Google+

Come avremmo catalogato i prodotti senza l’invenzione di Woodland? La storia del codice a barre

dicembre 15, 2012 Elisabetta longo

Norman Joseph Woodland ha inventato il codice a barre nel 1952. Ci guadagnò solo 15 mila dollari. E pensare che ogni giorno questo brevetto viene usato 5 miliardi di volte

Più invenzioni geniali sono diventate di uso comune, più smettiamo di chiederci che storia ci sia dietro, e quale sia il nome dell’inventore che ha avuto il lampo di genio. E se non ci fosse stato Norman Joseph Woodland, morto domenica scorsa e malato di Alzheimer da tempo, non ci sarebbe stato il codice a barre, sistema che permette di catalogare rapidamente i prodotti presenti nei negozi. Norman era laureato in ingegneria meccanica, e il modo in cui è arrivato a progettare questo sistema di etichettatura è stato pensando… al codice morse. Puntini e linee al posto di lettere: da lì è venuta l’idea per tracciare righe spesse o sottili come modo di comunicazione.

BREVETTO. Il brevetto è stato rilasciato nel 1952, come nell’attuale versione rettangolare, anche se ne era stata progettata anche una versione con cerchi concentrici di spessori diversi. Ogni giorno gli scanner dei negozi e dei supermercati scansionano circa 5 miliardi di codici, eppure Norman da quel brevetto guadagnò solo 15 mila dollari. Pur avendolo brevettato nel 1952, passarono oltre vent’anni perché la Ibm, che comprò l’invenzione, riuscisse a creare un sistema di lettura ottica veloce e funzionale, e si dice che il primo oggetto passato al lettore ottico sia stato  nel 1974 un pacchetto di chewingum.

ECCESSI. Diventato simbolo del consumismo e della società moderna, il codice a barre è poi diventato addirittura soggetto da tatuaggi. I numeri sotto le barrette a formare date di nascite, messaggi criptati eccetera. Forse Norman di questo non sarebbe contento.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download