Google+

Conclave. «Extra omnes» e prima fumata nera

marzo 12, 2013 Redazione

I cardinali hanno iniziato la processione che parte dalla Cappella Paolina per avviarsi al Conclave. Prestano giuramento con una mano sul Vangelo

Preceduti dalla Croce e dal libro dei Vangeli, al canto delle litanie dei Santi, i cardinali hanno iniziato alle 16.30 circa la processione che parte dalla Cappella Paolina per avviarsi al Conclave. Dopo l’ingresso in Sistina è stato intonato il ‘Veni creator’ e pronunciato il giuramento dal cardinale Giovanni Battista Re, il piu anziano dell’ordine dei vescovi, ripetuto da ogni singolo porporato secondo la formula «Ed io cardinale prometto, mi obbligo e giuro».

È seguita la seconda meditazione guidata dal maltese Prosper Grech e l’avvio ufficiale del Conclave per eleggere il 266esimo vescovo di Roma, quando il maestro delle celebrazioni liturgiche pontifice, monsignor Guido Marini, ha intimato “l’Extra omnes” (“Fuori tutti”). Da quel momento ogni contatto con il mondo esterno è stato vietato fino all’elezione del nuovo Pontefice.

I 115 cardinali trovano, nella cappella quattrocentesca che ospita per la 25esima volta un Conclave, sedie di ciliegio, ognuna segnata con nome e cognome di ogni elettore, e dodici tavoli, sei sul lato destro e sei sul sinistro, disposti su due file di diverso livello. Ai porporati viene consegnata una penna, una cartellina rossa e una scheda per scrutinio.

Davanti all’altare, con le spalle rivolte al Giudizio universale di Michelangelo, ci sono un leggio con il Vangelo su cui prestare giuramento e il tavolo degli scrutatores.

Estratti a sorte fra i cardinali elettori dall’ultimo cardinale diacono, vengono scelti così nove nomi: tre scrutatori, tre revisori e tre incaricati di raccogliere il voto degli infermi.

Questo primo giorno di Conclave, come tradizione, c’è un solo turno di elezioni. Dal secondo giorno sono previste quattro votazioni, due al mattino e due al pomeriggio. Ogni elettore riceve dei foglietti intestati, con la scritta «Eligo in Summum Ponteficem». I cardinali scrivono il nome del candidato prescelto e, mentre consegnano la scheda, recitano la formula del giuramento del “Secundum Deum”.

Piegato il foglietto, ogni cardinale si avvia verso l’altare per riporlo in un’urna. Una volta che tutti hanno compiuto questa operazione, i cardinali scrutatores contano tutti i foglietti, li ripongono in un’altra urna. Successivamente vengono letti ad alta voce e registrati i voti espressi. Ogni foglietto viene poi cucito con ago e filo e inserito in una stufa per essere poi bruciato. Se l’elezione ha dato esito negativo, nella stufa, posta dietro la cancellata marmorea, viene aggiunta una sostanza chimica affinché i foglietti emettano una fumata nera.

Per avere una fumata bianca occorre che uno dei cardinali raccolga i due terzi delle preferenze, 77 in questo caso. Solo dal 34esimo scrutinio si procede al ballottaggio tra i due cardinali che hanno ricevuto più voti nell’ultimo scrutinio, i quali però non possono votare. Raggiunta la soglia dei due terzi, il cardinale decano si rivolge all’eletto chiedendogli se accetta l’incarico e, in caso di risposta affermativa, gli chiede quale nome pontificale intende scegliere. Il nuovo Pontefice viene accompagnato nella Stanza delle lacrime, dove viene aiutato a indossare i paramenti papali (zucchetto bianco, mantelletta e stola rossa, rocchetto e tonaca bianca).

È l’ultimo passo prima della presentazione del nuovo Pontefice ai fedeli. Il cardinale protodiacono si affaccia dal balcone della loggia centrale della Basilica di San Pietro per pronunciare la formula «Annuntio vobis gaudium magnum. Habemus Papam», seguito dal nome e cognome del cardinale eletto e dal suo nome pontificale. Solo allora il nuovo Papa si mostra sul balcone per impartire la benedizione Urbi et orbi.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Poppi_Pippo says:

    io ho scommesso 50 € che esce Scola come papa (lo danno 1:3)…. se ciò preso io prendo 150€ la chiesa perde la faccia e un mare di fedeli…..

    • Giulio Dante Guerra says:

      A quel che ne so, la scomunica per chi fa e accetta scommesse sull’elezione del Papa non è mai stata revocata…

  2. Sergio says:

    AOOOO Poppi ben per te per i 150€. Ma per il resto non hai niente da fare che menare il torrone continuamente? Cui Prodest oppure dato il contesto romano:”A fra’ che te serve?”

  3. ale says:

    tutto sto casino per quattro vecchi sporcaccioni che devono scegliere chi ci metterà la faccia. boh.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi