Google+

Come ha fatto l’Italia a liberare Meriam in Sudan? «Merito del nostro ascoltare senza fare la lezione»

luglio 25, 2014 Redazione

Il viceministro degli Esteri Lapo Pistelli svela ai giornali l’operazione diplomatica che ha permesso al governo di portare la donna in Italia

meriam-roma-maya-martin-sbarco-renzi-mogherini-pistelli«L’Italia con i Paesi del Corno d’Africa si pone come Paese che ascolta, non che fa la lezione. Nella regione siamo considerati un partner affidabile, senza secondi fini». Così Lapo Pistelli, viceministro degli Esteri, spiega ad Avvenire come è stato possibile liberare Meriam Yahya Ibrahim e trasferirla in Italia: attraverso una diplomazia che punta sulla collaborazione e non sull’accusa. Ieri la donna cristiana condannata per apostasia e adulterio, e poi scagionata, è arrivata in Italia su un volo di Stato e ha incontrato papa Francesco dopo l’atterraggio a Ciampino.

«MERIAM SI È SCIOLTA». «Meriam s’era illuminata, prima della partenza, già solo a sentire dell’interessamento del Papa e della possibilità di incontrarlo», aggiunge il viceministro. «È stata la conclusione più bella, direi. Papa Francesco ha molto lodato Meriam per il suo grandissimo coraggio, virtù che a volte, ha detto, manca ai cristiani. Meriam è molto riservata, ma col Papa si è sciolta. E suo marito si è commosso».

«RISOLVIAMO UN VOSTRO PROBLEMA». Pistelli torna poi sul dialogo con le autorità sudanesi: «C’è stata un’ottima collaborazione. Questo esito non sarebbe stato possibile senza la reciproca collaborazione in un dialogo da pari a pari». E in un’altra intervista concessa alla Stampa il viceministro precisa come la diplomazia italiana abbia «spiegato più volte alle autorità sudanesi che volevamo essere utili a risolvere un caso che aveva procurato loro pessima pubblicità».

Ed ecco in sintesi le tappe dell’operazione, raccontate da Pistelli ad Avvenire: «Ero in Sudan due settimane fa per una missione nella regione. E ho incontrato Meriam all’ambasciata americana: ci stiamo occupando di voi, le ho detto, abbiate ancora pazienza. Abbiamo dovuto aspettare che si chiudesse col 18 luglio la possibilità per un ricorso da parte delle autorità giudiziarie. Scaduto quel termine si è aperta una finestra, perché potenzialmente era libera. Mercoledì pomeriggio ho avuto il via libera e i passaporti. E allora abbiamo detto loro: “Impacchettate la vostra vita che ci muoviamo”».

PARTENZA PER GLI USA. Ora Meriam con la sua famiglia volerà negli Stati Uniti, dove vive il fratello di Daniel Wani, che ha la cittadinanza americana. «Si tratta di sbrigare le ultime pratiche consolari americane», spiega il viceministro al quotidiano della Cei. «Poi con un volo di linea partiranno per New York, è plausibile entro domani (oggi, ndr). Ora spero che questa vicenda possa essere di buon auspicio per altre situazioni di conflittualità sulla libertà religiosa. Il mio pensiero in questo momento va ai cristiani dell’Iraq in rotta verso il Kurdistan».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

11 Commenti

  1. francesco taddei says:

    i marossi ancora aspettano di essere trattati da militari e processati nel loro paese. forse non è una causa abbastanza umanitaria per il governo.

  2. colotti giovanni says:

    una domanda sorge spontanea, ma perché non è andato un aereo di stato americano a prenderla?

    • ldg says:

      Forse avrebbe fatto troppo rumore atterrando! Noi italiani siamo meno chiassosi e più efficaci (a volte. …)
      Ora si diano da fare per i maro’

    • ldg says:

      Forse avrebbe fatto troppo rumore atterrando! Noi italiani siamo meno chiassosi e più efficaci (a volte. …)
      Ora si diano da fare per i maro

    • ldg says:

      Forse avrebbe fatto troppo rumore atterrando! Noi italiani siamo meno chiassosi e più efficaci a volte.
      Ora si diano da fare per i maro

    • francesco taddei says:

      perché gli americani hanno i camerieri italiani. e a noi ci piace pure. è fescion, è cuul.

  3. Mappo says:

    Sono contentissimo, ci mancherebbe, ma anche dopo aver letto l’articolo mi sfugge perché sia dovuto intervenire lo Stato italiano. Meriam e la sua famiglia erano al sicuro all’Ambasciata americana, il marito ha la cittadinanza americana. Cosa ha impedito che fossero gli americani a provvedere direttamente? Non lo chiedo con spirito polemico, ma solo per curiosità. In ogni caso ringrazio il governo italiano per quello che ha fatto.

  4. Paolo says:

    Sono felicissimo del buon esito per la vicenda di Meriam, ma non posso non continuare a rimanere indignato sulla totale indifferenza verso i due innocenti fucilieri che rimangono ancora, dopo 800 giorni ancora imprigionati in India senza che nessuno muova un dito.

  5. beppe says:

    dopo lo show della ministra boschi con i bambini del congo questo mi sembra un altro spot girato sulla pelle di gente che soffre davvero. sono sempre più sospettoso di questo renzismo…

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.

A Mandello del Lario sono attesi migliaia di appassionati del marchio, per un lungo weekend a base di divertimento, test e grandi anteprime

L'articolo Moto Guzzi Open House, 7-9 settembre 2018 proviene da RED Live.