Google+

Chiamatelo Governo Gentiloni. O anche “Renzi bis”

dicembre 13, 2016 Redazione

Pochi cambiamenti nel nuovo esecutivo. Trovato un nuovo posto a Lotti e Boschi. Numeri risicati al Senato dove mancherà l’appoggio di Ala.

«Serviva un politico discreto e di basso profilo. E nel governo di Renzi c’era molta scelta», perché «l’ex sindaco di Firenze si era impegnato a costruire un fossato di irrilevanza attorno alla sua figura carismatica». Non sono state esattamente delle parole d’elogio quelle utilizzate dal quotidiano spagnolo El Pais per presentare la figura di Paolo Gentiloni che ieri sera è salito al Quirinale per sciogliere la riserva e presentare la nuova squadra di governo.

I MINISTRI. A giudicare dalla squadra, cambia poco, pochissimo. Angelino Alfano passa agli Esteri. Agli Interni va Marco Minniti. Alla Giustizia rimane Andrea Orlando, così come all’Economia Pier Carlo Padoan, allo Sviluppo Carlo Calenda, alla Difesa Roberta Pinotti, alla Salute Beatrice Lorenzin, alle Politiche agricole Maurizio Martina, all’Ambiente Luca Galletti, ai Trasporti Graziano Del Rio, ai Beni Culturali Dario Franceschini, al Lavoro Giuliano Poletti. Maria Elena Boschi diventa sottosegretario di Stato alla presidenza del Consiglio. I ministri senza portafoglio sono Anna Finocchiaro (Rapporti Parlamento), Marianna Madia (Semplificazione e Pa), Enrico Costa (Affari Regionali), Claudio Devincenti (Coesione Territoriale e Mezzogiorno), Luca Lotti (Sport). Insomma, non sbaglia chi parla di “governo fotocopia”.
Anche se di cose da fare, il nuovo governo ne ha molte e alcune anche assai delicate: c’è da salvare Mps, l’eterna emergenza immigrati, le zone colpite dal sisma, solo per citarne tre.

FEDELI E IL GENDER A SCUOLA. Una menzione a parte merita la nomina all’Istruzione di Valeria Fedeli. Una novità che non è sfuggita a Eugenia Roccella (Idea), che ieri ha dichiarato: «Fedeli è un’accesa sostenitrice dell’introduzione del gender nelle scuole, e ha firmato un progetto di legge molto chiaro, per “Integrare l’offerta formativa dei curricoli scolastici, di ogni ordine e grado, con l’insegnamento a carattere interdisciplinare dell’educazione di genere come materia, e agendo anche con l’aggiornamento dei libri di testo e dei materiali didattici”. È uno schiaffo al popolo del Family day e al Comitato “Difendiamo i nostri figli”. Questo governo nasce già con lo stesso marchio di fabbrica del precedente sui temi etici e antropologici, ma subirà la stessa opposizione: non permetteremo che nelle scuole passino progetti ideologici e contrari alla libertà educativa».

QUANDO SI VOTA? Una cosa la si può già notare: è significativo che la domanda che aleggia su questo esecutivo non sia “che cosa deve fare?”, ma “quanto durerà?”. Sistemerà il pasticcio delle legge elettorale e poi si andrà al voto? Nessuno ha la sfera di cristallo e vedremo come reggerà al Senato dove i numeri sono risicati (Verdini, rimasto senza poltrone, si è sfilato) ed è probabile che la risposta a questa domanda si potrà dare quando si chiariranno i vincitori di alcune partite tutte interne al Pd. E cioè come uscirà Matteo Renzi dall’eventuale Congresso e primarie e quanto Gentiloni mostrerà di essere autonomo dal suo segretario. Dalla composizione del nuovo esecutivo parrebbe “poco”. Rispondendo ieri in un’intervista, Michele Anzaldi del Pd, che conosce bene sia il segretario sia il nuovo presidente del Consiglio, diceva, senza mezzi termini, queste parole: «Gentiloni è un generale, ma sa che Matteo è il più alto in grado».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download