Google+

Città si ribella contro la statua gigante di una donna incinta sezionata di Hirst

ottobre 9, 2012 Elisabetta Longo

Per vent’anni un paesino del Devonshire avrà il privilegio di avere, nel suo porto, una statua alta 23 metri, raffigurante una donna incinta nuda con il ventre tagliato. Solo perché è di Damien Hirst.

Ilfracombe Pier è un paesino collocato tra le imponenti meravigliose scogliere del Devon, uno degi angoli più suggestivi della Gran Bretagna. I cittadini di questo gioiello sono appena montati in rivolta, proprio per impedire che questo stupendo scorcio venga deturpato da una scultura gigantesca che verrà installata a breve sul lungomare, a firma Damien Hirst. E quando si sente il nome dell’artista inglese, la mente va subito a crani diamantati, mucche sezionate e squali in formalina. Anche questa volta la sua opera non tradirà la sua aurea orrorifica: Verity, infatti, dopo due anni di costruzione, è stata finita e installata in tutta la sua grandezza di donna incinta nuda sezionata a metà al fine di far vedere l’interno del corpo umano, con feto annesso.

HUMOUR INGLESE. Ventitré metri di statua in bronzo da cui gli abitanti di Ilfracombe stanno cercando di liberarsi, con più accanimento di quello dimostrato dagli abitanti di Norgent sur Marne, che hanno dovuto subire una statua di Carla Bruni in versione operaia. Hirst ha così spiegato il significato di Verity, «una moderna allegoria di giustizia e verità», per cercare di rispondere alle lettere di protesta che definivano il suo lavoro «qualcosa di oltraggioso, mostruoso, immorale e irrispettoso». Una cosa per cui molti cittadini hanno scritto «non un penny delle mie tasse verrà versato per questo». Secondo l’accordo tra Comune e scultore, la statua rimarrà a Ilfracombe per venti lunghissimi anni. L’inaugurazione ufficiale avverrà il 17 ottobre. Il permesso a installarla in uno dei porti principali della zona è stato dato proprio dall’amministrazione della contea del Devon. E a nulla serve la domanda del consigliere comunale James Hunt che, con un humour inglese, ha chiesto: «Perché non fare allora una scultura di un uomo nudo che mangia il suo pranzo al sacco?».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Teo says:

    Non sarà che siete contrari perché mostra che dentro a una donna incinta c’è un bambino? Non sarete mica abortisti che non vogliono guardare in faccia la realtà e rendersi conto che quello che viene ucciso con l’aborto è un essere umano e non un grumo di cellule? Perché altrimenti tanto scandalo quando ci sono molte cose per le quali scandalizzarsi?

  2. Francesca says:

    Col tuo ragionamento Teo, poteva mostrare un ventre piatto e un utero vuoto e dire che era incinta lo stesso, perchè per i primi mesi il bambino è, di fatto, un grumo di cellule in accrescimento, e su questo non ci sono dubbi. Stare poi a decidere dove finisce la differenza fra feto e dove comincia a essere bimbo, cioè quando assume una coscenza propria, non è cosa che possiamo sapere ne io ne te, ma in nome di una vita in forse non dovrebbe mai essere spezzata una vita in essere, quella della madre (che poi scarica la frustrazione sul bambino, come rovinare due vite al prezzo di una).
    Una schifezza così, nel mio paese non la vorrei, proprio pensando ai bambini.
    Vado a fare un pic nick con i miei cugini di 3-5 anni e mi tocca spiegare
    A come il bambino è finito nella pancia della mamma
    B No, le mamme non mangiano bambini, non piangete state traqnuilli
    C Come il bambino esce da quella pancia.

    Vorrei lasciarli alla loro innocenza per qualche anno ancora, se in questo mondo è possibile.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.

A Mandello del Lario sono attesi migliaia di appassionati del marchio, per un lungo weekend a base di divertimento, test e grandi anteprime

L'articolo Moto Guzzi Open House, 7-9 settembre 2018 proviene da RED Live.