Google+

Condanna Berlusconi, il Csm salva Esposito. Ma il Foglio ricorda: giudicò “definitive” anche le patacche sul caso Moro

novembre 7, 2013 Redazione

Giuliano Ferrara ripesca la prefazione di Esposito al libro complottista di Imposimato sull’omicidio Moro, basato su rivelazioni di fonti a dir poco discutibili

Antonio Esposito, il presidente della sezione feriale della Corte di cassazione che l’1 agosto ha condannato in via definitiva Silvio Berlusconi per la frode fiscale Mediaset, con ogni probabilità se la caverà al Csm, visto che la commissione ha chiesto l’archiviazione del fascicolo aperto a suo carico dopo le sue esternazioni al quotidiano il Mattino in merito alle motivazioni della sentenza. Tuttavia la sua credibilità è messa di nuovo pesantemente in questione dai fatti segnalati oggi dal Foglio.

FONTI INESISTENTI. Il giudice Esposito, spiega Giuliano Ferrara nell’editoriale pubblicato in prima pagina, «ha scritto la prefazione a un libro di Ferdinando Imposimato sul caso Moro (I 55 giorni che hanno cambiato l’Italia, edizioni Newton Compton, ndr) in cui si sostiene che nuove fonti dimostrano come il covo in cui lo statista fu prigioniero era presidiato da servizi italiani e stranieri, che abbandonarono la postazione il giorno prima del suo assassinio, il 9 maggio del 1978». Ebbene, le “nuove fonti” su cui si basa principalmente la tesi complottista di Imposimato sono due militari, Giovanni Ladu e Oscar Puddu. Peccato però che nel frattempo i carabinieri del Ros, guidati dal pm di Roma Luca Palamara, hanno scoperto – notizia di ieri – che il primo in realtà «era un pover’uomo senza il minimo indizio a suffragio delle proprie accuse», scrive Ferrara, mentre «il secondo dichiarante, che era valso a Imposimato un best seller, la coglionatura forse involontaria ma ben delineata della dell’opinione pubblica più inesperta, e dei media corrivi alla congiurite, (…) era un interlocutore via mail con il nome Oscar Puddu, ma in realtà non era, perché trattavasi dello stesso Ladu».

CERTEZZE DEFINITIVE. In pratica, sintetizza l’Elefantino citando passaggi della prefazione firmata da Esposito, «il dottore della famosa sentenza avvalora le asserzioni demenziali del libro che “trovano oggi definitiva conferma e certezza” grazie alle “dirompenti dichiarazioni di due dei numerosi militari” coinvolti nell’operazione». Il fatto è tanto più grave in quanto, sottolinea Ferrara, intorno a questo giudice «dal primo agosto scorso girano i destini della nazione, gettata in un caos da guerricciola civile non guerreggiata per via della sua aurea sentenza “definitiva” contro Berlusconi». Insiste il direttore del Foglio: «Il firmatario della condanna “definitiva” giudica “definitiva” una palla colossale sul caso più grave e doloroso della storia repubblicana».

COSTITUZIONE E PATACCHE. Il giudizio di Ferrara è durissimo: «Questa che con sussiego viene venduta come la Repubblica della Costituzione e della legge uguale per tutti, un paese in cui una sentenza Esposito può ribaltare il ruolo parlamentare attribuito da milioni di elettori a un uomo di Stato di due decenni, in realtà è una Repubblica delle patacche». In Italia «un confermatore di definitività delle fregnacce scritte con dappocaggine in un libro di rivelazioni, uno che non tiene un cecio in bocca, è il giudice definitivo della nostra storia riscritta. E noi dobbiamo credergli perché la legge è uguale per tutti».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. viccrep scrive:

    ma il csm non è meglio di esposito, è un organismo da chiudere.
    sfiduciato e di parte

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

No, decisamente la Volkswagen non poteva restare a guardare. Il segmento delle B-Suv, vale a dire delle sport utility compatte, vive un momento di grande fermento e successo. La Casa tedesca, che sinora aveva nella Tiguan la proposta più “piccola”, doveva correre ai ripari. Ecco dunque avvicinarsi la presentazione ufficiale, prevista in occasione del Salone […]

L'articolo Volkswagen T-Roc: pronta alla battaglia proviene da RED Live.

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana