Google+

«Chirurgia estetica? Considerarsi padroni ultimi del proprio corpo porta a infiniti problemi»

giugno 20, 2012 Sara Caspani

Il Parlamento inglese ha proposto una legge che impone visite psichiatriche a chi si sottopone alla chirurgia estetica. Lo psicoterapeuta Claudio Risè: «Giusto, è un problema che colpisce più l’anima che il corpo».

Prima di farsi operare dal chirurgo estetico, sarà obbligatorio sottoporsi a una visita psichiatrica. È quello che accadrà se passerà la nuova proposta di legge del Parlamento inglese. Londra vuole rispondere così alla pubblicazione di un rapporto dell’All Party Parliamentary Group (Appg), intitolato “Reflections on Body Image” e uscito il 30 maggio scorso, che denuncia la crescente difficoltà del popolo inglese a rapportarsi con il proprio corpo. Secondo il rapporto gli inglesi si trovano immersi in una crisi dell’immagine corporea tale che rischia di degenerare in una vera e propria malattia mentale. La proposta ha dunque l’obiettivo di verificare l’idoneità psichica delle persone. Le opinioni all’interno dello stesso Parlamento sono discordanti ma la dismorfofobia, termine tecnico che indica la fobia che nasce da una visione distorta del proprio aspetto esteriore, è diventata davvero un problema serio nella società inglese, che ha registrato nel 2012 un notevole aumento delle richieste di operazioni chirurgiche. La presidentessa dell’Appg conferma: «L’insoddisfazione nei confronti della propria immagine corporea ha raggiunto picchi mai visti e l’ossessione a conformarsi a un ideale di corpo inesistente e malato sta devastando l’autostima e l’accettazione di molte persone».

«La mossa proposta dal Parlamento mi pare molto intelligente e poco convenzionale nei confronti dell’industria dell’immagine che è motore di uno degli aspetti peggiori della nostra epoca» dichiara a tempi.it Claudio Risè, scrittore e psicoterapeuta. «Molto spesso gli interventi di chirurgia estetica sono dettati da problemi di distorsione della propria figura. Dare sfogo a questo impulso di cambiamento significa aggravare la patologia, sia per lo stress che il corpo ferito subisce sia per l’inutilità dell’intervento». La causa principale di una percezione negativa del proprio corpo, a detta della stragrande maggioranza degli psicologi, deriva da problemi di natura familiare o relazionali sorti nell’ambiente scolastico o di lavoro. E può colpire tutti, a prescindere da status, età, etnia e sesso.

Una delle cause di questo “estetismo compulsivo”, anche se non l’unica, è il cosiddetto bombardamento mediatico. La British Association of Aesthetic Plastic Surgeons (Baaps) ha per questo proposto di scrivere nuove regole per limitare le campagne pubblicitarie a favore delle operazioni chirurgiche, reclamando un loro totale divieto nei luoghi pubblici e sui mezzi di trasporto. «La persona insegue un’immagine che non ha nulla a che vedere con la propria immagine reale oggettiva – continua Risè – L’errore di considerarsi come padroni ultimi del proprio corpo porta a infiniti problemi correlati che colpiscono più l’anima che il corpo».

Uno dei maggiori danni causati dalla fabbrica della bellezza ideale, che non si limita più a offrire ciò che l’uomo desidera ma impone all’uomo quello che deve desiderare, è spingere la persona a credere che il corpo, ridotto a un mero involucro di carne, non solo è slegato ma perfino ostile a quello che si vorrebbe essere. Il travaglio dell’accettazione della propria immagine corporea tipico dell’età adolescenziale, conclude Risè, si protrae così nel tempo in maniera tormentata e spasmodica, provocando insoddisfazione e fomentando «una ricerca inarrestabile di modifiche che causa dipendenza dagli interventi di chirurgia plastica. Così si ostentano corpi perfettamente ricostruiti ma totalmente devastati».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Pallaoro scrive:

    La chirurgia estetica infatti è – e deve rimanere – una cosa seria riservata a coloro che hanno raggiunto una maturità psicologica tale da poter esprimere un valido consenso informato.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana