Google+

Corradi: ma «a noi ignoranti» cosa resta dello storico atterraggio di Rosetta su una cometa? «Lo stupore e quel canto»

novembre 13, 2014 Redazione

Dopo aver viaggiato per 500 milioni di chilometri, per dieci anni, inseguendo la cometa 67/P Churyumov-Gerasimenko, la navicella Philae si è staccata dalla sonda Rosetta ed è atterrata sul corpo celeste

esa-cometa-rosetta-philae-stupore
Dopo aver viaggiato per 500 milioni di chilometri, per dieci anni, inseguendo la cometa 67/P Churyumov-Gerasimenko, la navicella Philae si è staccata dalla sonda Rosetta ed è atterrata sul corpo celeste. «Guardando le foto di quel minuscolo ragno bianco nel nero dello spazio, pareva una pretesa assurda inseguire la folle corsa di una cometa, e catturarla, e gettare nel suo ghiaccio le due ancore che, come una nave in porto, l’hanno assicurata alla meta», scrive Marina Corradi oggi su Avvenire. Eppure «è successo».

esa-cometa-rosetta-philae-stupore1«A NOI COSA RESTA?». All’atterraggio i membri dell’Esa, l’Agenzia spaziale europea, sono scoppiati in un applauso perché trivellando la piccola cometa di quattro chilometri di diametro, «rimasta uguale a come era 4,6 miliardi di anni fa», si potrebbero scoprire «i segreti dell’origine stessa del sistema solare».
«Ma a noi», si chiede Corradi, «che nulla capiremo mai di ciò che Philae ci trasmetterà attraverso Rosetta», che cosa resta? «Da ignoranti quali siamo, resta uno stupore, un thauma anche più grande: per ciò che gli uomini (…) hanno saputo fare e per quelle prime immagini dalla voragine dello spazio, con i candidi vergini crepacci di neve siderale».

«LA COMETA CANTA». Quelle immagini, continua, «ci inducono una sorta di silenziosa devozione: ci viene in mente Dio del libro di Giobbe (“Per quale via si va dove abita la luce?/ E dove hanno dimora le tenebre/ perché tu le conduca al loro dominio…”)». Lo stupore è anche ciò che ha accomunato scienziati e bambini quando si è scoperto che «la cometa canta (video in fondo, ndr): è un suono fatto dalle oscillazioni del campo magnetico attorno al suo corpo (…). È come una lingua mai udita, eppure chissà che in quelle misteriose frequenze, come nella stele di Rosetta, non ci sia un segreto da decifrare. Intanto noi, ignoranti, lo abbiamo ascoltato con commozione e stupore: nel silenzio di abissi dell’universo, la cometa canta».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

7 Commenti

  1. Cri says:

    Marina Corradi: una garanzia. J’adore! 🙂

  2. Shiva101 says:

    Okkio che le comete pare veicolino le molecole fondamentali per la vita, come l’acqua.. e la materia è prodotta dalle stelle, anche quella con cui siamo fatti…

    Attenti perche quando vi accorgerete che l’astronomia sempre di piu smentisce la vostra dottrina comincerete a parlare di Lobby delle comete, Lobby degli astronomi, ecc..

    A quando la prossima crociata contro la scienza?

    • Giorgio says:

      Ma sei proprio malato di ideologia pura! Credo che tu pensi così, perchè sei abituato a ragionare così. Ciò che dici è lo specchio del tuo pensiero. Mi fai tristezza…

    • Renzo B says:

      Scambiare un sacchetto con due miliardi di lettere dell’alfabeto, con un discorso intelligentissimo fatto con quelle lettere, merita maggiore riflessione.

    • Drew says:

      Allora mettiamola così
      Quei miliardi utilizzati per trovare la prova della non esistenza di Dio, io li avrei spesi per qualcos’altro, nevero!

  3. Sebastiano says:

    Riecco lo spuzzettatore.

    Vabbe’, archiviamolo e facciamoci due risate:
    il TG3 Linea notte del 13/11/2014 riferisce (minuto 51:15 se non l’hanno tolta dal sito), tra le altre cose che: “… il lander…poi si ricongiungerà a Rosetta per tornare sulla Terra e riportare le informazioni raccolte …”
    Una cazzata gigante stile “tunnel dei neutrini”.
    E pensare che quelli che su quel “tunnel” ci hanno (giustamente) sbeffeggiato per mesi la Gemini, sono gli stessi della baggianata di cui sopra.

    “Nemos net de cuss’abba non bibo” (= nessuno pensi di poter dire: non berrò mai di quell’acqua)

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download