Google+

Cina, vendere i propri figli o comprarli con l’utero in affitto? «È un business come un altro, cambia solo il prodotto»

settembre 25, 2014 Leone Grotti

A Pechino non si usano giri di parole: per avere un bambino bastano 500 mila euro ma «basta aggiungere qualche migliaio di yuan e si può anche scegliere il prezzo: possiamo produrre sia bambini che bambine»

«La maternità surrogata è uguale a ogni altro business, è solo che al posto dei prodotti ci sono i bambini». Così un’agenzia cinese che illegalmente garantisce bambini a coppie di genitori ha definito l’utero in affitto. I prezzi variano da 500 mila a un milione di yuan (cioè da 63 mila a 125 mila euro) «ma basta aggiungere qualche migliaio di yuan e si può anche scegliere il prezzo», dichiara il signor Liu, che gestisce un’azienda a Pechino.

COMPRAVENDITA. Queste dichiarazioni e altre sono state riportate da due giornalisti dell’agenzia statale Xinhua, che fingendosi clienti hanno indagato il mondo della maternità surrogata in Cina. I bambini si vendono e si comprano. La legge non è un problema, la polizia viene ben oliata: «Anche la polizia non osa intervenire qui. Possiamo produrre sia bambini che bambine».

PRODURRE BAMBINI. La parola usata è proprio “produrre”: in Cina, dove lo scellerato regime comunista ha fatto tabula rasa dei più comuni valori umani lasciando spazio solo alla corsa al denaro e all’arricchimento, non si preoccupano di nascondere la verità con parole dolci. In Occidente si parla di “maternità surrogata”, “gestazione mediante altri”, “concepimento assistito”. Qui di “produzione”: paga e torna a prendere la merce tra nove mesi.

MADRI SFRUTTATE. Le madri accettano di essere sfruttate per 190 mila yuan, «abortiscono sempre» se il feto è malformato e se a causa di complicazioni rimangono sterili «si sistema tutto con 50 mila yuan». L’agenzia di Liu gestisce 300 contratti ogni anno e tutto viene fatto «in ospedali pubblici con medici e infermiere».

FIGLI VENDUTI. Il reportage non ha fatto molto rumore in Cina, al contrario della notizia della condanna a tre anni di carcere di una coppia del Guangdong, che ha venduto il terzo figlio per 80 mila yuan. La madre è state definita «senza cuore» dai giornali. Lei ha provato a difendersi dicendo che non avevano i soldi per mantenerlo e che la legge del figlio unico, se pur parzialmente allentata, creava loro problemi.

DOV’È LA DIFFERENZA? Il loro caso non è l’unico di questo genere: la Cina è famosa per l’abbandono di bambini. Nell’ottobre del 2013 una coppia di Shanghai ha venduto la figlia per comprare, tra le altre cose, un iPhone della Apple. A febbraio due genitori di Hengyang sono stati arrestati per aver dato via tre dei loro sei bambini negli ultimi cinque anni. A dicembre, un uomo è stato incarcerato a Chengdu per aver ceduto suo figlio di quattro mesi e usato i soldi per partecipare a un talent show. In tutti questi casi il pubblico, in Cina come in Occidente, si è indignato: ma l’unica differenza con la maternità surrogata è il prezzo.

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. recarlos79 says:

    anche nel paese democratico per eccellenza, gli usa, l’utero in affitto è un business.

    • Sebastiano says:

      Certo che lo è, e mica solo in USA ma dappertutto. Solo in certe menti di ineffabili creduloni è un “gesto di ammmore”.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.