Google+

Cina, 400 milioni di aborti e 196 milioni di sterilizzazioni in trent’anni. L’emblematica storia di Dhai

marzo 20, 2013 Benedetta Frigerio

Il regime conferma i dati e comincia a temere per l’economia. Se si andrà avanti con la politica del figlio unico «avremo una situazione negativa quanto quella dell’Europa meridionale»

​Aborto in Cina. Si parlava di 330 milioni di aborti. Ora il governo conferma i numeri, rivelando che l’approssimazione va fatta per eccesso visti i molti casi non registrati. Si parla, infatti, di 400 milioni finora sbandierati come un successo dalla Repubblica Popolare cinese, che dal 1979 a oggi ha adottato la politica del figlio unico.

MENO 1/3 DELLA POPOLAZIONE. Così la popolazione cinese si è ridotta di un terzo in soli 30 anni. Ma i dati diffusi qualche giorno fa dal governo dicono di più: nello stesso periodo 196 milioni di uomini e donne cinesi sono stati sottoposti a sterilizzazione, mentre 403 milioni di donne hanno usato le spirali intrauterine per evitare la gravidanza. La politica demografica di Deng Xioaping, in concomitanza all’apertura economica del paese, ha generato migliaia di vicende personali drammatiche, che di tanto in tanto riescono ad arrivare sulle cronache internazionali. Ora è più evidente il dramma collettivo. Infatti, sebbene non siano mancate le nascite illegali, ora la Cina sta pagando i danni di questa politica anche nei termini per cui l’aveva voluta, quelli economici. Non a caso, domenica scorsa, si è chiuso il diciottesimo Congresso nazionale del popolo a Pechino con l’annuncio dello scioglimento della Commissione per la pianificazione familiare, accorpata nel ministero della Sanità.

CAMBIO DI ROTTA? Nessuna rottura rispetto all’ideologia passata, nessun apprezzamento della vita umana, ma il partito si sta accorgendo dell’innalzamento dell’età media e che una prole sempre meno numerosa diventa un pericolo grave per l’economia del paese. Tanto che già a fine ottobre scorso, in un rapporto della Fondazione governativa per la ricerca sullo sviluppo, si parlava di allargare il numero dei figli a due per arrivare alla piena libertà di procreare nel 2020. Li Jiamin, uno degli autori del rapporto, ha dichiarato che «se la Cina conferma la politica del figlio unico, avremo una situazione negativa quanto quella dell’Europa meridionale e gli anziani rappresenteranno un terzo della popolazione entro il 2050».

UNA STORIA EMBLEMATICA. Resta la contraddizione emblematica nella  vicenda di Cao, una donna cinese incinta di 5 mesi, che nel giugno scorso era stata maltrattata dagli ufficiali del governo che volevano forzarla ad abortire. Tuttavia, vista la mancanza di spazio in ospedale, la donna era stata trasferita in albergo e la sua vicenda era stata denunciata. A quel punto Bob Fu ,presidente dell’associazione ChinaAid, aveva personalmente contattato gli ufficiali governativi e un membro del congresso americano, Chris Smith, aveva fatto lo stesso. Il governo si era fermato e il 15 ottobre scorso il bambino, Dhai (che significa “aiuto da oltreoceano”) è nato. La donna ha inviato una lettera di ringraziamento a Smith. Il governo, pur avendo ceduto, non ha riconosciuto il bambino come un suo cittadino con pieni diritti. Anzi, Cao dovrà pure pagare una multa di 15 mila dollari allo Stato.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

No, decisamente la Volkswagen non poteva restare a guardare. Il segmento delle B-Suv, vale a dire delle sport utility compatte, vive un momento di grande fermento e successo. La Casa tedesca, che sinora aveva nella Tiguan la proposta più “piccola”, doveva correre ai ripari. Ecco dunque avvicinarsi la presentazione ufficiale, prevista in occasione del Salone […]

L'articolo Volkswagen T-Roc: pronta alla battaglia proviene da RED Live.

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana