Google+

Cina. Musulmani o cristiani poco importa, chi non si sottomette al partito viene punito

aprile 12, 2017 Leone Grotti

Nello Xinjiang punito un funzionario del partito per non aver offeso i musulmani. Nel Fujian vescovo cattolico sequestrato dalle autorità: «Deve studiare»

guo-xijin-mindong-cina

Un ufficiale del partito comunista in Cina è stato punito nello Xinjiang per aver rispettato un gruppo di anziani musulmani. Jelil Matniyaz, capo del partito di un villaggio della prefettura di Hotan, si è trattenuto dal fumare davanti a un gruppo di religiosi uiguri sapendo che questi considerano il fumo “haram”, proibito.

96 UFFICIALI PUNITI. Matniyaz è stato ritenuto colpevole insieme ad altri 96 ufficiali locali durante un’ispezione interna del nuovo leader regionale del partito, Chen Quanguo, trasferito dal Tibet per risolvere il problema dell’estremismo uiguro. Il gesto del capo villaggio, hanno riportato i giornali locali cinesi, è stato sanzionato per la «mancata presa di posizione politica» e per la «scarsa dedizione alla secolarizzazione».

REPRESSIONE DEGLI UIGURI. Lo Xinjiang è la regione più turbolenta della Cina e una delle più militarizzate dal partito comunista. Qui l’etnia uigura, composta da nove milioni di persone turcofone in prevalenza musulmane, è da decenni perseguitata. Il partito ha imposto pesanti restrizioni alla libertà religiosa dei musulmani, all’insegnamento della lingua e della cultura locale, alla libertà di associazione e di espressione. Il governo giustifica le misure repressive citando la necessità di prevenire rivolte come quella famosa del 2009 e impedire nuovi attentati terroristici nella regione. Per scoraggiare ogni insurrezione, il partito è tornato a inscenare esecuzioni di massa in pubblico e gigantesche parate militari per le vie di Urumqi.

SPARITO UN VESCOVO. Non solo i musulmani vengono visti con sospetto da Pechino, che impedisce nello Xinjiang di farsi crescere la barba o di digiunare durante il Ramadan. Tutte le religioni sono perseguitate e diventano problematiche per la «sicurezza e la stabilità» del paese se si rifiutano di seguire in tutto e per tutto la strada tracciata dal partito comunista. Cioè, se si rifiutano di «sinizzarsi». Così lo scorso 6 aprile le autorità hanno fatto “sparire” monsignor Vincenzo Guo Xijin, vescovo cattolico sotterraneo della diocesi di Mindong, che, pur non essendo riconosciuto dal governo, è il responsabile ordinario della diocesi.

«DEVE STUDIARE». Come riportato da AsiaNews, dopo le insistenti proteste della comunità (80 mila cattolici) il capo della Pubblica sicurezza di Ningde ha spiegato che «il vescovo ha bisogno di studiare e imparare». Per questo è stato sequestrato per 20 giorni e non potrà celebrare la Pasqua. I fedeli, scrive l’agenzia stampa, «temono che monsignor Guo venga sottoposto al lavaggio del cervello per ottenere da lui l’iscrizione e la sottomissione all’Associazione patriottica».

ROCCAFORTE CATTOLICA. Altre fonti spiegano che «le autorità vogliono impedirgli di celebrare la sua prima Messa del crisma del Giovedì Santo, segno di unità della Chiesa in tutta la diocesi». Il vescovo, infatti, ha da poco preso il posto del suo predecessore. La provincia di Fujian, dove si trova la diocesi di Mindong, è una delle roccaforti della Chiesa sotterranea con 370 mila fedeli. Uno dei vescovi ufficiali della diocesi, monsignor Vincent Zhan Xilu, fa parte dei sette alti prelati non riconosciuti dal Vaticano. Nel corso delle trattative tra Pechino e Santa Sede, il partito avrebbe più volte chiesto a Roma di riconoscerlo, finora senza successo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sul mercato dal 2010 e aggiornata nel 2014, la Lexus CT200h iniziava a soffrire di uno sdoppiamento della personalità. A una meccanica moderna si accompagnava infatti una linea ardita sì, ma ormai un po’ datata. Una contrapposizione ora sanata dalla divisione di lusso Toyota che sottopone la propria berlina ibrida a un restyling sia estetico […]

L'articolo Lexus CT200h MY18: il cuore non si tocca proviene da RED Live.

Vernice opaca Verde Alpi, vetri posteriori oscurati e un’indole sportiveggiante: la Fiat 500X, una delle SUV compatte più apprezzate sul mercato, debutta nell’inedito allestimento S-Design, disponibile sia per la configurazione “cittadina” City Look sia per quella più fuoristradistica Off-Road Look. Prezzi da 19.950 euro. Vernice satinata a 1.300 euro La Fiat 500X, che condivide la […]

L'articolo Fiat 500X S-Design: urban look proviene da RED Live.

Il Festival della velocità si avvicina e, come ogni anno, la McLaren celebra il rito di Goodwood con una novità. Quest’anno tocca alla 570S Spider, vettura che va ad ampliare la gamma delle Sport Series in attesa dell’entrata a listino della nuova 720S, massima esponente della famiglia Super Series. Trasmissione a doppia frizione Non manca […]

L'articolo McLaren 570S Spider: io non ingrasso proviene da RED Live.

AMR, come Aston Martin Racing. La divisione sportiva della Casa inglese presenta una versione estrema della supercar Vantage, disponibile in configurazione sia coupé sia roadster e con entrambi i propulsori in gamma, vale a dire il V8 4.7 e il V12 6.0. Punto di congiunzione tra la strada e la pista, la Vantage AMR mutua […]

L'articolo Aston Martin Vantage AMR: la pista nelle vene proviene da RED Live.

Secondo le previsioni di Kia il segmento dei cosiddetti B-SUV sarà quello che avrà la maggior crescita nei prossimi anni. I vertici della Casa si aspettano che nel 2020 in Europa la quota di mercato dei SUV compatti salga al 10%, con un volume totale di due milioni di pezzi venduti. Con questa prospettiva hanno […]

L'articolo Vista e toccata – Kia Stonic proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana