Google+

Con il Brevetto unico europeo le imprese risparmiano 14 mila euro. E diventano più competitive

dicembre 19, 2012 Matteo Rigamonti

Il nuovo sistema entrerà in vigore nel 2014. Tanti i vantaggi per le imprese italiane in termini di competitività sui mercati internazionali. Intervista con Alessandro Spada (Camera di Commercio)

Con il Brevetto unico europeo le imprese italiane potranno risparmiare fino a 14 mila euro, oltre a godere di notevoli vantaggi organizzativi, e potranno finalmente competere ad armi pari con le imprese di tutto il mondo. Un cambio di passo importante dal quale non saranno escluse nemmeno le piccole e medie. Tanto consentirà l’adesione da parte dell’Italia al regime del Brevetto unico europeo quando nel 2014 entrerà a pieno regime. Tempi.it ha intervistato Alessandro Spada, vicepresidente di Assolombarda e presidente di Innovhub-Stazioni sperimentali per l’industria, il centro di ricerca della Camera di Commercio di Milano interamente dedicato all’innovazione.

Spada, è importante avere il Brevetto unico europeo? Perché?
Certamente è importante per via del notevole vantaggio competitivo che ne trarrebbero le imprese italiane. Oggi per un brevetto valido nei 13 stati membri dell’Unione europea si arriva a spendere fino a 15 mila euro. Tanto per fare un paragone, un brevetto americano costa in media 1.850 euro. Il nuovo sistema brevettuale, invece, consentirebbe di spendere 2.400 euro nel periodo transitorio, una cifra destinata a ridursi a 680 euro non appena il sistema sarà completo e a regime. Come si vede, la riduzione è fortissima. E consentirebbe alle imprese italiane di competere nei mercati internazionali che sono estremamente competitivi. Ma la maggiore economicità del brevetto non è l’unico vantaggio: oltre al costo effettivo di deposito, infatti, il risparmio è in termini di minori oneri. Penso, per esempio, ai costi di traduzione finora vigenti: il nuovo sistema assicurerà alle piccole e medie imprese il rimborso delle traduzioni, finora a loro carico. Un onere non da poco per chi ha risorse contenute.

Ma l’Italia non si è tirata fuori, insieme con la Spagna, proprio per il problema delle lingue?
È vero, Italia e Spagna non hanno aderito perché ci sono i loro ricorsi pendenti davanti alla Corte di Giustizia dell’Ue. E il governo italiano non ha ritirato il ricorso per una questione di coerenza. L’indicazione però è che verranno respinti. A mio avviso, la battaglia per avere il Brevetto unico europeo in un’unica lingua, l’inglese, è giusta: eviterebbe una discriminazione “in negativo” per tutti i depositari e un vantaggio per le sole Francia e Germania, che potrebbero scrivere i brevetti direttamente nelle loro lingue d’origine e che finora si sono comportate in maniera un po’ localistica e individualistica. Le battaglie si possono anche fare. L’importante però è che, quando si perde, ci si sappia adeguare. Ad ogni modo, la decisione della Corte è attesa per l’estate prossima: staremo a vedere. Mi auguro che, a quel punto, l’Italia aderisca prontamente al Brevetto unico. Dopotutto, a richiederlo, sono proprio le imprese italiane e lo esigono criteri di logicità del sistema.

È prevista anche l’istituzione di una Corte unitaria dei brevetti, è vero?
Sì. si tratta di un tribunale che avrà la sua sede principale a Parigi e due sezioni distaccate e specializzate, una Londra e una a Monaco. Ma sono altresì previste sedi regionali, una delle quali potrebbe essere proprio a Milano. Il capoluogo lombardo, infatti, ha tutte le carte in regola per aspirare a ricoprire questo ruolo: un brevetto su tre di quelli depositati in Italia è depositato in Lombardia e il 25 per cento di questi è depositato a Milano. E la Camera di Commercio meneghina si è già attivata per ricavare tutte le informazioni del caso.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. francesco taddei scrive:

    corte del brevetto unico con sede parigi, londra, monaco. è europa o triplice intesa?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Opel torna nel segmento delle SUV medie. E lo fa sbattendo la porta con tanta forza da far tremare i vetri. La nuova Grandland X, terzo atto della saga X dopo Mokka X e Crossland X, è una vettura concreta, spaziosa, confortevole e ben rifinita. Oltretutto forte di un design piacevole. Caratteristiche che, di per […]

L'articolo Prova Opel Grandland X proviene da RED Live.

L’ingresso di Fiat nel segmento dei Pick-up avviene grazie a una importante e strategica collaborazione con Mitsubishi di cui il Fullback è “figlio legittimo”. Stringendo una intelligente partnership con chi è stato ritenuto il miglior interprete di questa filosofia, Fiat ha infatti potuto entrare sul mercato dalla porta principale con un mezzo che, già in […]

L'articolo Prova Fiat Fullback LX 180 CV, buona la prima proviene da RED Live.

Pirelli ci riprova. Dopo il lancio degli pneumatici da bici P Zero Velo riparte dal ciclismo il progetto Pirelli Design, avviato dall’azienda per valorizzare il suo bacino di conoscenze in fatto di tecnologia. Procede dunque in questa direzione la nuova capsule collection con la collaborazione di Castelli, azienda italiana con più di quarant’anni di storia vissuta […]

L'articolo Pirelli Design e Castelli insieme per una collezione speciale proviene da RED Live.

Le due rappresentanti heritage della Casa di Iwata si tingono di nuovi colori e richiamano ancora di più il passato: sono le Yamaha XSR700 e XSR900 2018

L'articolo Yamaha XSR700 e XSR900 2018 proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. La prova della nuova gamma Softail comincia così, all’insegna di un motto indiscutibilmente americano. Oltre alle suggestioni culturali, però, c’è altro: otto modelli del tutto inediti, progettati ex novo per essere attuali oggi e soprattutto domani. Nel futuro di Harley-Davidson, infatti, ci saranno 100 nuovi modelli in 10 anni. […]

L'articolo Prova Harley-Davidson gamma Softail 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana