Google+

Concepite per essere molestate. Una tragica storia di utero in affitto in Australia

aprile 28, 2016 Leone Grotti

Un uomo di 49 anni ha confessato di aver speso 44 mila dollari per ottenere due gemelline al solo scopo di abusare di loro. Ora l’Australia potrebbe rivedere la legge sulla maternità surrogata

utero-affitto-ansa

Un uomo di 49 anni ha speso 44 mila dollari per ottenere due gemelline attraverso la pratica dell’utero in affitto al solo scopo di abusare di loro. Una delle storie più terribili da quando la maternità surrogata è stato legalizzata in molte parti del mondo è avvenuta in Australia, portando alla luce alcuni dei problemi insormontabili che la tecnica presenta.

SETTEMILA IMMAGINI E VIDEO. L’uomo, che vive con la moglie nel piccolo Stato di Victoria, ha ammesso il 21 aprile di essere colpevole per tutti i 37 capi di accusa presentati dal pubblico ministero, compresa la produzione di quasi 7 mila immagini e video pedopornografici. Di questi almeno 300 riguardavano le sue due figlie, altri le sue nipoti. Secondo quanto dichiarato dalla polizia federale australiana, è il materiale più depravato mai sequestrato a una persona in Australia.

UTERO IN AFFITTO. Il nome dell’uomo e delle bambine, così come il paese asiatico dove sono state concepite, non può essere rivelato. Secondo l’esclusiva del Sydney Morning Herald, l’uomo non aveva mai manifestato interesse a diventare genitore durante il matrimonio, celebrato nel 1990. Proprio negli anni 90, ha dichiarato alla polizia, ha cominciato a provare attrazione per immagini e filmati pedopornografici, cercando però di resistere e cancellando nel 2007 tutto il materiale scaricato fino ad allora.
Nel 2009, quando riallacciò i rapporti con suo fratello, cominciò ad abusare delle sue nipotine di quattro e sei anni. Da quel momento, cambiò idea sull’ipotesi di concepire un figlio. Vista l’età avanzata, sia il concepimento naturale che l’inseminazione artificiale fallirono. La coppia pensò anche all’adozione, ma non era idonea per accedere all’istituto. Quando la moglie, nel 2012, propose allora di ricorrere all’utero in affitto, l’uomo accettò.

GLI ABUSI. Nei forum pedopornografici che il molestatore frequentava, con lo pseudonimo di Candy, l’uomo aveva annunciato la scelta della maternità surrogata e l’intenzione di molestare le bambine una volta nate. Scrisse anche che aveva proposto alla moglie di chiamare Candy una delle figlie. Il resoconto della polizia ha mostrato che gli abusi avvenivano mentre l’uomo dava da mangiare, cambiava e lavava le bambine. Le molestie sono cominciate prima che le gemelline compissero un mese e sono durate per almeno sette mesi.

RIESAMINARE LA LEGGE. La polizia ha scoperto gli abusi nel 2014 e sequestrato il materiale dopo una perquisizione in casa dell’uomo a novembre. Le figlie sono state affidate ai servizi sociali. L’uomo ha confessato tutto, mentre la moglie ha dichiarato al processo di non sapere nulla delle turbe del marito. Nel dicembre del 2015, il procuratore generale George Brandis ha chiesto alla commissione per le politiche sociali del Parlamento di esaminare attentamente le leggi australiane sulla maternità surrogata in patria (è permessa solo quella “altruistica”) e all’estero. Il rapporto della commissione uscirà il 30 giugno.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Sebastiano scrive:

    Gian Paolo Galasi, un triste caso, che ovviamente non è rappresentativo. Direbbe qualcuno che è “uno spaccato”…

  2. Toni scrive:

    Ciao Bob, mi dispiace che tu hanno rimosso .
    Ma tento lo stesso:
    dovresti sapere che non tutte le famiglie etero riescono, infatti molte di queste le trovi solidali a buffoni d’arcobaleno vestiti e pertanto effettivamente costituiscono ottime accademie per la depravazione. Chi genera perversioni, come quelle discusse nell’articolo stai tranquillo che non conosce neppure la più minima virtù umana (leggi virtù cardinali) ma solidarizza perfettamente con matrimoni patacca fatti da due maschi (o due femmine ) che decidono di devastare la vita ad altre persone (comprando uteri e bambini). Tu e/o Nino siete la dimostrazione matematica di ciò .

  3. Toni scrive:

    Galasi,
    sei talmente superficiale che nello stesso post dimostri l’inconsistenza di ciò che dici. Infatti se da una parte per minimizzare uno “scempio umano” come quello che discute l’articolo ricorri alla formuletta sul singolo “triste caso”” non rappresentativo” dall’altro a fronte di “un singolo” commento trai la conclusione chiosando stupidamente e senza vergogna con le “vostre analisi”. Due pesi die misure…tipico dei farfalloni che onestà intellettuale non sa dov’è di casa. Capisci che sei inconsistente dal punto di vista delle ragioni e motivazioni che esprimi in quelle quattro parole dallo spessore della carta velina.
    Il moscerino è un capolavoro del creato … tu , per quello che sai scrivere, non ne sei all’altezza di paragoni con esso. .

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana