Google+

Come una quercia. La storia di Rolando Rivi diventa uno spettacolo teatrale

giugno 1, 2015 Elisabetta Longo

La piece, fatta di monologhi e documenti video, sarà nei teatri nel prossimo autunno. Nel frattempo, l’attore Daniele Bentivegna ci racconta come è nata

locandina rolandoMorire a 14 anni per difendere la propria fede, è la storia di Rolando Rivi, reso beato il 5 ottobre 2013 da papa Francesco. Con l’intento di far conoscere la sua testimonianza nasce lo spettacolo teatrale “Come una quercia”, in autunno nei teatri. A scrivere e condurre la regia è Davide Giandrini, specializzato nel teatro-canzone, mentre a interpretare il dramma sul palco è Daniele Bentivegna, attore dall’età di 19 anni. Due persone che si sono trovate a lavorare insieme proprio grazie alla vita del giovane seminarista, come racconta a tempi.it Bentivegna: «Sono andato a vedere uno spettacolo di Giandrini e ne sono rimasto ammirato. Così è nata la nostra collaborazione sulla figura di Rolando Rivi, un ragazzino morto per mano dei partigiani, nel momento più buio della Resistenza. È morto sussurrando le parole “io sono di Gesù”».

UCCISO BARBARAMENTE. Lo spettacolo “Come una quercia” avrà la durata di un’ora e mezza e sarà composto da monologhi e documenti audio-video. A interpretare il beato, ma anche i suoi carnefici, il prete e chi conosceva Rolando, sarà sempre Daniele, unico attore sul palcoscenico. Giandrini ha deciso di arricchire il racconto con testimonianze raccolte nei luoghi in cui Rolando ha vissuto. Gli spettatori potranno ascoltare le parole di alcuni cittadini di Castellarano (Reggio Emilia), tra i quali il sindaco, il parroco e una cugina del beato, e verranno anche filmati i luoghi in cui la triste vicenda ebbe luogo nell’aprile 1945. Anche la quercia sotto la quale Rolando è stato ucciso solo per aver indossato una veste talare. «Da ragazzo ho studiato qualche anno in seminario», spiega Bentivegna, «e questo mi ha fatto sentire il giovane Rolando ancora più vicino. Ho cercato di immaginare quanto fosse puro il suo amore per Dio, e quanto tragica la sua morte. Gli era stato detto di non farsi vedere in giro con la veste talare, ma lui aveva continuato a portarla, fiero. Morì con quella addosso, brutalmente trucidato, sotto una quercia. Quella che ci ha dato lo spunto per il titolo dello spettacolo».

UN BEATO SCOMODO. La storia di Rolando è stata osteggiata per molto tempo, perfino quando è stato fatto beato. Nonostante fossero più di seimila le persone presenti a Modena il 5 ottobre 2013, per la sua beatificazione, poco dopo la cerimonia è stata boicottata la mostra a lui dedicata. A Rio Saliceto, in una scuola, i genitori non ne hanno voluto la presenza, perché colpevole di infangare la memoria della Resistenza. La veste talare di Rolando ha dato fastidio anche da morto, ed è per questo che per un attimo a Bentivegna era venuta voglia di rivalsa: «Avrei voluto intitolarla “Storia di Rolando Rivi, seminarista martire, ucciso dai partigiani comunisti”. Un po’ di persone mi hanno fatto notare che non era una bella occasione per alimentare vecchie polemiche, che doveva invece essere la vita di Rolando a parlare. Quanto più io e il regista fossimo riusciti a essere obiettivi, tanto più avremmo onorato la memoria del beato».


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Orazio Pecci says:

    Obbiettivamente però Rolando Rivi era un seminarista ed è stato ucciso da partigiani comunisti appunto perché vestendo da seminarista testimoniava la sua fede (cioè era un martire).
    L’unica cosa non obbiettiva che vedo è l’uso della preposizione articolata “dai”, che attribuirebbe l’orrendo crimine alla collettività dei partigiani comunisti. Sarebbe bastato dire “da” per essere obbiettivi e veritieri.

  2. To_NI says:

    E’ una buona notizia far conoscere la storia del beato Rivi. Chi ama il teatro conoscerà una storia di virtù eroica e chi erano i partigiano comunisti (se i libri di Pansa sono stati insufficienti).

    Purtroppo , come al solito, si muovono all’orizzonte cose di ben altre dimensioni. Infatti è da poco che circola la notizia che Spielberg (addirittura) girerà a Bologna il film tratto dal romanzo di David Kertzer “Prigioniero del Papa Re“ sul caso Mortara. Quindi ci possiamo aspettare la grande produzione di Hollywood , sotto proiettori mondiali, di un polpettone in gran parte falso e posto in essere per fini propagandistici.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rialzata, “rinforzata” nel look ma con lo stesso grande comfort di ogni Classe E, la All Terrain entra di forza nel segmento delle Statio Wagon rialzate. Offre tanto spazio e un comfort sontuoso, ma la sua attitudine off road è reale

L'articolo Prova Mercedes E 220 CDi All Terrain proviene da RED Live.

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi