Google+

Cina, un ragazzino di 11 anni dona gli organi. E lo staff medico si inchina

agosto 11, 2014 Elisabetta Longo

Liang Yaoyi sapeva di avere un tumore al cervello incurabile e ha insistito più volte perché i suoi organi fossero espiantati

cina_donazione organiLiang Yaoyi aveva 11 anni e un tumore al cervello incurabile e inoperabile. Così ha deciso di donare i suoi organi, non intaccati dalla malattia. L’evento ha scosso l’opinione pubblica cinese perché è solo dal 2010 che nel Paese è possibile decidere di donare gli organi, visto che è stato istituito un registro di donatori.

INCHINO. La Ccv, la televisione di stato cinese, ha fatto un ampio servizio sul piccolo Liang, e ha catturato un fotogramma che ha molto colpito tutti. Lo staff medico che doveva occuparsi di espiantare gli organi del giovane deceduto si è inchinato tre volte al suo cospetto, prima di portarlo in sala operatoria per provvedere alle operazioni di espianto. Questo gesto è stato fatto sotto gli occhi della madre ancora piangente, si chiama “koutou” e solitamente si fa ai funerali per salutare con rispetto il caro defunto.

SALVARE VITE. Medici e infermieri, che avevano seguito il ragazzo durante il suo percorso di malattia e scelta finale, hanno deciso di onorarlo prima di sezionare il suo corpo. Liang era ricoverato all’ospedale di Zhongshan e, stando a quanto riportato dalla Ccv, aveva espresso più volte la volontà di fare del bene agli altri tramite la donazione dei suoi organi. Solo otto ore dopo l’espianto, i reni e il fegato di Liang avevano già salvato la vita di due persone.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

7 Commenti

  1. Galcian79 says:

    L’essere umano trasformato in un magazzino di pezzi di ricambio.
    Agghiacciante!

  2. Valentina says:

    Una storia meravigliosa, un grande esempio di generosità. Io sono favorevole alla donazione degli organi. Ci sono tante persone gravemente malate la cui unica speranza è il trapianto di un organo. Quando una persona è morta, se i suoi organi sono ancora sani, perché devono decomporsi col defunto? Possono ridare la vita a qualcun altro e questa è una possibilità da non sprecare. Mi inchino anch’io al piccolo Liang. Bravissimo!

  3. Finn says:

    Non ho capito solo una cosa…hanno aspettato che morisse vero? Mica lo hanno ammazzato apposta, pensando che tanto era spacciato?

    Perchè fra le due cose ci passa un abisso.

    Ma poi non è pericoloso donare gli organi in caso di malattie a diffusione come i tumori? Ci potrebbe essere il rischio di trapiantare organi con metastasi anche piccole.

  4. Andrea Bianchi says:

    Tutto ciò mi ricorda il dottor Frankenstein e gli esperimenti di Auschwitz, quindi se da un lato riconosco l’utilità del trapianto e l’ovvia necessità dell’espianto, che si effettua A CUOR BATTENTE – è giusto ricordarlo: si espianta non da un cadavere, ma da un essere umano vivo – mi turba il fatto che sia diventata in poco tempo una prassi, quando non un ‘obbligo morale’ alle famiglie dei donanti loro malgrado.

    • Su Connottu says:

      Non è corretto definire una persona con elettroencefalogramma piatto una persona in vita.
      Giusto per ricordarci la differenza: Eluana Englaro è stata uccisa, per fame e per sete.
      Sono invece d’accordo sull’eccessiva pressione che a volte si esercita sulle famiglie dei donatori, anche se il caso citato dall’articolo non mi sembra rientri in questa categoria.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ridisegnata nei dettagli e capace di offrire un allestimento più ricco, la Ford Ecosport sta riuscendo a ritagliarsi una fetta importante del mercato SUV. Il motore TDCi da 100 cv è il cuore giusto per lei? Scopriamolo in questa prova

L'articolo Prova Ford Ecosport 2018 <br> il bello della concretezza proviene da RED Live.

Nasce sulla base del Crafter e promette praticità e abitabilità da camper. A fine agosto ne sapremo di più

L'articolo Volkswagen Grand California, perché la vita è un viaggio proviene da RED Live.

Piegano come una moto (a volte pure di più) ma offrono più sicurezza e abitabilità. Con un buon "allestimento" possono essere una valida alternativa all'auto offrendo velocità e agilità da scooter e protezione (anche dei vestiti) da auto. Sono i mezzi a tre ruote, sia scooter sia moto, con sistema di basculamento. Quasi tutti scooter hanno però una guest star. Ecco quali sono e come vanno.

L'articolo Moto e scooter, quando due ruote non bastano. Ecco i migliori tre ruote proviene da RED Live.

I prezzi partono da 24.650 euro, quattro gli allestimenti disponibili

L'articolo Peugeot 2008, arriva il 1.5 BlueHDi con cambio automatico proviene da RED Live.

Per chi vuole qualcosa in più della solita Sport Utility, con l'accento sulla sportività. Farà il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi, in ottobre

L'articolo Skoda Karoq Sportline, la SUV che va di fretta proviene da RED Live.