Google+

Come avremmo catalogato i prodotti senza l’invenzione di Woodland? La storia del codice a barre

dicembre 15, 2012 Elisabetta longo

Norman Joseph Woodland ha inventato il codice a barre nel 1952. Ci guadagnò solo 15 mila dollari. E pensare che ogni giorno questo brevetto viene usato 5 miliardi di volte

Più invenzioni geniali sono diventate di uso comune, più smettiamo di chiederci che storia ci sia dietro, e quale sia il nome dell’inventore che ha avuto il lampo di genio. E se non ci fosse stato Norman Joseph Woodland, morto domenica scorsa e malato di Alzheimer da tempo, non ci sarebbe stato il codice a barre, sistema che permette di catalogare rapidamente i prodotti presenti nei negozi. Norman era laureato in ingegneria meccanica, e il modo in cui è arrivato a progettare questo sistema di etichettatura è stato pensando… al codice morse. Puntini e linee al posto di lettere: da lì è venuta l’idea per tracciare righe spesse o sottili come modo di comunicazione.

BREVETTO. Il brevetto è stato rilasciato nel 1952, come nell’attuale versione rettangolare, anche se ne era stata progettata anche una versione con cerchi concentrici di spessori diversi. Ogni giorno gli scanner dei negozi e dei supermercati scansionano circa 5 miliardi di codici, eppure Norman da quel brevetto guadagnò solo 15 mila dollari. Pur avendolo brevettato nel 1952, passarono oltre vent’anni perché la Ibm, che comprò l’invenzione, riuscisse a creare un sistema di lettura ottica veloce e funzionale, e si dice che il primo oggetto passato al lettore ottico sia stato  nel 1974 un pacchetto di chewingum.

ECCESSI. Diventato simbolo del consumismo e della società moderna, il codice a barre è poi diventato addirittura soggetto da tatuaggi. I numeri sotto le barrette a formare date di nascite, messaggi criptati eccetera. Forse Norman di questo non sarebbe contento.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

No, decisamente la Volkswagen non poteva restare a guardare. Il segmento delle B-Suv, vale a dire delle sport utility compatte, vive un momento di grande fermento e successo. La Casa tedesca, che sinora aveva nella Tiguan la proposta più “piccola”, doveva correre ai ripari. Ecco dunque avvicinarsi la presentazione ufficiale, prevista in occasione del Salone […]

L'articolo Volkswagen T-Roc: pronta alla battaglia proviene da RED Live.

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana