Google+

Chimes of Freedom: Bob Dylan diventa pop grazie ad Amnesty International

febbraio 20, 2012 Carlo Candiani

Per festeggiare il mezzo secolo di attività, l’associazione per la difesa dei diritti umani ha scelto 73 artisti internazionali per interpretare altrettante canzoni del menestrello d’America. Il risultato è uno dei dischi migliori di questo inizio anno.

Monumentale tributo all’arte di Bob Dylan sotto l’insegna benefica di Amnesty International. Per festeggiare i cinquant’anni di vita dell’associazione che lotta per la difesa dei diritti umani, molti nomi dello star system canoro hanno interpretato 73 brani del repertorio di uno dei più grandi artisti della musica internazionale. Quattro cd dal prezzo assolutamente accessibile, per 320 minuti di parata canora irripetibile: Sting, Mark Knopfler, Patty Smith, Elvis Costello, Bryan Ferry, Carly Simon, Joan Baez, Pete Seeger, Adele e poi gli emergenti dell’alternative rock, del folk irlandese, del pop in classifica. Interpreti che si misurano con pietre miliari della produzione dylaniana come Knockin’ on Heaven’s Door, Mr. Tambourine Man, Lay Lady Lay, Blowin’ in the Wind. Una vera festa di voci, suoni e ritmi dove in alcuni casi il rigore e l’essenzialità degli originali vengono stravolti senza mai mancare di rispetto. D’altronde lo stesso Dylan ama cambiare la struttura dei suoi classici rendendoli quasi irriconoscibili anche ai suoi fan più fedeli durante i Neverending Tour.

Chimes of Freedom, questo il titolo dell’album che prende il nome da un brano archeologico di Dylan, è una delle operazioni discografiche più interessanti di questo primo scorcio del 2012. Una lunga traversata nel “mare magnum” della tradizione americana musicale degli ultimi sessant’anni, attraverso le note e le parole del suo più prestigioso rappresentante. Che, grazie alla vitalità e alla qualità di molti degli arrangiamenti presentati, ha la possibilità di uscire dalla gabbia del folk – rock, per diventare finalmente pop, icona di quella popular music universale. Il consiglio è andare a riascoltare le versioni originali per scoprire gemme musicali magari dimenticate ma di cui, dopo il primo ascolto, non potrete più fare a meno.
 

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Can I just say what a reduction to find someone who actually knows what theyre talking about on the internet. You positively know how to carry a problem to gentle and make it important. More individuals must read this and understand this side of the story. I cant imagine youre no more in style because you positively have the gift.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

I nuovi Michelin Road 5 alzano l’asticella: c’è più grip sul bagnato rispetto ai Pilot Road 4 e il degrado delle prestazioni è più costante

L'articolo Michelin Road 5, turistiche (non) per caso proviene da RED Live.

Nata dalla collaborazione tra Lapo Elkann e Horacio Pagani, la Pagani Huayra Lampo è una speciale one-off che s’ispira alla mitica Fiat Turbina

L'articolo Huayra Lampo, la Pagani di Lapo proviene da RED Live.

Una M5 è già di per sé abbastanza esclusiva e performante? Non tutti la pensano in questo modo. Tanto che la BMW ha presentato i nuovi accessori della linea M Performance dedicati alla berlina sportiva della Motorsport. Un’anteprima affiancata dall’unveiling della M3 30 Years American Edition. Una versione speciale allestita per celebrare i 30 anni […]

L'articolo BMW M5 M Performance: fibre preziose proviene da RED Live.

I nuovi Kymco People S 125 e 150 2018 si rifanno nel look e sfruttano motori di ultima generazione. Piccole novità anche nella ciclistica, aggiornata e ora più rigida.

L'articolo Kymco People S 125 e 150 2018 proviene da RED Live.

PROLOGO Cento anni fa, era il 4 novembre 1917, nella fase più cruenta del grande conflitto mondiale, prese il via la 13ª edizione del Giro di Lombardia. Incredibile come solo undici giorni dopo la tragica battaglia di Caporetto (24 ottobre), che ci costò 12.000 morti, 30.000 feriti e oltre 260.000 prigionieri, la Gazzetta dello Sport […]

L'articolo Giro di Lombardia, 100 anni dopo proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download