Google+

Con il decreto Salva Italia si potranno comprare gli anticoncezionali al supermercato?

dicembre 12, 2011 Benedetta Frigerio

Con la manovra le pillole anticoncezionali, la pillola del giorno dopo, gli psicofarmaci e i sonniferi potranno essere venduti anche al di fuori delle farmacie? Intorno alla decisione del governo Monti si sta svolgendo un’aspra battaglia, come confermano le due lettere che pubblichiamo: quella di Bersani ai parafarmacisti e quella di 73 pidiellini al premier

Con il decreto Salva Italia le pillole anticoncezionali, la pillola del giorno dopo, gli psicofarmaci e i sonniferi potranno essere venduti anche al di fuori delle farmacie? Il dubbio è lecito. Ad ora la situazione non è ancora chiara, ma pare che con l’approvazione del decreto, essendo prevista la liberalizzazione dei farmaci di fascia C, anche questi potranno arrivare sui banchi dei supermercati. Renzo Puccetti, membro dell’unità di ricerca della European medical association, è preoccupato perché vede in questa decisione un ulteriore passo in avanti sulla strada della banalizzazione dell’aborto: «Se si banalizza la contraccezione – dice a Tempi.it – il comportamento sessuale diventa un gioco cui si può partecipare senza conseguenze e a prezzi stracciati. E questo non educa certo all’importanza o all’accoglienza del frutto di un atto d’amore». Il senatore Luigi d’Ambrosio Lettieri (Pdl), segretario della commissione Igiene e sanità di palazzo Madama, concorda: «Abbassare i prezzi dei contraccettivi significa aumentarne la distribuzione». Ed è stupito che, finora, sia i ministri cattolici sia lo stesso premier non abbiano detto una parola in merito: «Non ho sentito una parola né da Andrea Riccardi, né dal ministro della Salute Renato Balduzzi né da altri. Solo silenzi. E come tacciono loro tacciono i leader dei partiti».

Perché? La partita che si sta giocando è un po’ più ampia e non riguarda solo le pillole e gli psicofarmaci. La senatrice del Pdl, Laura Bianconi, in Commissione igiene e sanità, spiega a Tempi.it che su un provvedimento del genere «Pier Luigi Bersani sta lavorando da molto tempo. Il decreto va infatti a vantaggio delle grandi cooperative da cui Bersani prende voti». Il sospetto della senatrice trova una conferma indiretta in una lettera che Tempi.it è in grado di mostrarvi. È stata indirizzata nei giorni scorsi da Bersani ai rappresentanti del mondo delle parafarmacie italiane. Scrive Bersani: «Nel ringraziarvi innanzitutto per il riconoscimento che avete voluto esprimere nei riguardi dell’azione che il Partito Democratico ha condotto in questi tre anni per la difesa e valorizzazione sia del ruolo delle parafarmacie che della professione di farmacista, sono a condividere con voi la soddisfazione per il traguardo raggiunto con l’inserimento nel decreto-legge del principio della liberalizzazione della vendita dei farmaci di fascia C, che fino a poco tempo fa sembrava di difficile raggiungimento in considerazione della situazione politica esistente».

Nella missiva, il segretario del Pd trova modo di lamentarsi per la restrizione prevista nel decreto di dare il via libera alla vendita nei supermercati solo nei Comuni con più di 15 mila abitanti. Scrive, infatti, Bersani: «Purtroppo inaspettatamente il Governo ha voluto inserire nel decreto un’immotivata limitazione territoriale nell’applicazione di tale principio. Vi posso assicurare che il Partito Democratico si adopererà per eliminare tale vincolo, continuando la battaglia per la modernizzazione del sistema delle professioni e per le liberalizzazioni a difesa dell’interesse dei consumatori».

In opposizione alla novità introdotta dal decreto, Luigi d’Ambrosio Lettieri ha scritto una lettera a Mario Monti. A Tempi.it spiega che «insieme a 70 parlamentari abbiamo scritto questa lettera in cui le argomentazioni contro il provvedimento sono sia di tipo etico sia di tipo economico. La non eticità sta nel messaggio di banalizzazione dei farmaci: che idea si dà alle persone, vendendo contraccettivi, pillole del giorno dopo o ansiolitici al supermercato e a prezzi stracciati? La gente penserà che sono pillole da assumere senza troppi scrupoli, come fossero Zigulì». Ma per Lettieri la manovra è anche antieconomica: «Le parafarmacie, con l’appoggio delle grandi catene multinazionali, avranno accesso ai farmaci a prezzi stracciati: così molte farmacie non reggeranno. Sarà un monopolio che svilirà il servizio, non dovendo le parafarmacie competere con nessuno». La lettera è firmata da molti pidiellini, ma ci sono anche i nomi di Mario Ferrara, Giuseppe Menardi, Maria Castiglione (Io Sud), Egidio Digilio (Fli) e Giuseppe Astore (Misto). La sorpresa per Lettieri è stata nel constatare che «quando ho chiesto ad altri colleghi, trasversalmente d’accordo con la mia idea, di firmare, ho trovato imbarazzo. Sicuramente è arrivato un ordine di scuderia, non mi spiego altrimenti perché non abbiano voluto mettere la loro firma».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

In questo momento storico, l’immagine che identifica maggiormente la californiana Tesla è quella della dea Shiva che, facendo roteare le otto braccia di cui è dotata, elargisce schiaffi a destra e a manca a tutti i brand concorrenti. Il costruttore americano, parallelamente all’unveiling della straordinaria supercar elettrica Roadster, accreditata di 10.000 Nm di coppia e […]

L'articolo Tesla Semi Truck: il camion elettrico è una belva proviene da RED Live.

L’alternativa alle note Lotus 3-Eleven, KTM X-Bow e Radical SR8 è italiana. E costa (almeno) 200.000 euro. Forte di una lunghissima esperienza nelle competizioni, la parmense Dallara Automobili, specializzata in telai e vetture da pista, ha presentato il primo modello targato della propria storia. Una vettura, non a caso denominata “Stradale”, nata quale barchetta estrema, […]

L'articolo Dallara Stradale: la prima volta proviene da RED Live.

Gestito da appassionati motociclisti, lo Spidi Store milanese di via Telemaco Signorini 12, mette a disposizione le ultime novità del marchio oltre a un servizio di tute su misura e di installazione di interfoni su caschi. Per festeggiare il suo primo anno di vita il negozio ha organizzato, in occasione di EICMA 2017, una serata all’insegna […]

L'articolo Spidi Store Milano spegne la prima candelina proviene da RED Live.

Tesla la tocca piano… presentando a sorpresa, in occasione dell’unveiling dell’atteso camion a batteria, l’erede dell’ormai storica Tesla Roadster. Una vettura che la Casa americana, con grande morigeratezza, non esita a definire “l’auto più veloce del Pianeta”. Una supercar elettrica che, ancora una volta, spiazza la concorrenza promettendo di ridefinire il concetto di performance a zero […]

L'articolo Tesla Roadster: zitti tutti proviene da RED Live.

Dopo la nuova generazione di Trafic SpaceClass, presentata lo scorso ottobre, Renault torna sull’argomento “business” con il lancio della nuova gamma Executive, studiata per rendere sempre più confortevole e ricca di tecnologia la vita a bordo di chi si sposta per lavoro. La Casa della Losanga dota quindi di contenuti premium tre vetture della sua scuderia, […]

L'articolo Gamma Executive, l’allestimento premium di Renault proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download