Google+

Compiti per le vacanze: schivare le larve del ’900, restare giovani

luglio 20, 2017 Alessandro Giuli

Se sommi una tragedia (l’esodo subsahariano) a una mezza tragedia (disoccupazione alta, crisi demografica) non ottieni una soluzione ma una tragedia e mezza

A sign reading ''I love gays, I love lesbians, I love all the people who behave well. Order, cleanliness, discipline and severity. Then enjoy yourself'' is seen at Punta Canna beach establishment in Chioggia, near Venice, northern Italy, 10 July 2017. Venice Prefect Carlo Boffi on Monday signed an order for the beach establishment to "immediately remove all references to Fascism on signs, posters and banners". The move comes after reports of images sympathetic to Fascism and Benito Mussolini at Chioggia's Punta Canna establishment caused a furore. ANSA/ ALESSANDRO SCARPA

Pubblichiamo l’editoriale del nuovo numero di Tempi in edicola da oggi (vai alla pagina degli abbonamenti) – Compiti per le vacanze: riflettere sulla solitudine dello ius soli; tenersi alla larga, come fossero peste e colera, dalle larve catacombali della neofascisteria e dell’antifascisteria alimentate con dubbia tenacia dai soliti volenterosi carnefici del nulla; restare giovani. La legge di cittadinanza per gli immigrati può attendere, a quanto pare, le prefiche della sinistra umanitaria (con la povertà degli altri) sono già all’opera: il loro pianto fangoso disvela, più che nasconderle, le cattive intenzioni a venire. Perfino Carlo Nordio, che è uno specchiato ex pm democratico e non un reazionario come noi, glielo aveva detto l’altro giorno sul Messaggero: assistiamo al picco massimo di sbarchi africani sulle nostre coste, una legge sullo ius soli verrebbe interpretata – pur non essendolo! – come un segnale di sbandamento, un magnete per migrazioni scriteriate; e inoltre non si può infliggere all’Italia un provvedimento così totalizzante senza un accorto e largo confronto politico, civile, sociale. Puro buon senso.

Aggiungerei questo: stabilito che la legge in questione non è la peggiore del mondo; posto che la cittadinanza italiana dovrebbe essere una (ri)conquista culturale anche per numerosi nativi degenerati in apolidi patriofobici; il decisore politico dovrebbe comprendere che se sommi una tragedia (l’esodo subsahariano causato da guerre, fame, sovrappopolamento e illusioni di benessere) a una mezza tragedia (la disoccupazione stabilmente alta, in particolare quella giovanile, l’invecchiamento della popolazione e l’anemia demografica) non ottieni una soluzione ma una tragedia e mezza.

A proposito di tragedie, ma stavolta rivestite da farsa. Sembra che la tenuta democratica e costituzionale dell’Italia sia seriamente messa in pericolo da una lugubre spiaggia veneta gestita da un tipo con la bandana in testa il quale ostenta pose mussoliniane. Non bastasse, ci si mettono i bagnini ostiensi di CasaPound con l’aggiunta delle solite penose frattaglie di neofascisteria dislocate qui e là, impegnate nella vendita di gadget pacchiani e comprese nella gara dell’odio incoraggiata dai social. Se la sinistra nazionale facesse il suo mestiere, certe cose non esisterebbero o comunque si noterebbero meno.
Invece si preferisce urlare al rischio eversivo e si tenta di legiferare in senso restrittivo (liberticida mi pare troppo). Il capofila della torsione novecentesca è il rispettabile e mite Emanuele Fiano (Pd), nei cui occhi liquidi s’indovina il sanguinare d’una ferita biografica insanabile. Chi lo attacca in quanto ebreo, oltreché spregevole, si candida a rappresentare il modello su cui diventa comprensibile cucire una “estate antifascista”, come l’ha sardonicamente bollata il vicedirettore del Corriere Antonio Polito.

Ma un’altra estate è possibile? Sì, è Un’estate invincibile di cui scrisse Albert Camus in un frammento d’illuminazione, la stagione su cui si basa il prezioso pamphlet di Riccardo Paradisi giunto alla sua seconda edizione presso Bietti. Il suo è un riuscitissimo tentativo di disarticolare l’infantilismo ipocrita e senescente incistato nella nostra Patria da troppo tempo, per opporvi la giovinezza come stato dell’essere, archetipo solare, visione spirituale e cavalleresca. Moneta fuori corso? No, né moneta né fuori corso: la giovinezza di cui parliamo sta nella vigilanza attiva di chi non cerca di sorreggersi nel divenire storico (fascismi compresi) e anzi può perfino giovarsi d’una tavola da surf per dominare le onde del Muro del tempo di jungeriana memoria. Buona estate. 

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

I nuovi Michelin Road 5 alzano l’asticella: c’è più grip sul bagnato rispetto ai Pilot Road 4 e il degrado delle prestazioni è più costante

L'articolo Michelin Road 5, turistiche (non) per caso proviene da RED Live.

Nata dalla collaborazione tra Lapo Elkann e Horacio Pagani, la Pagani Huayra Lampo è una speciale one-off che s’ispira alla mitica Fiat Turbina

L'articolo Huayra Lampo, la Pagani di Lapo proviene da RED Live.

Una M5 è già di per sé abbastanza esclusiva e performante? Non tutti la pensano in questo modo. Tanto che la BMW ha presentato i nuovi accessori della linea M Performance dedicati alla berlina sportiva della Motorsport. Un’anteprima affiancata dall’unveiling della M3 30 Years American Edition. Una versione speciale allestita per celebrare i 30 anni […]

L'articolo BMW M5 M Performance: fibre preziose proviene da RED Live.

I nuovi Kymco People S 125 e 150 2018 si rifanno nel look e sfruttano motori di ultima generazione. Piccole novità anche nella ciclistica, aggiornata e ora più rigida.

L'articolo Kymco People S 125 e 150 2018 proviene da RED Live.

PROLOGO Cento anni fa, era il 4 novembre 1917, nella fase più cruenta del grande conflitto mondiale, prese il via la 13ª edizione del Giro di Lombardia. Incredibile come solo undici giorni dopo la tragica battaglia di Caporetto (24 ottobre), che ci costò 12.000 morti, 30.000 feriti e oltre 260.000 prigionieri, la Gazzetta dello Sport […]

L'articolo Giro di Lombardia, 100 anni dopo proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download