma anche a destra all’occorrenza, è prevalso il tornaconto politico o la difesa corporativa, ammantata da libertà di stampa e diritto di cronaca; nella sostanza, tante belle parole e qualche corso di deontologia per giustificare un certo guardonismo interessato (vendita di copie e compiacenza al potere di riferimento).

Ma è libertà di stampa spiare dal buco della serratura, copiare&incollare le inchieste dei pm, far circolare notizie, sospetti, maldicenze senza preoccuparsi di ricostruire il contesto, le controprove, l’occasione in cui un tale fatto si è verificato?

I fatti, ecco il grande inganno. Nel maggio del 2008, Giuseppe D’Avanzo, scomparso cronista di Repubblica, campione della sinistra antiberlusconiana col coltello tra i denti, scrisse un velenoso articolo sul “metodo Travaglio” e le “agenzie del risentimento”: «Non sempre i fatti sono realtà», diceva D’Avanzo mostrando come l’elenco e l’accostamento di “fatti” non per forza aiuti nella comprensione di un avvenimento. Anzi, spesso (in Travaglio “sempre”, suggeriva D’Avanzo), esso risponde all’esigenza di sputtanare, infangare, mettere alla gogna l’avversario politico. Lasciamo perdere che lo stesso D’Avanzo, in quell’articolo, usava il metodo Travaglio contro Travaglio, qui importa sottolineare che l’osservazione era pertinente: non sempre i fatti sono realtà. Tanto è vero che la riduzione delle inchieste a presentazione di “fatti” depurati del contesto e delle circostanze è oggi il modus della cronaca giudiziaria italiana. E da questo punto di vista, pur con le debite differenze, si può trovare un filo che collega le fegatose cronache di Repubblica e del Fatto quotidiano a quelle, a volte, più asettiche del Corriere della Sera.

Questo spiega, ad esempio, il gran ricorso a intercettazioni e liste come prove a suffragio delle proprie ipotesi. Non vedete? L’ha detto qui. Non vedete? Il suo nome è qui. Ciò che conta, infine, ancor più che “il fatto”, è la suggestione da lasciare al lettore. Basterà un’occhiata alla pagina e l’impressione rivelata da fotografie, titoli, occhielli e sommari per avere la certezza della colpevolezza di tizio o caio. In fondo, si potrebbe non leggere nemmeno gli articoli.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.