Google+

Chi uccise Fabrizio Quattrocchi non era un terrorista

novembre 25, 2013 Redazione

Nove anni dopo l’uccisione del contractor italiano in Iraq, la Corte d’Assise di Roma non è riuscita a provare il legame che i due iracheni avrebbero avuto con gruppi eversivi e terroristici

Chi il 14 aprile del 2004 sparò alla testa di Fabrizio Quattrocchi, il contractor italiano rapito in Iraq assieme a tre suoi colleghi, non era un terrorista. Lo ha spiegato la Corte d’Assise di Roma, trasmettendo le motivazioni della sentenza relativa ad Ahmed Hillal Qubeidi e Hamid Hillal Al Oubeidi, i due responsabili del rapimento che furono poi catturati dalle forze armate statunitensi durante il blitz che portò alla liberazione di Maurizio Agliana, Salvatore Stefio e Umberto Cupertino, gli altri agenti privati detenuti assieme a Quattrocchi. Non è comprovato il legame che i due iracheni avrebbero avuto con gruppi eversivi e che quindi l’azione avesse avuto finalità terroristiche, è il motivo dell’assoluzione. il pm ha presentato ricorso.

LA MEDAGLIA DI CIAMPI. La decisione è destinata a far discutere, perché mina l’evidenza della cronaca di quei fatti, accaduti ormai 9 anni fa ma ancora ben chiari nella testa di tanti italiani: per 58 giorni i quattro contractors furono tenuti in ostaggio da un gruppo che si chiamava “Brigate dei muhajeddin” o “falangi verdi”, che rilasciarono anche un video in cui assicuravano il rilascio degli italiani qualora il Governo Berlusconi avesse ritirato le truppe impegnate in Iraq nella missione “Antica Babilonia”. Quattrocchi fu l’unico ad essere ucciso, freddato con un colpo alla nuca in diretta video, dove si sentono le sue ultime parole: «Vi faccio vedere come muore un italiano». Dopo quei fatti il presidente della Repubblica Ciampi gli conferì la Medaglia d’Oro al valor civile: «Di un brutale atto terroristico rivolto contro l’Italia, con eccezionale coraggio ed esemplare amor di Patria, affrontava la barbara esecuzione, tenendo alto il prestigio e l’onore del suo Paese».

I RIFERIMENTI AD AL QAEDA E NASSIRIYA. Parole che però non trovano paralleli nelle motivazioni dell’assoluzione. Non sono state ascoltate le richieste del pubblico ministero, che per i due uomini chiedeva 25 anni di carcere per finalità terroristiche. I giudici della prima Corte d’assise hanno espresso dubbi sul fatto che «quella pur grave azione delittuosa potesse avere una efficacia così destabilizzante da poter disarticolare la stessa struttura essenziale dello Stato democratico». Non è stato nemmeno ritenuto valido quanto riferito da Stefio, che testimoniava di aver sentito più volte, durante la prigionia, uno dei rapitori parlare di Al Qaeda, spiegando di aver preso parte anche all’attentato contro la base italiana di Nassiriya. Tutte queste, si legge nella motivazione, sarebbero state  «semplici vanterie dirette ad accrescere il timore delle vittime».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. marzio scrive:

    Ma si, con un po’ di buona volontà anche i tagliagole e terroristi islamisti di al qaeda possono essere considerati dei combattenti per la libertà……roba da manicomio criminale!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana