Google+

Combattere lo Stato islamico (e i curdi) per prendersi la Siria. Ora Erdogan ha il via libera di Obama

luglio 27, 2015 Leone Grotti

Dopo l’attentato di Suruc, gli Stati Uniti hanno raggiunto un accordo con Ankara per creare una zona franca al confine tra Turchia e Siria

siria-isis-turchia-cartina

Turchia e Stati Uniti hanno trovato un accordo per creare una zona franca nel nord della Siria, lungo il confine con la Turchia. L’area si estenderà per quasi 110 chilometri a ovest del fiume Eufrate fino alla provincia di Aleppo. Lo scopo è quello di strappare il territorio allo Stato islamico, per poi controllarlo.

L’ACCORDO. Da anni Ankara chiede di imporre una no-fly zone nel nord della Siria per entrare nello Stato governato da Bashar al-Assad e creare una zona cuscinetto, un’enclave turca. Gli Usa si sono sempre opposti, ma dopo l’attentato condotto dallo Stato islamico in Turchia il 20 luglio, a Suruc, nel quale hanno perso la vita 32 persone, qualcosa sembra essere cambiato. In base all’accordo, Ankara lascerà che gli aerei della coalizione guidata dall’America contro l’Isis decollino dalla base di Incirlik, concessione finora sempre negata. In cambio, potrà mettere in sicurezza la zona al confine.

RAID CONTRO I CURDI. Dopo l’attentato dei jihadisti, il presidente turco Recep Tayyp Erdogan ha ordinato attacchi contro l’Isis, ma ha anche approfittato per colpire i curdi. Sia quelli del Pkk, risvegliando un conflitto decennale, sia quelli dell’Ypg, che in Siria stanno combattendo proprio lo Stato islamico e ne hanno impedito l’espansione. Le autorità curde, che dicono di essere state colpite dai carri armati turchi, hanno denunciato «l’aggressione» di Erdogan, che prende di mira loro «invece dei terroristi».

LA LINEA MAREA. Il timore, già espresso in modo esplicito dai curdi, è che la Turchia non voglia semplicemente cacciare lo Stato islamico dal nord della Siria, ma entrare con il suo esercito eliminando anche le forze curde, da sempre presenti nella zona. In effetti, a inizio mese l’esercito turco aveva presentato un piano per dispiegare fino a 18 mila soldati e occupare un’area di 33 chilometri tra le città siriane di Kobane e Marea. La cosiddetta “Linea Marea” servirebbe a realizzare quanto annunciato da Erdogan il 26 giugno: «La comunità internazionale deve sapere che, costi quel che costi, non permetteremo mai che venga creato un nuovo stato nel nord della Siria lunga la nostra frontiera meridionale».

RIBELLI “MODERATI”. I timori dei curdi sembrano fondati. Una volta creata la zona franca lungo il confine, chi sarà incaricato di metterla in sicurezza e ripararla dalle controffensive islamiste? Secondo l’accordo tra Usa e Turchia, questo compito dovrebbe essere affidato a non meglio precisate «forze ribelli moderate». Ma queste forze moderate semplicemente non esistono. Quelle che c’erano, si sono già unite nella provincia di Idlib a Jabhat al-Nusra, la fazione siriana di Al-Qaeda. Di fatto, potrebbe essere l’esercito turco a presidiare la zona.

ARGOMENTO SENSIBILE. Da anni Erdogan sogna di mettere un piede in Siria, deporre Assad e influenzare sotto la sua ala protettiva un ipotetico nuovo governo guidato dai Fratelli Musulmani. Quanto questo argomento sia importante lo si capisce dal licenziamento, pochi giorni fa, di uno dei più importanti giornalisti turchi. Kadri Gürsel è stato cacciato dal giornale di Istanbul Milliyet per aver scritto: «È una vergogna che i leader stranieri chiamino e consolino la persona che è causa principale del terrore dell’Isis in Turchia». I toni di questa accusa a Erdogan possono sembrare esagerati, ma hanno un fondamento di verità: è dall’inizio della guerra siriana infatti che le migliaia di terroristi che da tutto il mondo vanno a combattere con i jihadisti passano dalla frontiera turca, senza che nessuno li abbia mai fermati.

Cartina Washington Post


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. Sebastiano scrive:

    Nessuna meraviglia, Obama non ne imbrocca una giusta. Questo ammucciamento con la turchia è solo l’ultima delle sue castronerie.

    • Filippo81 scrive:

      Hai ragione Sebastiano, il filoislamista obama non ne imbrocca una giusta…..volutamente !

  2. Raider scrive:

    Le rivalità, contrapposizioni, contrasti, lotte secolari per la leadership interne all’Islam sono un poblema che gli islamici dovranno risolvere, come altri che si trascinano dietro dai tempi di Maometto. A quanto pare, l’ardore patriottico per gli Stati-nazione qui enfaticamente richiamato dai filo-islamici come prova – fasulla, come le altre – di convivenza multikulti, infiamma meno dell’appartenenza a un proprio “focolare” etnico, religioso, tribale. Pertanto, dopo aver decantato le virtù del nazionalismo degli Stati post-califfali, i cui confini furono tracciati dagli Occidentali dopo la dissoluzione dell’Impero ottomano nel vuoto di potere conseguente e contro particolarismi pronti a esplodere, i filo-islamici torneranno a deplorare l’esistenza di Stati “artificiali” sorti dal nulla per volontà dall’Occidente. Un meccanismo para-bipolare per cui è vera una cosa e il suo opposto, meccanismo distorsivo dovuto a una paranoia ideologica pro-Islam (quello “vero”, quello “puro”, quello del “messaggio originario”: ognuno vanta il proprio e guai a chi non è d’accordo) che deve falsificare tutto.
    I fatti rimangono: l’Isis sia sconfitto, i musulmani regolino come credono i loro conti in sospeso – speriamo per tutti, pacificamente -: ma, una volta di più, Erdogan o non Erdogan, la Turchia nell’Ue NO!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana