Google+

Chi sostiene le famiglie siriane di profughi in Libano e Turchia? I ragazzini

giugno 8, 2016 Leone Grotti

Molti hanno perso il padre in Siria e già a 13 anni devono lavorare per portare a casa qualche spicciolo per le loro famiglie. A Beirut come a Istanbul

Ali Rajab lavora circa 12 ore al giorno: spazza per terra, riempie boccette di profumo e aiuta a vendere cellulari nel negozio dov’è occupato nella capitale del Libano, Beirut. È contento del suo lavoro perché è meno faticoso del precedente: quando consegnava la spesa a domicilio e spingeva per la città un carretto di frutta e verdura. Rajab è scappato da Aleppo e dalla guerra due anni fa. Ha 13 anni e vive in un piccolo appartamento con i genitori e sei fratelli.

OTTO DOLLARI AL GIORNO. Più di 1,1 milioni di siriani ha trovato rifugio in Libano da quando è scoppiata la guerra nel 2011. La metà di loro è costituita da bambini e anche se alcuni vanno a scuola, altri non possono che lavorare. «Mi piace il mio lavoro, è facile e non troppo faticoso. Poi sono al riparo dal caldo in estate e dal freddo in inverno», spiega all’Associated Press Rajab, che guadagna 8 dollari al giorno, 250 al mese.

«PENSO SOLO AL LAVORO». La situazione di Mohannad al-Ashram, 15 anni, è ancora più difficile. Suo padre è morto due anni fa in Siria e ora tocca a lui mantenere la madre e tre sorelle. Lavora in un piccolo supermercato e con i soldi guadagnati paga l’affitto del piccolo appartamento in cui abitano. «Spesso mi sento molto stanco ma tengo duro. Ora penso solo al mio lavoro».

ANCHE IN TURCHIA. La vita di Mohannad e Rajab è simile a quella di Ahmad Suleiman. Anziché in Libano, vive in Turchia ma la sostanza è la stessa. Suo padre è morto quattro anni fa in guerra e ora tocca a lui lavorare per mantenere la famiglia in un’industria sartoriale di Istanbul. In Turchia vivono oltre un milione di bambini siriani e a migliaia sono costretti a lavorare. «Vorrei mandarlo a scuola, non sa leggere né scrivere e non riconosce neanche le scritte sugli autobus», dichiara la madre Zainab, 33 anni, al New York Times. «Ma non ho scelta. Deve lavorare per sopravvivere».

SFRUTTAMENTO. Il governo turco ha approvato un decreto per permettere ai siriani di lavorare legalmente, favorendo così il lavoro dei genitori per frenare lo sfruttamento dei bambini. Ma solo 10.300 profughi, in base alle nuove regole, hanno ottenuto il permesso di lavorare e i datori turchi preferiscono fare tutto in nero per pagarli di meno. Ahmad guadagna 60 dollari a settimana e quasi tutti servono per pagare l’affitto mensile da 270 dollari. Il padrone dell’azienda spiega di non averlo assunto per sfruttarlo, però, ma per fare un favore a lui e alla sua famiglia.

«SALVARE TUTTI DALLA POVERTÀ». «Mi piace lavorare e non vengo trattato male», dice il ragazzo, che si occupa delle cuciture dei jeans. «Il mio sogno è salvare chiunque dalla povertà, perché sono povero e non voglio che nessuno passi quello che sto passando io. Per farlo so che dovrei andare a scuola ma devo prendermi cura della mia figlia e questo è l’unico modo di farlo».

Foto Ansa/Ap


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.